Pizza: ricetta, crosta, condimenti

Pubblicato il 14 Aprile 2009 da • Ultima revisione: 24 Ottobre 2017

pizza-margherita

La ricetta per preparare la vera pizza a casa: facile, gustosa, da cuocere con la crosta napoletana o a crosta sottile, a piacimento.

Se mi chiedete qual è il mio piatto preferito, io risponderò sempre e solo: pizza! Mi piace la pizza delle pizzerie, quella bassa e quella alta, le pizzette surgelate e la pizza del supermercato, la pizza di soia, quella del discount, quella al taglio, persino quella ammericana con il mais e quelle schifezze sopra!

Mangerei la pizza anche se fosse di plastica. Per questo non potrò mai, mai, mai andare a lavorare né in una panetteria, né in una pizzeria: fallirebbero in una settimana.

Quindi io la pizza la faccio spesso (oltre che mangiarla spesso) e la facevo già da bambina. E, quando ero piccola, se non ero capace di fare la pizza vera, la facevo finta: fetta di pan carré, salsa di pomodoro, mozzarella e origano; in forno fino a doratura. Facile, no?

Adesso che ho la macchina del pane, faccio l’impasto direttamente così, e viene una pizza davvero buona, ma soprattutto digeribile, perché l’impasto lievita a lungo.
Ma se mi sveglio all’ultimo secondo, sono capace anche di impastare a mano (con il robot da cucina, con le lame) e usare il lievito istantaneo.
Ed essendo che non ho nemmeno capito la differenza tra farina 0 e farina 00, le uso indifferentemente.
Anche se per fare la pizza sarebbe meglio usare una farina ricca di glutine, magari con l’aggiunta di farina di manitoba.

Per la pasta madre, trovate due post dedicati che spiegano come fare, e come usarla:
La pasta madre;
Fare il pane in casa.

La ricetta della pizza

ricetta-pizza

La mia ricetta della pizza, molto semplice:

Impasto tradizionale per pizza (per chi impasta a mano):
per ogni Kg di farina 00:
2 cucchiai di olio
5gr di lievito di birra
5dl di acqua tiepida
10gr di sale

Io vado molto ad occhio, molto spesso: metto circa 500gr di farina nel mixer (con le pale), insieme al lievito (fresco o secco, indifferentemente… ma con quello secco aggiungo lo zucchero), all’olio e al sale. Poi verso l’acqua a poco a poco, finché nel robot si forma una ‘palla’ di impasto.
A quel punto tiro fuori, impasto bene con le mani e metto a lievitare in un contenitore coperto con uno strofinaccio.

Impasto per la macchina del pane:
300ml acqua
1 cucchiaio olio
1 cucchiaino sale
2 cucchiaini di zucchero
450gr farina
8gr lievito
(da aumentare in proporzione a seconda delle porzioni che si vogliono fare… questa va bene per due teglie piccole).

L’impasto per pizza risulta molto elastico e morbido, quando lo si tira fuori dalla macchina. E’ giusto così! Lo si impasta ancora con poca farina, e lo si stende lasciandolo bello morbido. Molti si spaventano a causa dell’elasticità di questo impasto, e pensano sia errato. In realtà rimane molto appiccicoso, e va lavorato un po’ a mano aggiungendo altra farina.
Viene uno spettacolo.

La crosta della pizza e la cottura

pizza

Per una pizza alta: dopo la prima lievitazione, stendo la pizza con le mani dentro la teglia infarinata, e la lascio nuovamente lievitare coperta con il canovaccio.

Per una focaccia bella untuosa: dopo la seconda lievitazione in teglia,  praticare delle fossette sulla pasta, con i polpastrelli. Bagnare abbondantemente con una miscela di acqua, olio e sale, avendo cura di lasciare un bel po’ di questo liquido dentro le fossette che si sono create.

La mozzarella giusta: e qui ci saranno altri svenimenti, perché io uso la mozzarella per pizza. La mozzarella normale è buonissima, ma lascia tanta acqua. Non parliamo della bufala (che poi, se devo comprare una bufala, io la mangio al naturale, mica la butto sulla pizza). Se si desidera utilizzare la mozzarella normale, occorre farla sgocciolare bene e metterla ad asciugare su carta da cucina.

La cottura giusta: il forno deve essere caldissimo, alla massima potenza. Quando cuocio tre pizze insieme, io oso anche la cottura ventilata… ma questo richiede prudenza, per evitare che la pizza si rinsecchisca.

Tipi di pizza

Le mie pizze preferite:
– La focaccia di Recco rivisitata, che io faccio con due strati sottilissimi di pasta da pizza, farciti con abbondante stracchino;
– La marinara rivisitata, che faccio con una salsa densa di pomodoro a cui aggiungo una salsa al peperoncino ed aglio di cui sono ghiottissima (si chiama la salsa del diavolo, ed è introvabile. Viene prodotta in Liguria);
– La pizza alla parmigiana rivisitata, perché qui a Bologna ‘parmigiana’ significa melanzane, prosciutto cotto e parmigiano. Io invece ci metto sopra le melanzane alla parmigiana in vasetto, a marchio Coop (hanno pomodoro, cipolla, sedano, carota, capperi e olive… e melanzane, of course). Provare per credere;
– La pizza alla ‘vediamo cosa c’è in frigo’, su cui è valido mettere tutti i residui di salumi, formaggi e verdure cotte che sono rimasti in frigo.

Ma ecco altre idee di farciture:
– con spinaci e mozzarella;
– cipolle e peperoni;
– quattro formaggi (gorgonzola, fontina, mozzarella e parmigiano… a me l’emmental, nella pizza, non mi piace: lo trovo amarognolo!);
– salame piccante;
– verdure grigliate;
– salsiccia;
– broccoli e acciughe;
– gorgonzola e noci (o gorgonzola e pere).

Se non vi basta, qui c’è un elenco completo con un centinaio di farciture per pizze:
PDF da scaricare: Ricette per pizze e focacce

Quali altre ricette volete consigliare?



Commenti

60 Commenti per “Pizza: ricetta, crosta, condimenti”
  1. Buonaaaaa
    Anche io sono un’adoratrice della pizza!
    Ho anche il Bimby che fa impasti buonissimi in pochissimo tempo, l’unico neo (mio) è che NON SO STENDERLA!Ci ho provato in mille modi, con le mani infarinate, con l’olio, partendo dal centro ecc. ecc. ma si formano sempre buchi da tutte le parti e non riesco a farla sottile e friabile come piace a me….e la pasta va benissimo!Aiutoooooo

  2. ma lo sai che abbiamo delle idee in comune? anch’io faccio fare ai miei nipotini quella che tu definisci “la pizza dei poveri”…
    quando riesco a convincerli e questo succede quando siamo in campeggio…
    sarà meno buona ma in compenso è più sbrigativa e “sporca” meno,
    quella con l’impasto a mano (che li fa andare in brodo di giuggiole)
    la si fa solo rigorosamente a casa.
    tante serene giornate
    nonnAnna

  3. cinzietta

    😀 moooolto carino non solo l’articolo ma tutto il sito/blog(ancora mica l’ho capito cosa hai tu)ti aggiungo anche io tra i miei preferiti.
    complimentoni!

  4. cristina

    PIZZA PIZZA PIZZA & PIZZA!! in qualsiasi forma,in qualsiasi modo e in qualsiasi gusto…le più caloriche sono le più buone – salsiccia e peperoni, funghi e tonno e olive – sono le 9.00 e io ho già le voglie!!!

  5. Elisa

    Fondiamo un club delle pizza-addicted? io ci sono e per la cronaca da ragazzina facevo anch’io le pizzee col pan carrè …buoneeee …un saluto e buon inizio settimana

  6. Sei la solita fortunella..hai anche la suocera che adori! Ma dove l’hai trovata? Grazie a te, leggendoti giorno dopo giorno, sono più serena. Perchè dopo tre anni di rivoluzione, per la mia bimba e il mio crescerla quasi da sola, ho di nuovo voglia di creare. Ed è il desiderio più intimo. Creare e cucinare. E la pizza è un’idea sempre vincente, anche per gli ospiti che si fermano all’ultimo. Copierò la ricetta perchè io ci metto meno olio e viene un pò durina…


  7. Abbiamo gli stessi gusti, anch’io la adoro…. la mangio almeno una volta a settimana, più altre pizzette al volo qua e la…..
    Pure la focaccia adoro…. peccato per la linea…. non sono il massimo…. però nn ci rinuncio…..

  8. Buona la pizza!!!!
    Noi l’abbiamo sempre comprata in pizzeria (qui a Salerno ce ne sono di buonissime), ma da quando ho provato a farla in casa con il mio bimby… mi diverto ancora di più!!!
    E poi fatta in casa la puoi farcire in mille modi!!!

  9. BBOOOONAAAAAA la piiizzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!
    Sbav!
    Io però sono una fanatica dell’impasto a mano, che mi sembra mi sporchi meno: quando devo ripulire il contenitore e le pale della macchina del pane, tanto mi vale impastare a mano, che il tempo che ci impiego è più o meno lo stesso. Ma forse è solo che impastare mi piace un casino!
    Per le misure invece seguo solo 2 regole:
    – tanta farina, metà di acqua
    – 1 bustina o un cubetto di lievito per ogni 500g di farina
    per il resto vado a occhio e a gusto del momento.
    Ora ad esempio mi è venuto in mente di provare a mettere le olive nell’impasto… peccato non poter impastare subito 😀

  10. anche io pizza pizza 4ever!!!!!!!!!! 😆

  11. Non centra niente con questo post, ma volevo dirti che ho fatto i tuoi cestini con la paperella da usare come segna posto sulla tavola di Pasqua, e da regalare a qualche zia, sono stati apprezzati da tutti! Appena riesco posterò le foto sul mio blog!

  12. Pizza I love you!!! 😉
    Per me è un’istituzione, il sabato non si scappa almeno che non sia incasinata e abbia poca voglia di pasticciare e poi avere le mani in pasta fa scaricare anche lo stress, quindi…

    P.s. che sorpresa ritrovarmi nel tuo post, baciiiii

  13. La pizza è una delle cose più buone che avete gli italiani! :mrgreen:

  14. Mamma Felice (Mappano) - Ariete
    Mamma Felice
    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (11 anni)

    In compenso la tua tortilla di patate, la tua torta con la carne, la tua insalata russa spagnola e il pollo all’aglio di tua mamma, sono una cosa spettacolare!
    Facciamo un articolo di cucina spagnola? :mrgreen:

  15. 😯 😯 😯
    senti ma tu sei una supereroina. dillo che sei SUPERMAM. io non riesco nemmeno a fare la pasta senza scuocerla a volte. non so usare il pannolenci. non costruisco giochini. non sono manco troppo felice.
    AIUTO! quando vengo qui mi sento piccola piccola… 😐

  16. L’altra sera ho fatto la pizza con la macchina del pane secondo la tua ricetta ed è veramente venuta ottima!! abbiamo fatto indigestione! io ho usato la farina di grano duro.
    ciao

  17. ioelafavolamia

    E come dice mia madre “la pizza la mangerei pure in testa ad un tignoso”!!! buona, troppo buona!

  18. eccomi pizza dipendente! e anche i miei figli! se per caso vanza dalla sera io me la mangio a colazione!…. in questi gironi ero in crisi perchè sono risultata intollerante alla farina di grano tenero, pensavo di non mangiare più una pizza per molto tempo… poi per fortuna ho visto il commento di Giulide che dice di aver usato la farina di grano duro… proverò!
    ciao!

  19. barbara, sei mitica…
    anche quest’articolo è copiato/incollato nel mio ricettario. (nonché linkato a mia mamma, NonnaPapera, che è diventata una tua anonima lettrice… non commenta neanche sul mio blog…
    non vedo l’ora di avere anche la macchina del pane e poi ci sfideremo a colpi di tranci filanti!!!

    bacio

  20. Io la pizza la mangerei anche dipinta sul muro…ho visto che sei diventata una dei miei sostenitori..grazie!! :mrgreen: adesso ne ho cinque!! che bello! BipBip

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *