La nostra Festa del Papà

Pubblicato il 20 Marzo 2009 da • Ultima revisione: 24 Ottobre 2017

E’ stata una serata tranquillissima, di quelle che piacciono a noi. Una piccola cena, qualche regalino semplice, di quelli che un po’ scaldano il cuore…
A noi in fondo piace vivere così: anche se il nostro è un Mulino Storto e viviamo di piccole cose, stiamo bene così e probabilmente non faremmo mai a cambio con nessun altro.

Al papino di Dafne è toccato un bigliettino commovente, che Dafne ha ‘disegnato’ nel pomeriggio e io ho assemblato (un po’ velocemente).Poi gli sono toccati due blocchetti di coupon, e devo dire che stasera voleva già ricattarmi usandone un paio 🙂

Infine gli è toccato questo scrap digitale, che gli ho preparato come sfondo del PC e che faceva bella mostra di sè, stasera, quando ha acceso il monitor. E la frase ‘sei il mio eroe del quotidiano‘ non l’ho scritta a caso, perchè lo penso davvero. Perchè oltre che amarlo, lo ammiro: per la sua volontà, la sua costanza, la voglia che tutte le mattine ci mette per andare al lavoro e tornare da noi sorridente, senza mai farci pesare le sue giornate malandate, senza mai una parola fuori posto o un gesto di stizza… E questo per me è eroismo, perchè saper ridere con quelli che ami, lasciandoti alle spalle le brutture della giornata, è una cosa che sanno fare solo gli eroi precari e contemporanei…

La cena è stata molto semplice, perchè rimediata con quello che avevamo in casa:
– un antipastino misto con olive, dadini di formaggio, fettine di coppa e salame;
– una focaccia morbida e alta molto buona;
– una zuppa di cereali e lenticchie (hackerata aggiungendo un trito di cipolla e pancetta);
– salsiccia al forno con broccoli (erano surgelati);
– zuppa inglese (che lui adora);
– macedonia di banane e ananas.

Occhei, sembra moltissima roba, ma le porzioni erano minime e i piatti davvero cucinati in modo semplice. Ecco un paio di ricette, per cui vale la pena di prendere un appunto 🙂

Focaccia con la MdP


Impasto:
300ml acqua
1 cucchiaio olio
1 cucchiaino sale
2 cucchiaini di zucchero
450gr farina
8gr lievito
(da aumentare in proporzione a seconda delle porzioni che si vogliono fare… questa va bene per due teglie piccole).

L’impasto per pizza risulta molto elastico e morbido, quando lo si tira fuori dalla macchina. E’ giusto così! Lo si impasta ancora con poca farina, e lo si stende lasciandolo bello morbido. Io l’ho steso a mano direttamente in teglia, lasciandolo un po’ alto, e l’ho rimesso a lievitare qualche ora. Poi ho fatto le ‘fossette’ alla pasta lievitata, schiacciandola in alcuni punti con i polpastrelli, e l’ho cosparsa con un’emulsione di olio e acqua (abbondante) e infine con sale grosso. Infornata a forno caldissimo finchè è dorata. E’ venuta davvero spettacolare.

Zuppa di cereali e lenticchie
La zuppa è di quelle ‘pronte’, secche, che si comprano alla Coop e che non necessitano di ammollo. Si sciacqua, si mette a cuocere con 750ml di acqua ogni 100gr di zuppa, e si lascia sul fuoco per 45-60 minuti.
A parte, io ho preparato un soffrittino con mezza cipolla e 1/4 di confezione di pancetta, tritate molto finemente. Quando la zuppa si è leggermente addensata, ho unito il soffritto, un goccino di olio, mezzo dado e del rosmarino. E ho fatto cuocere fino a quando è diventata bella densa e morbida.

Zuppa inglese
Incedibile, ma grazie a Natalia ho fatto la mia prima crema pasticcera… buonissima, e non al gusto di frittata. Mi stavo commuovendo!
(Natalia, sei grande, ti voglio bene!)

Riporto la ricetta della crema pasticcera segnalata da Natalia tra i commenti della cucina a microonde (pazzesco… io, io, proprio io ho fatto la crema pasticcera!):

In una ciotola in pirex, mescolare 6 cucchiai di zucchero, pari a 150gr, 4 tuorli, 2 cucchiai di farina (circa 50gr), 500ml di latte (intero, parzialmente, metà panna o metà latte…) e una scorza bella profumata di limone.
Mettere il latte a scaldare nel microonde per 2 min con la buccia di limone (alla temperatura vostra abituale).
Con una frusta sbattere i tuorli con lo zucchero e la farina: non devono montare, solo essere ben mescolati.
Unire il latte caldo un po’ alla volta, fino ad ottenere una crema liquida e omogenea.
Impostare la temperatura del forno a 500 o in posizione media, mettere la crema e scaldare per 2 minuti. Mescolare, poi scaldare altri 3 minuti e di nuovo mescolare e cuocere altri 2 minuti.
Togliere dal forno, mescolare un’ultima volta… e la crema è pronta!
(Io ho usato metà dose, e quindi mi è bastato fare 2+3 minuti di cottura… è una cosa fantastica!)

Da domani, crema pasticcera per tutti! 🙂

Infine la macedonia… che è una semplice e banale macedonia, ma che ho servito dentro l’ananas scavato (da cui ho ricavato tante palline di ananas) e condita con limone e rum. Hic! 🙂



Commenti

46 Commenti per “La nostra Festa del Papà”
  1. Stupenda la macedonia nell’ananas. Posso copiare l’idea? 🙂
    Auguri in ritardo a Nex!

  2. Mamma Felice (Mappano) - Ariete

    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (13 anni)

    Ovviamente sì… tanto più che l’ho sicuramente copiata anche io 🙂

  3. Non c’entra niente, ma volevo ringraziarti per i tuoi articoli.
    Grazie a te ieri ho comprato il nostro fasciatoio da Ikea. Spesa quasi nulla ed è perfetto in bagno! Anzi, è l’unico modello ad entrare in quell’angolo. Complimenti per tutto quello che fai!!!

  4. Mamma Felice (Mappano) - Ariete

    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (13 anni)

    Grazie di cuore! Sono felice che abbiate trovato il modello che fa per voi… vedrai che resistente! Dafne ha 15 mesi e noi lo usiamo regolarmente, nonostante adesso sia una ‘salamandra’ 🙂

  5. paola

    Alla fine ho fatto disegnare una maglietta per il Papa` al Bebone. Il davanti pieno dei suoi amorosi scarabochi (pennarelli indelebili da T-shirt), sul dietro la sagoma delle sue manine come due ali di angioletto!
    Nel contempo ho avuto 3 al prezzo di uno: pantaloni e bodi allegramente ed indelebilmente dipinti ;)))))))

  6. Mamma Felice (Mappano) - Ariete

    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (13 anni)

    Paola, che forte… ma ci pensi che quella maglietta tra tanti anni diventerà una sorta di cimelio? 🙂

  7. paola

    Specialmente se il Bebone diventara` un artista quotato come la bimbetta australiana di due anni, povera!!!!

  8. Mamma Felice (Mappano) - Ariete

    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (13 anni)

    Pensa che mio marito poco tempo fa, nel fondo di un armadio, ha ritrovato una maglietta che gli era stata firmata e regalata dai suoi compagni di scuola… e si è commosso.

  9. Belinda

    Bravissima!!!
    Il mio moroso ti vuole sposare.
    Ciao Belinda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *