Lavoretti per bambini da fare in casa

Pubblicato il 8 novembre 2018 da

lavoretti-per-bambini-da-fare-in-casa

Vi ho sempre detto quanto siano importanti per me i lavoretti per bambini e da 10 anni insisto nel coinvolgervi in questa passione, che non è fine a se stessa, ma per quanto mi riguarda ha una grande valenza educativa.

I lavoretti per bambini sono importanti da tanti punti di vista:

  • sviluppano la manualità del bambino e la cosiddetta la motricità fine;
  • sviluppano la coordinazione mano-occhio;
  • sviluppano la capacità di problem solving nel bambino, ovvero imparare a risolvere problemi in modo creativo,adottando soluzioni concrete alle difficoltà;
  • sviluppano in special modo una relazione emotiva molto forte tra genitore e bambino, perché misurarsi insieme nella creatività migliora la conoscenza reciproca;
  • sviluppano l’autostima del bambino, che si rende capace di portare a termine un piccolo obiettivo e scopre il suo talento.

È chiaro che, per come intendo io i lavoretti per bambini da fare in casa, questi non siano né da paragonarsi a un compito di scuola, né debbano diventare uno stress per genitori e bambini, né tanto meno debbano essere realizzati a forza solo per dimostrare agli altri che i nostri figli sono capaci di creare qualcosa di ‘carino’.

Paradossalmente, amo molto di più i lavoretti fatti in casa, rispetto a quelli che vengono fatti a scuola per festività come il Natale, le feste della mamma e del papà, ecc, perché spesso gli insegnanti, avendo a che fare con molti bambini contemporaneamente, cedono alla tentazione di realizzare il lavoretto al posto del bambino per fare bella figura con i genitori.

Un lavoretto per bambini per come lo intendo io, invece, potrebbe essere definito come una vera e propria attività creativa che ha come obiettivo non la creazione finale, ma il processo creativo che interviene durante l’attività stessa.
Quindi è un mezzo, ma non un fine.

Il nostro obiettivo infatti non è proporre ai bambini dei lavoretti creativi per decorare la cameretta, fare i biglietti di San Valentino e fare centrotavola per Natale (utili, ma non necessari), ma proporre loro nelle attività creative che ne sviluppino le potenzialità, li divertano, li intrattengano in modo intelligente (quando ad esempio non si può uscire fuori casa), li aiutino ad aumentare la fiducia in se stessi rendendosi conto che sono bravi e stanno esprimendo il proprio talento.

Per fare in modo che i lavoretti diventino attività creative che davvero rinforzano il carattere del bambino, i suoi talenti, la sua autostima e la fiducia in se stesso, dobbiamo essere molto bravi a presentare i materiali al momento giusto e all’età giusta, proprio come ci ha insegnato Maria Montessori nel suo metodo pedagogico.

Quindi dobbiamo studiare dei lavoretti adatti all’età dei bambini, non solo in base al loro grado di difficoltà, ma anche al tempo che occorre per realizzarli.
La soglia di attenzione di un bambino di 2 anni è estremamente ridotta – diciamo intorno ai 15-20 minuti -, mentre con i ragazzi delle elementari o delle superiori possiamo ovviamente strutturare dei lavori che non solo durino più tempo, ma si sviluppino anche nell’arco di più giorni, aiutandoli quindi ad acquisire anche delle capacità di progettazione e di definizione delle tempistiche.

A questo proposito, io ho sempre preparato in anticipo i lavoretti stampandoli da Mammafelice e raccogliendoli in un quadernone ad anelli. Ogni  volta che proponevo un lavoretto a mia figlia, lo proponevo proprio come avrebbe fatto Maria Montessori: disponendo il necessario su un vassoio in cui erano contenuti il tutorial con la foto del risultato finale, ma anche tutti i materiali già predisposti per iniziare subito a lavorare.

I bambini infatti non hanno assolutamente pazienza di aspettare che recuperiamo nei vari cassetti tutti i materiali creativi che ci servono; rischiamo solo di sprecare la loro soglia di attenzione senza nemmeno iniziare a lavorare insieme (e quindi di mettere in aria tutta la cucina, per poi farli stancare subito e perdere la loro attenzione). Molto meglio preparare tutto in anticipo e invitare il bambino a giocare solo quando tutto è pronto.

Lavoretti con la carta

Tra i miei lavoretti preferiti ci sono decisamente quelli con la carta e il cartoncino colorati, perché sono estremamente semplici da realizzare: necessitano infatti di materiali di uso comune e di una semplice colla stic.

Inoltre, creare con la carta ci permette di lasciare sperimentare i bambini con le forbici e anche nel movimento dello strappare la carta, attività entrambe molto importanti per potenziare la motricità fine nei bambini e quindi rinforzare i muscoli della mano e del braccio.
Attività, queste, che sono assolutamente propedeutiche alla scrittura.

Da Nicoletta Costa ho imparato una lezione molto importante: ai bambini dobbiamo offrire materiali di ottima qualità e non materiali di scarto o di riciclo.

Capisco la comodità, soprattutto nelle scuole, di far disegnare o scarabocchiare i bambini su fogli di recupero che prima erano stati fatture, ordini di trasporto, orari di lavoro, eccetera, ma i bambini hanno bisogno di sapere che le proprie attività creative sono importanti per noi e anche per se stessi, e che meritano dunque lo spazio adeguato anche sul foglio.

Del resto carta, cartoncino colorato e colla stic UHU costano talmente poco, che possiamo davvero sceglierli di ottima qualità senza rimorsi.

Per quanto mi riguarda io da ormai 15 anni uso solo la colla UHU, non solo per lavoro, ma anche per  piacere. Ritengo sia in assoluto la migliore colla stic e lo pensavo anche prima di lavorare con loro (anzi, è proprio questo il motivo per cui abbiamo iniziato a collaborare: perché la usavo già nella mia vita ‘vera’): è una colla molto solida, che non si spreca e non si consuma velocemente, che non lascia grumi, che non si secca facilmente, veramente facile da utilizzare anche per bambini estremamente piccoli, oltre che ovviamente assolutamente sicura per loro.

Per quanto riguarda carta e cartoncini colorati io li compro spesso al LIDL perché li trovo in offerta e ritengo siano di estrema qualità, e ne compro tantissima da Borgione, che è un altro dei miei lovely sponsor, da cui faccio incetta di materiali creativi di tutti i tipi, compresi i cartelloni colorati di varie misure che taglio della dimensione che mi è più utile nelle varie attività.

lavoretti estate

Tra i lavoretti con la carta vi consiglio sicuramente di iniziare con i bambini piccolissimi a comporre dei piccoli collage colorati con materiali misti.

Per esempio a mia figlia, intorno ai 2 anni, proponevo di completare delle figure a forma di anguria o di frutta a cui attaccare pezzetti di carta da strappare a mano o tagliare con le forbici, da completare con piccoli bottoncini colorati e colla vinilica.

arte-per-bambini-mosaico-bizantino-collage
Quando i bambini saranno più grandi possiamo proporre loro dei collage più strutturati, oppure dei mosaici che rappresentano anche figure umane o dipinti famosi.

paul-klee-bambini

Per esempio uno dei lavori più belli che ho fatto con mia figlia da piccola è stato quello di stampare e destrutturare alcuni dipinti famosi (per esempio quello di Paul Klee), per incollarli su cartoncino colorato dando loro una nuova natura.

Una volta acquisita la manualità necessaria, i bambini potranno allora affezionarsi anche ai lavoretti tematici, per esempio: biglietti di compleanno o di San Valentino, paesaggi metropolitani, creazione di personaggi e animali con carta colorata e rotoli della carta igienica, fino alle decorazioni per la casa.

lavoretti-riciclo-creativo_decorazione-casa-scritta-home-giornali-riviste

Recentemente ho creato per UHU un tutorial di un pannello decorativo in stile country o shabby chic da appendere in casa, con la scritta HOME, realizzato con una serie di riviste di moda ritagliate e incollate su sagome di cartone.

Questo tipo di lavoro andrà bene dai ragazzi un po’ più grandi, ma anche per tutti quei bambini che hanno già acquisito non solo le prime capacità di motricità fine e anche un buon livello di coordinazione oculo-manuale, ma soprattutto per quelli che hanno acquisito la capacità di concentrarsi più a lungo e di affrontare le attività creative con maggiore precisione.

Ricordiamoci infatti che ogni lavoretto deve essere proposto al momento giusto e all’età giusta, il modo che i bambini possano portarlo a termine senza sentirsi frustrati o stanchi, in modo che davvero, attraverso questa attività creativa, possano rinforzare la propria autostima e fiducia in se stessi, e non invece ritenersi incapaci di portare a termine un compito anche molto semplice.

Lavoretti che stimolano la concentrazione e la manualità

tagliatelle fatte in casa

Per stimolare la motricità fine, ovvero la capacità di compiere gesti molto precisi con le mani e con le dita, possiamo utilizzare tutta una serie di lavoretti di stampo Montessori che ho raccontato molto frequentemente qui su Mammafelice.

LEGGI: Giochi Montessori per sviluppare la motricità fine, divisi per età.

Dall’infilare bottoni o allacciarsi le scarpe, al fare travasi di liquidi o solidi, fino al preparare l’impasto per la pizza o le tagliatelle. Quindi anche tutte le cosiddette attività pratiche del Metodo Montessori che coinvolgono i bambini nella gestione della casa, o nel raggiungimento delle proprie autonomie (lavarsi, vestirsi…).

Lavoretti per imparare i colori

montessori-attivita-vita-pratica-motricita-fine-appaiamenti-di-colore-con-bottoni

LEGGI: Lavoretti per imparare i colori attraverso l’appaiamento

Tutto può essere trasformato in un’attività divertente, con i bambini: anche stendere il bucato appaiando le mollette due a due per colore.

Con alcuni ritagli di carta, dei bottoni colorati o delle clips, possiamo aiutare i bambini a capire non solo il nome dei colori, ma anche le loro gradazioni e sfumature, proprio come previsto nel Metodo Montessori con l’uso delle spolette di colore.

Lavoretti di riciclo creativo

lavoretti-riciclo-creativo_barattoli-vetro-decorati

Infine non dimentichiamoci di rendere partecipi i bambini dei nostri progetti di sostenibilità ambientale ed ecologia, attraverso il riuso e riciclo creativo degli oggetti che non utilizziamo più. Una scatola vuota di cereali, i vasetti dello yogurt, la carta dei regali, vasetti di vetro di vario tipo, nastrini e bottoni trovati in un cassetto, eccetera.

Per esempio, un lavoretto molto molto carino da realizzare con i ragazzi grandi, per riciclare tutte le sorpresine delle ovetti ovetti di cioccolata che ormai non sappiamo più dove mettere, è creare dei vasetti colorati di design dove riporre i materiali della scrivania, gommine, slime fatto in casa con le ricette che vi ho illustrato di UHU, eccetera.

Sono estremamente semplici da fare e ci permetteranno di riutilizzare i barattoli vuoti delle marmellate e delle conserve, anche per eventuali regali di Natale a costo zero.

Le possibilità sono infinite. Tutto dipende da noi genitori e dalla nostra predisposizione d’animo. 

Spesso sento dire, dai genitori: Non sopporto i miei figli e non vedo l’ora che vadano a scuola; Non mi piace giocare con loro; Mi annoio a passare le giornate in casa con loro.

Allora forse ciò a cui dobbiamo ripensare è proprio la relazione che abbiamo con i figli: cosa ci piace di loro? come possiamo stare insieme senza tensioni e litigi?

Per me la risposta è la creatività: mettersi tutti insieme a realizzare qualcosa di creativo, tenere le mani occupate senza dover giocare a giochi di fantasia o alle bambole, per realizzare insieme qualcosa di concreto – che non è solo l’oggetto in sé, ma anche il legame emotivo che ne deriva.



Commenti

7 Commenti per “Lavoretti per bambini da fare in casa”
  1. fla

    Alla mia grande piace molto fare lavoretti e me lo chiede spesso..anche il piccolo è un trafficone..è un pò però difficile per me indirizzarlo verso cose che può e non può fare (non per la pulizia che mi interessa relativamente ,a per la sua sicurezza)..esempio..a entrambi piace “aiutarmi” in cucina…impastare e manipolare per me è ok per lui che ha due anni e mezzo…ma lui vuole anche mettere mano al bimby e vuole fare di testa sua e così poi ci arrabbiamo…

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (10 anni)

      Magari potresti dargli dei compiti fatti apposta per lui, tipo spremere con lo spremiagrumi manuale, tipo impastare a mano, farsi il suo panino da solo…

      • fla

        certo..queste cose gliele propongo…ma è sempre più attratto dall’elettricità..cmq ieri mentre davo una mano a mia nipote coi compiti era interessato al sio materiale scolastico…gli ho dato forbici e collo con una vecchia rivista e un attimo si è dilettato…poi si è dato ai travasi con l’imbuto…loro sono così…mille attività, non una sola

      • fla

        una domanda che non c’entra…c’è un modo per mettere delle foto nei messaggi…ogni tanto mi piacerebbe mostrarti le nostre “creazioni” maldestre

      • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
        Mamma Felice
        immagine livello
        Guru
        Mamma di Dafne (10 anni)

        C’era, ma abbiamo dovuto toglierlo a causa del GDPR (legge sulla privacy) 🙁
        Adesso chiedo a Nex se c’è qualche altro modo…

  2. Laura

    Ho conosciuto il tuo Blog proprio quando il mio primo figlio era piccolo e da allora non passa un giorno senza che lo legga: mi ha dato ispirazione ,coraggio, forza. Anche io credo nel potere dei lavoretti, ormai un must nella nostra famiglia! Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.