Ma come fai a far tutto?

Pubblicato il 13 Maggio 2010 da • Ultima revisione: 27 Novembre 2017

polpette sabbiose

Oggi inauguro una nuova Rubrica, dal titolo: Ma come fai a far tutto?
Spesso, quando mi trovo a parlare con qualche amica blogger, o quando incontro dal vivo le persone conosciute in Rete, molte mi chiedono, appunto, come faccio a far tutto.
Tutto? Tutto cosa?, rispondo.

Allora sfatiamo un mito e prendiamoci seriamente in giro: è impossibile fare tutto! Non ho mai pensato di potercela fare, e i fatti non mi hanno mai smentita.
Non riesco a fare niente! Solo che ovviamente quello che presento nel blog è quello che mi riesce, che viene bene; mica pubblico le schifezze, le cene bruciate, i panni da stirare… fino ad oggi!

Ecco il senso di questa rubrica: sveliamo gli altarini!
Per toccare con mano che, quando dico che sono una pasticciona, non sto mentendo!

E inizio da quelle polpette che vedete in foto: avrebbero dovuto essere delle polpette di lenticchie buonissime, come queste qui di Natalia. Solo che faccio sempre tutto di corsa,  senza misurare, senza pensare, facendo altre trecento cose contemporaneamente… e cosa succede se invece di 500gr di lenticchie COTTE, tu usi 500gr di lenticchie SECCHE?
Semplice! Crei le polpette sabbiose!

Eccole lì, le mie polpette sabbiose. Trenta!, trenta polpette immangiabili, la cucina da riverniciare, la cena saltata (a cui abbiamo rimediato ordinando una pizza) e tante risate: dubbiosa, prima di servirle, ne ho assaggiata una, e sono scoppiata a ridere come una scema!
Immangiabili era dire poco! Sabbia, polpette alla SABBIA!

Ecco qui la risposta al quesito, allora…
– Come fai a far tutto?
– Tutto cosa?
😉



Commenti

105 Commenti per “Ma come fai a far tutto?”
  1. hi hi hi di solito questi pastrocchi li faccio io! Se ti va di passare da me c’è un CANDY! 😆 Mammolina

  2. Sei una ventata di buonumore! Grazie per la sincerità.

  3. Fantastica! Sei stupenda nel modo in cui affronti questi “eventi”!
    Vorrei però evidenziare come una donna (tu) acquista maggiore stima nel momento in cui si rivela per quello che è, con le sue straordinarietà e i suoi limiti, i suoi successi e gli scivoloni. E soprattutto quanta energie si risparmiano a non dover a tutti i costi apparire perfetti?!
    Grazie di cuore.

  4. Grazie grazie grazie…. finalmente non sono più sola! :mrgreen: (… ma chissà perchè, lo sospettavo…. 😉 eh eh eh… )

  5. Ba, tu lo sai che sei un grandioso antidepressivo?
    Io ti voglio bene assai

  6. ieri sera ho spostato la tenda in camera da letto e c’era una ragnatela spaventosa! e meno male che il mio lavoro principale è fare la casalinga 😆

  7. mi devo preoccupare…a me non lo ha mai chiesto nessuno “come fai a far tutto?”

  8. Claudia

    che bello sapere che siamo un bel gruppo e che bello sapere che, come me, ci siete voi che mentre state facendo una cosa la mente è già alla successiva….es: carico la lavatrice e nel mentre sistemo il cestino porta detersivo…mi accorgo che è finita la scorta di carta igenica….vado a prenderla…apro la porta dello sgabuzzo e scopro che ci sono gli stivali da rimettere nella scarpiera e mentro apro la scatola sistemo meglio le scarpine di Giorgia e mi domando:ma ho acceso la lavatrice? e nel mentre stringo in mano il rotolo finito della carta igienica… oddio!!!!

  9. Sei fantastica!
    Semplicemente fantastica!
    E il tuo modo di prendere la vita mi piace assai!
    Dovremmo aprire una galleria fotografica per le immagini di salotti devastati dai giocattoli, bagni post-bagnetto, ricette bruciate, panni da stirare etc etc!!!

  10. Elisabetta

    😀
    adoro questo post!!!!ci fai sentire tutte sullo stesso piano..mamme disperate e imperfette, ma felici di esserlo e soprattutto consapevoli!

  11. vediamo, come riesco a far tutto?!
    sono una mamma che si arrangia 😆

  12. clarissa

    sei troppo forte! mi fai sentire meno pasticciona.
    Io cerco sempre di tenere la casa in ordine, di cucinare bene….ma il risultato non è sempre soddisfacente.

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (13 anni)

      Che brava che sei… invece casa mia è un disastro 🙁
      Una volta ero tanto brava, poi mi son persa per strada.

      • roxy

        non è che forse sono cambiate le nostre priorità e adesso sappiamo che è più importante un pò di tempo dedicato alle persone per noi importanti che una mensola senza un granello di polvere?

  13. EleVi2008

    Che bel post incoraggiante..mi sento molto molto meglio!!!!E’ fantastico essere in lieta compagnia

  14. michy ioelafavolamia

    e a me piaci dippiù 😉

  15. ciao a tutte mi unisco al club delle “mamme disperate” con un suggerimento è inutile rimuginare su quello che non riusciamo a concludere.Pensiamo piuttosto alle piccolissime cose riuscite bene e portate a termine e al diavolo i vetri sporchi e i panni da stirare!

  16. barbara

    Meno male non sono la sola che combina pasticci!!! 😀 Il fatto è che io non trovo il tempo nemmeno per fare delle cose ben riuscite 🙁
    Brava MammaFelice

  17. sei troppo forte ahahah! dall’immagine mi sembravano biscotti stile “brutti ma buoni” ahahah

  18. patrizia

    complimenti per questa nuova rubrica,come sei divertente,anche se a me sembravano biscotti,sono strafelice di sapere che ci sono tanteee mammme che non riescono a stirare, apulire i vetri ,e che il salone e’ un eterno campo di battaglia di macchinine aerei,motociclette colori,e dido appiccicato dappertutto,e sul tutto vigilano 2 gatti sempre in continuo divertimento,che bello pero’…anche se delle volte aiutooooo….ciao Patrizia P.

  19. 😉 bella questa nuova rubrica! Possiamo partecipare anche moi con i nostri “fallimenti” ? Ho appunto delle foto di pile di bucato da stirare e intere macchinette di caffè bruciato ( mi ostino a metterlo su quando vado a fare il bagnetto ad entrambi i miei figli… sarò idiota ,no?). Poi però pianto il pero e travaso le piante di pomodoro… NO, tutto non si può proprio fare… per fortuna! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *