Tu non cercare la felicità, semmai proteggila

Pubblicato il 11 Febbraio 2019 da • Ultima revisione: 11 Febbraio 2019

proteggere-la-felicita-come-essere-felici-amare-vita

Con questa frase della canzone di Cristicchi a Sanremo, ho finalmente trovato il modo di spiegare cosa intendo quando parlo di felicità.
Recentemente parlavo con un’amica, la quale mi diceva che la felicità come la intendo io è più simile alla gioia. All’allegria, all’ottimismo. Perché la felicità arriva solo in alcuni momenti, è passeggera.

Per me è esattamente il contrario.
Per me la felicità è alla base di tutto: è la mia forza interna, la luce che mi tiene viva, l’energia che mi tiene sveglia. 
E a questa si possono sommare la gioia, ma anche il dolore; la pace, ma anche la paura.

La felicità resta sempre lì, come una fiammella accesa, come una pellicola che protegge gli organi dalle ferite.
La felicità è un seme da tenere vivo.

Come si arriva alla felicità interna? Amando la vita sopra ogni cosa, senza pretendere di stare sempre bene. 
Non occorre stare sempre bene, per amare la vita: pretenderlo è un atto di egoismo, ma anche di irresponsabilità.

Amare la vita significa accettare di essere deboli, accettare che possiamo cambiare noi stessi, ma non cambiare gli eventi.
Accettare che finiremo, in un modo o nell’altro, e quindi siamo qui per fare il meglio possibile nel poco tempo che abbiamo, senza rimandare le nostre scelte.

La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere
Perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi
E non esiste un altro giorno che sia uguale a ieri

Non sto cercando la felicità, perché era già dentro di me. Era già lì quando ho deciso di non ammazzarmi, era già lì quando mi sono alzata dal letto i giorni in cui mi era impossibile farlo. La felicità era già lì, come la vita: essenza stessa dell’umanità, miracolo del quotidiano, del qui e ora.

Ciò che dobbiamo fare è proteggere il Bene, quel sentimento di calore interno che ognuno di noi possiede. Tenere al caldo la felicità, conservarla, accudirla, usarla come la spinta per affrontare qualsiasi dolore.

Perché se crediamo che la felicità sia un antidoto all’infelicità, non abbiamo capito niente.
La felicità non è la cura, ma la malattia. 

Cristicchi, Abbi cura di me

Adesso chiudi dolcemente gli occhi e stammi ad ascoltare
Sono solo quattro accordi ed un pugno di parole
Più che perle di saggezza sono sassi di miniera
Che ho scavato a fondo a mani nude in una vita intera
Non cercare un senso a tutto perché tutto ha senso
Anche in un chicco di grano si nasconde l’universo
Perché la natura è un libro di parole misteriose
Dove niente è più grande delle piccole cose
È il fiore tra l’asfalto lo spettacolo del firmamento
È l’orchestra delle foglie che vibrano al vento
È la legna che brucia che scalda e torna cenere
La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere
Perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi
E non esiste un altro giorno che sia uguale a ieri
Tu allora vivilo adesso come se fosse l’ultimo
E dai valore ad ogni singolo attimo
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrò paura di cadere
Che siamo in equilibrio
Sulla parola insieme
Abbi cura di me
Abbi cura di me
Il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro
Basta mettersi al fianco invece di stare al centro
L’amore è l’unica strada, è l’unico motore
È la scintilla divina che custodisci nel cuore
Tu non cercare la felicità semmai proteggila
È solo luce che brilla sull’altra faccia di una lacrima
È una manciata di semi che lasci alle spalle
Come crisalidi che diventeranno farfalle
Ognuno combatte la propria battaglia
Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia
Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso
Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso
Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo
Anche se sarà pesante come sollevare il mondo
E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte
E ti basta solo un passo per andare oltre
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrai paura di cadere
Che nonostante tutto
Noi siamo ancora insieme
Abbi cura di me qualunque strada sceglierai, amore
Abbi cura di me
Abbi cura di me
Che tutto è così fragile
Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino
Perché mi trema la voce come se fossi un bambino
Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte e non lasciarmi andare.
Abbi cura di me.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *