Olio EVO, cos’è e dove si compra

Pubblicato il 16 gennaio 2017 da

A volte in cucina si utilizzano sigle che non tutti conoscono, così spesso nelle mie ricette parlo di olio EVO dando per scontato che tutti sappiano che è l’abbreviazione per olio extravergine di oliva, e invece non è così scontato!

olio-evo-xtravergine-oliva-sigla-significato

Però adesso lo sapete: EVO sta per Extra Vergine di Oliva, il miglior olio e condimento che possiamo scegliere sia per cucinare, che per condire a freddo, che per preparare le pappe per i nostri bambini

Altre sigle che trovate spesso in cucina sono:

  • QB: quanto basta, di solito per indicare le dosi di sale e spezie, che vanno regolate a piacere;
  • PDS: pan di spagna;
  • PDZ pasta di zucchero;
  • MDP, macchina del pane;
  • DOP, Denominazione d’Origine Protetta;
  • IGP, Indicazione d’Origine Protetta;
  • DPC, Denominazione di Origine Controllata;
  • DOCG, Denominazione d’Origine Garantita e Controllata;
  • IGT, indicazione Geografica Tipica;
  • BIO, Biologico, da Coltivazione Biologica

L’olio extravergine di oliva si compra dunque al supermercato, ma un vero olio extravergine non costa poco. Un olio extravergine buono costa intorno ai 6-8eur, ma ha anche una resa molto alta: ne basta un goccio per cucinare e condire – e tra l’altro è sempre meglio usarne poco, ma buono.
Provate a cercare nelle vostre città se esistono frantoi o produttori locali, certificati, e di cui vi fidate: così avrete un olio buonissimo, biologico e a chilometro zero.

Con l’olio buono non dimenticate di fare il pinzimonio! Basta tagliare le verdure a bastoncino e gustarle in purezza con olio e sale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.