Mamma Felice

Come rendere il bagnetto un momento speciale?

Pubblicato il 28 aprile 2011 da • Ultima revisione: 7 settembre 2014

come-fare-bagnetto-neonato

Nei primi mesi di vita di un bambino, il bagnetto rappresenta uno dei momenti di maggiore intimità con chi si prende cura di lui con amore e dedizione.
Per questo è importante che il bagnetto diventi un appuntamento quotidiano con il vostro bambino, ma non deve rappresentare un obbligo. Il bagnetto deve essere un momento di relax per entrambi, in cui possa avvenire serenamente uno scambio di comunicazione tra mamma e bambino.

Non c’è bambino cui, nei primi mesi, non piaccia il bagnetto. Ricordiamo che tutto il periodo della gravidanza egli lo ha trascorso in un ambiente acquatico. Per questo è importante ricreare le condizioni di vita intrauterina, mantenendo la temperatura dell’acqua costante sui 37°, e immergendo il bambino in una vaschetta che lo possa far sentire sicuro e raccolto.

Al momento della nascita, il bambino viene travolto da odori nuovi, cui non è abituato. E quelli più forti e “aggressivi” (solitamente quelli di sintesi) tendono a confonderlo e ad infastidirlo maggiormente. Per il bagnetto sono consigliati prodotti naturali, possibilmente di origine vegetale, senza profumazioni “aggiunte”, in piccole quantità e disciolti nell’acqua. Al termine del bagnetto il bambino deve poter riconoscere se stesso e il suo odore.

In commercio si trovano moltissimi prodotti “specifici per bambini”, ma è importante saper dare uno sguardo all’etichetta:

NO ai prodotti in cui in etichetta siano presenti PARAFFINUM LIQUIDUM, PETROLATUM e MINERAL OIL.
Sono prodotti derivati dalla raffinazione del petrolio e, oltre ad essere inquinanti e non biodegradabili, sono stati inseriti tra i cancerogeni di serie II. In particolare la paraffina, presente nella stragrande maggioranza di prodotti per bambini, crea una innaturale barriera “idratante”, che ostacola la traspirazione della pelle.

NO al borotalco in polvere e ai bastoncini per le orecchie.
Il borotalco in polvere, e le polveri aspersorie in genere, sono da evitare perché possono essere inalate dal bambino, provocando danni permanenti all’apparato respiratorio. I bastoncini per le orecchie, se non usati correttamente, possono provocare danni ai timpani. Le orecchie dei bambini possono essere tranquillamente pulite con una garzina sterile, o con una pezzetta di cotone.

Approfondimenti
Come si fa il bagnetto a un neonato;
Che prodotti usare per il bagnetto.



Commenti

2 Commenti per “Come rendere il bagnetto un momento speciale?”
  1. Maia

    Ehm… alla mia bimba (5 mesi) il bagnetto NON piace Ha la sua vaschetta, l’acqua è alla temperatura giusta, ci sono anche i giochini… finché le insapono e massaggio il corpo, sopporta (non posso dire che le piaccia, ma sopporta), ma non appena l’acqua arriva sulla testa o sul viso… tragedie greche. Urla e pianti che non si calmano neanche con le coccole se non dopo un po’.
    Ho cercato di insistere, seppur con dolcezza, diradando il bagnetto completo ad ogni 3/4 giorni, per non demordere ma neppure forzarla. Per ora, nulla. Pianti.
    Avete qualche consiglio?

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (9 anni)

      Maia, anche Dafne faceva così: sembrava la squartassimo! Purtroppo ci va tanta pazienza. Cerca di usare una caraffa per bagnarle la testa e usa pochissimo shampoo, in modo da sciacquarlo in fretta solo con la caraffa. Fai benissimo a fare il bagno una volta a settimana: di più non serve. Basta lavarla a pezzi o con una spugnetta. Coraggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.