Accettare i figli: è una scelta facile

Pubblicato il 10 Luglio 2017 da • Ultima revisione: 10 Luglio 2017

È arrivato il periodo dell’anno in cui vedo l’intensificarsi dei conflitti genitori e figli (delle elementari). Già da qualche settimana sono cominciate le frasi del tipo:
Non li sopporto più! Non vedo l’ora che tornino a scuola! Mi sfidano in continuazione, hanno atteggiamenti che non vanno bene, e soprattutto rispondono sempre di NO. 
Fuori casa sembrano sempre degli angeli, quando arriviamo a casa è il finimondo! 

accettare-comportamento-figli-educazione-montessori

Secondo me la chiave di tutto sta nella affermazione: mio figlio mi irrita.
Sento tante volte i genitori dire: non lo sopporto, non vedo l’ora che ricominci la scuola.

Ora, giriamo questa frase e facciamo finta che la dicano di noi: non la sopporto, mia madre. Mi irrita, non vedo l’ora che torni a lavorare.

Come ci sentiremmo? Accolti, accettati, amati? Ci sentiremmo rispettati?
Passerei volentieri del tempo con una persona che, se sbaglio, non solo è pronta a farmi notare il mio errore, ma si sente irritata dal mio comportamento?
E riesco a distinguere, se sono un bambino, se questa persona si sente irritata dal mio comportamento, o proprio da me?

Ecco. Secondo me nel rapportarsi con i bambini tra i 6 e i 10 anni, il punto di svolta è SOLO questo. Imparare ad accettarli per come sono, autenticamente.

Adesso che non sono più i nostri teneri ‘robottini’ che ci ascoltano e fanno tutto quello che gli diciamo.

È qui che nasce la RELAZIONE.
Qui che ci sono due scelte che dobbiamo fare NOI adulti:

  1. comandare, e quindi continuare a intervallare momenti di calma a momenti di tensione;
  2. oppure rinnovare la relazione e accettare che nostro figlio è diventata una persona senziente.

I bambini a questa età prendono decisioni e rafforzano il loro carattere.
Le loro decisioni e il loro carattere possono anche non piacerci, essere sbagliate in evidenza, essere contrarie ai nostri principi morali.

Quindi possiamo comandarli, e riuscire a fargli fare ciò che vogliamo – in qualche modo: si erigeranno dei muri di non-comunicazione che in adolescenza diventeranno dei silenzi, forse.
O possiamo accettarli, lasciare che sbaglino, lasciare che si rendano antipatici ai compagni di scuola e che si vedano provare delle loro amicizie, lasciare che il loro cattivo comportamento determini delle conseguenze nel loro ambiente sociale: questo potrebbe essere definito Metodo Montessori, visto che l’errore viene fuori da sé, senza che noi diciamo frasi come: stai sbagliando, sbaglierai, ecc…

accettare-comportamento-figli-educazione-montessori

Decidiamo di accettare i figli. Cosa significa?

Ce lo siamo domandato?
Siamo in grado di accettare una persona che ha degli atteggiamenti che a volte non gradiamo?
Siamo in grado di accettare una persona che abbiamo sì cercato, ma che non ci siamo scelti?

Accettare un figlio significa arrendersi alla sua maleducazione? NO.

accettare-comportamento-figli-educazione-montessori

Possiamo stabilire le regole del rispetto, se sappiamo mantenerle anche noi.

Certamente non possiamo chiedere a un bambino o a un figlio di essere rispettoso, se siamo i primi a irritarci di fronte a lui.

– Mio figlio mi provoca continuamente! Più gli dico di smettere di fare lo sciocco, o di dar fastidio ai fratelli, più continua, finché esplodo!

Abbiamo mai pensato che questo atteggiamento sia in parte incoraggiato proprio da noi, inconsapevolmente?
A me è successo. Facendomi poi un esame profondo, ho capito che da una parte ero io a incentivarlo, perché non ero capace di gestire i miei sentimenti (mi veniva da piangere dalla rabbia!).

I casi sono due: o nostro figlio ci sta chiedendo di non sbottare, o – come succedeva a me da bambina – spera che sbottiamo il prima possibile in modo che quella ramanzina arrivi subito e si può togliere il pensiero.

Guardare i figli non è come VEDERE i figli

Ecco che deve nascere in noi un profondo CAMBIAMENTO.
Dobbiamo cambiare per essere felici NOI, per stare bene NOI.

Invece di arrabbiarci, osserviamo: nostro figlio ci sta chiedendo di VEDERLO.
Mia figlia di 9 anni me lo ha detto un giorno in cui ero indaffarata e mi ha dato un insegnamento: tu mi guardi, ma non mi VEDI.
IO VOGLIO CHE MI VEDI.

Guardiamoci. Fermiamoci, guardiamoli mentre fanno i versi, ridiamo, divertiamoci con loro, diciamogli che ci fanno impazzire dal ridere, che li ringraziamo per averci distratti un momento dalle nostre cose.

Cosa altro abbiamo da fare, se non VEDERLI?
Pulire? Cucinare? Se pulire e cucinare sono cose che non sono più rimandabili, facciamole insieme a loro.
Coinvolgiamoli e usiamo questi momenti per parlarci, chiacchierare e conoscerli meglio come persone!

Conflitti tra fratelli

accettare-comportamento-figli-educazione-montessori

Se in questi atteggiamenti antipatici c’è di mezzo la gelosia tra fratelli, possiamo utilizzare due strategie:

  1. Trascurare il neonato non è giusto per nessuno: cerchiamo la soluzione per spiegarlo anche ai fratelli maggiori. Apriamo il loro album di foto e facciamogli vedere tutti i momenti che abbiamo passato insieme quando era figlio unico, dimostrandogli che quel tempo esclusivo lui lo ha avuto, che è stato coccolatissimo, e adesso serve anche al neonato o al fratellino piccolo;
  2. Accettare semplicemente che lui voglia manifestare la sua gelosia e irritazione, e quindi bon, la manifesterà finché non sarà in grado di placarla. La resilienza si basa proprio sul fatto di poter esprimere ad alta voce i problemi, per trovare la strategia personale per risolverli.

Una nuova relazione genitori-figli

Dobbiamo inventarci un’altra forma di rispetto: rispettarli non solo come figli, ma come persone con carattere, ideali e pensieri differenti dal nostro.

Una volta accettato questo cambiamento educativo, sarà più facile mantenere la calma: un figlio non ci DEVE qualcosa quando vogliamo noi e come lo vogliamo noi. Un figlio PUO’ volerci dare qualcosa, e deve diventare in grado di sopportare le conseguenze delle azioni che compie, o che non compie.

C’è un altro aspetto in questa relazione: avere difficoltà nei confronti dei sentimenti negativi dei bambini. Adesso che non sono più i nostri bambolotti carini e coccolosi, sempre pronti a farsi prendere in braccio e strizzare le guanciotte, e a cascarci quando gli chiediamo di fare qualcosa ridendo o per vie traverse.

Ci infastidisce che i figli rivelino i loro difetti, che si mostrino arrabbiati, che siano collerici, bugiardi, invidiosi, pettegoli.
Ci dà fastidio se dicono parolacce o ci fanno fare brutta figura di fronte agli altri.

Questo è un sentimento legittimo, con cui dovremo imparare a fare i conti: i nostri figli hanno dei difetti e non possiamo cancellarli. Non possiamo nemmeno proteggerli da loro stessi, perché non sono bambini di plastilina che possiamo modellare a nostro piacimento. Riusciamo ad accettarli per quello che sono?

I bambini devono essere sempre felici? NO

accettare-comportamento-figli-educazione-montessori

I bambini non possono essere sempre felici e impedire loro di manifestare sentimenti negativi come rabbia, tristezza, frustrazione, invidia… non solo non è sano, ma rischia di essere una bomba ad orologeria: se non imparano adesso a reagire alla rabbia in modo sano, imparando a conoscerla, accettarla loro stessi e ‘guarirla’ (resilienza), si potrebbero ritrovare ad essere persone orribili da grandi, o ammalarsi di depressione, fino a cercare conforto nelle dipendenze, o persino arrivare a compiere reati contro le persone.

Non pensate che il femminicidio – per esasperare questo concetto – derivi da questo? Dall’incapacità di reagire positivamente di fronte a un rifiuto, ovvero dall’incapacità di conoscere la propria rabbia, accettarla, guarirla, superarla e imparare a discioglierla piano piano riprendendosi la capacità di tornare ad essere felici.

E noi dobbiamo essere sempre felici e zen con i figli? NO

Nemmeno noi siamo obbligati ad essere sempre positivi, felici, pieni di energia e calmi allo stesso tempo. Anche noi abbiamo il diritto di arrabbiarci e manifestare i nostri limiti apertamente: in questo, i figli stessi impareranno che per essere ‘brave persone’ non serve essere ‘persone perfette’, così come non lo siamo noi.

Chiaramente, però, dobbiamo scegliere se essere SEMPRE arrabbiati, o solo quando serve davvero.

Accettare i figli utilizzando l’empatia

Accettare i figli è facile, se impariamo davvero l’empatia, ovvero la capacità di metterci nei loro panni.

Se impariamo davvero a guardare noi stessi da fuori, per come siamo, con i nostri difetti: siamo chiassosi, tristi, arrabbiati, collerici ai semafori; oppure ansiosi, ci innervosiamo subito; siamo disordinati o al contrario maniaci dell’ordine; infine siamo pettegoli e facciamo battute sugli altri, sul nostro capo; o ci incavoliamo per la politica e le partite di calcio.

Come siamo noi?
Siamo umani, imperfetti, abbiamo difetti e talenti. Come tutti.

Eppure fino ad ora i nostri figli ci hanno amati lo stesso, ci hanno guardati come fossimo i loro eroi personali, nonostante siamo persone normali, a volte persino un po’ banali.

Adesso tocca a noi imparare ad amare i figli nonostante i loro difetti.

Recuperare la relazione

La relazione viene prima di tutto.

Adesso tocca a noi proporre ai figli una nuova modalità di relazione, basata non più su un’educazione verticale (io dico, tu fai), ma basata su una relazione quasi orizzontale (decidiamo insieme le regole di questa famiglia, e impegniamoci insieme a rispettarle).

Adesso tocca a noi dimostrare ai figli che si può amare ed essere amati anche senza rincorrere una perfezione che non esiste, non è mai esistita e mai esisterà.

La relazione, sì.

Io anche sono passata da un periodo in cui mi trasfiguravo dalle urla disumane che facevo, a un periodo in cui MI CONCENTRO per offrire la relazione nel modo giusto.

Trovo che sia la cosa in assoluto più faticosa da quando sono madre.
Altro che notti insonni! È un pensiero fisso nel cervello.
Ma è anche l’atteggiamento che più mi fa sentire una persona migliore.



Commenti

13 Commenti per “Accettare i figli: è una scelta facile”
  1. Francesca

    Grazie! Mai parole potevano essere più utili in questo periodo!

  2. Angela

    Ciao Barbara…ci sto lavorando e tanto. Ho 3 figli, tutti maschi. Due gemelli di 8 anni in perenne competizione tra loro e il più piccolo di due anni e mezzo. Tutti e tre in continua ricerca di attenzioni che non riesco a dare a tutti come vorrei e come vorrebbero (“mamma tu non hai mai tempo per me!”), se mi ritaglio un momento con uno di loro arrivano gli altri a reclamare il loro posto… e il tempo per tutti puntualmente proprio non c’è… anche perchè faccio un lavoro a tempo pieno che mi tiene fuori casa tutto il giorno. Sono convinta che tu abbia ragione, è giusto che esprimano le loro emozioni e la loro rabbia (quasi costante!) ma non so proprio come insegnargli ad accettarla, gestirla e quindi superarla. E quindi la rabbia diventa elemento perenne delle loro giornate e, a volte, anche delle mie.. Come si fa? Per me è questo la difficoltà più difficile che non so come affrontare! Come si insegna a gestire, accettare e superare la rabbia?

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (12 anni)

      La prima cosa che mi viene in mente è la verbalizzazione: nominare ad alta voce i loro sentimenti e spiegarglieli.
      – Adesso sento che sei arrabbiato perché tuo fratello ti ha rubato, il gioco e lo capisco. Mi dispiace che tu sia arrabbiato, ed è giusto che ti prendi un momento per sfogarti, ma poi potresti superare la tua rabbia facendo questo e quello, perché so che non ti piace restare arrabbiato. Come ti fa sentire?

      C’è poi il grande libro delle emozioni: io ho trovato molto utile usarlo con mia figlia per parlare delle emozioni, anche quelle negative, e chiederle come si sente in quei momenti, e come LEI riesce a superarla.

      Infine, per i conflitti, c’è il tavolo della pace Montessori: due bambini si siedono al tavolo e a turno possono parlare, senza urlare, esprimendo il loro sentimento, e cercando di risolvere la questione in modo pacifico.

  3. Nadia

    Mi piace molto questo articolo. Anch’io col tempo ho imparato che i figli non sono e non potranno essere come noi li abbiamo immaginati. Soprattutto che un figlio non è uguale ad un altro (ma questo si era capito già dalla nascita). Ma il lavoro andrebbe fatto in due….
    Purtroppo la cosa brutta che capita a me è che più io cerco di ricordarmi com’ero io, di costruire un dialogo, più mio marito si “impone” e quindi io passo per “quella che li difende sempre”. Ovviamente con tutti gli scontri che si possono immaginare…..
    Neanche a me piace che la cameretta sia un disastro, ma ho capito che continuare a ripeterlo all’infinito con tono polemico non farà diventare mia figlia più ordinata; ho imparato che se voglio una cosa devo chiederla, non mi aiuteranno di loro iniziativa se stanno giocando con la play o chattando col cellulare. Poi, se ancora non lo fanno, allora mi sento autorizzata a sgridarli per la mancanza di aiuto o di iniziativa nei lavori….ma lui niente….si arrabbia perchè la cameretta è in disordine, perchè nessuno lo aiuta, perchè nessuno gli dà retta, insomma per tutto quello che succede con due ragazzi adolescenti….
    E non c’è un modo per gestire la situazione perchè “allora vedi che li difendi sempre….”

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (12 anni)

      Mi sento molto in linea con te. Nex è una persona gentile, ma tende a innervosirsi di fronte a queste cose, mentre io mi sento più paziente.
      Non riesci a spiegargli il tuo punto di vista e parlargli, per trovare un compromesso?

  4. IsaQ

    Argomento attualissimo come ti ho già scritto a commento di altri post.Come Barbara suggeriva in altri post, l’ironia alcune volte aiuta. E poi ttt i consigli che ci ha dato sono validi, ognuno deve provare e trovare la propria strada perchè i bimbi non sono ttt uguali.Dobbiamo imparare a gestire anche questo lato della relazione genitori/figli.

    • verissimo, l’ironia e la leggerezza aiutano tanto. In certi periodi ci riesco, in altri se sono più affaticata e provata del solito, tutto è come ingigantito ed esasperato….è allora che diventa davvero difficile.

      • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
        Mamma Felice
        immagine livello
        Guru
        Mamma di Dafne (12 anni)

        E’ umano, siamo umane. Non possiamo sempre essere al top, super divertenti e super motivate.
        Anche noi abbiamo il diritto di piangere e sentirci tristi. Non dobbiamo impedircelo, ma anzi possiamo esprimerlo ai figli e al compagno, perché vedano che non siamo infallibili e abbiamo comunque bisogno di loro.

  5. Anna

    Ciao, complimenti per l’articolo, voglio portare una critica soltanto. Non mi piacciono gli stereotipi ed è una cosa che ritrovo spesso nei discorsi delle mamme, ovvero sostenere che prima delle elementari “fanno tutto ciò che vogliamo” o il dire “altro che notti insonni”. Ogni fase è dura a suo modo e tanto dipende dal carattere del bambino e svegliarsi 8 volte di notte è stressante almeno quanto lavorare su di sé. In modo diverso, non per intensità. A parere mio ovvio, ma io non ho mai avuto “robottini” prima dei 6 anni e sono stufa di sentire madri o padri che quando sei incinta ti dicono “vedrai dopo” e via uguale al nido, alla materna, elementari. Basta per favore!! Essere genitore è difficile sempre, i paragoni sulle età sono davvero senza senso!!

  6. Simo

    Non sono d’accordo per niente con questo articolo. Mia figlia di quasi 10 anni sta diventando l’esatto opposto di quello che considero una bella persona. Il paradosso è che tutto ciò che riguarda l’ordine, la pulizia e la scuola va benissimo: è ordinata, coscienziosa a scuola e si occupa con piacere della sua igiene personale. E questa è la superficie. In realtà, nel profondo, è super egocentrica e narcisista e vuole sempre il meglio per sè, fregandosene altamente degli altri. É insicura e, per sentirsi meglio con sè stessa, tende ad abbassare gli altri. Io ho provato a incoraggiarla e a lodarla quando avevo l’occasione, e di occasioni ne ho avute molte, ma ho l’impressione che la sua autostima è molto bassa. Io non posso e non voglio accettare una bambina che sta crescendo diventando esattamente l’opposto di ciò che considero una persona di buoni valori. L’esempio che diamo noi è inattaccabile: rispetto e altruismo, generosità e umiltà con tutti. Lei è una persona a tutto tondo, con la sua personalità e il suo modo di pensare. Amen, ma io mi rifiuto di approvarla e di instaurare una relazione con una persona che rappresenta l’opposto di quello che considero di valore. E non è una questione di età. Lei è proprio fatta così, e non penso cambierà. É la sua natura. Dunque io l’accompagnerò come potrò, farò del mio meglio, ma la VEDO benissimo, e non mi piace per niente.


    • immagine livello
      Professoressa

      È un giudizio davvero pesante, quello che dai a tua figlia. Che ha solo 10 anni.
      Tua figlia non ti piace e, addirittura: mi rifiuto di approvarla e di instaurare una relazione con una persona che rappresenta l’opposto di quello che considero di valore.

      Prova a immaginare quanto possa pesare questo giudizio e questo comportamento su tua figlia. Mi permetto di dirti: mettiti nei sui panni.
      Anche a te mancherebbe la terra sotto i piedi, anche tu ti sentiresti debole e priva di autostima.
      Proprio la persona che dovrebbe amarti di più al mondo, tua mamma, quella che dovrebbe amarti incondizionatamente, non vuole avere una relazione con te.
      Ti giudica una brutta persona. A 10 anni.

      E non importa se tu non glielo dici a voce, perché si sente.

      Quello che posso consigliarti, avendo io avuto una famiglia giudicante e anche violenta, che mi ha in parte rovinato la vita, è quello di iniziare una terapia psicologica: prima di tutto per te stessa, e poi per tua figlia. Sono sicura che dentro di te ci sia una sorta di blocco da superare, e che una volta superato quello, anche tua figlia cambierà.

      Io non ero mai abbastanza.
      Non ero abbastanza ubbidiente, abbastanza perfetta, abbastanza magra, abbastanza brava a scuola, abbastanza affettuosa.
      Ero cattiva, ero ribelle, ero fuori dalle righe, ero da punire perché fuori standard.

      Invece ero solo una bambina impaurita e ferita, che avrebbe avuto bisogno di essere amata, e non giudicata.
      E meno venivo amata, più i rapporti si deterioravano.

      Oggi sono io che faccio terapia, perché devo affrontare quel lutto profondissimo che ho vissuto da piccola, ovvero non essere amata dai miei genitori, e c’è una cosa che non perdonerò mai loro: di non aver fatto terapia allora, quando avrebbero potuto cambiare, quando avrebbero potuto guarirsi e farmi guarire.

      Non aspettare un minuto di più: rischi di perdere per sempre l’amore di tua figlia, e lei rischia di perdersi per sempre in un mare di dolore che TU adesso le puoi risparmiare.

      Un abbraccio.

    • Erika

      Mi permetto di risponderti, non solo come mamma ma anche come psicoterapeuta infantile-genitoriale…intanto credo tu stia vivendo una forte sofferenza…pensare che la propria figlia non “rispecchi”i valori che hai provato ad insegnare, dev’essere davvero faticoso! Una mamma che vorrebbe ogni bene x il proprio figlio, credo possa soffrire molto nel vedersi impotente nell’educarlo e nell’aiutarlo al meglio. Però vorrei anche incoraggiarti, dicendoti che l’autostima è un’evoluzione di tutti noi, quando ancora siamo molto piccoli…e se questa non sboccia forse è perché qualcosa non ha funzionato, e chissà che cosa…inoltre, difficilmente una persona con una bassa stima è piena di se, se non magari x compensare le tante fragilità emotive che sente nel suo profondo…ogni bambino/persona ha le sue particolarità e quindi non posso fare pensieri specifici su situazioni che non conosco, ma quello che mi piace sempre dire ai genitori che vengono da me sono soprattutto 2 cose: la prima è che x fortuna non esiste il genitore perfetto, che non sbaglia mai (sarebbe anche un paragone troppo arduo x il bambino, mentre avere l’esempio che si può non essere perfetti, lo aiuta a sperimentarsi nel modo più autentico possibile)
      La seconda cosa che dico è che noi genitori abbiamo un potere grandissimo…così come a volte possiamo fare danni irrimediabili, così dall’altra parte possiamo sollecitare cambiamenti evolutivi importanti…
      La tua bambina ha 10 anni, è nel pieno della sua evoluzione, un buon sostegno genitoriale e/o con la bambina, potrebbe davvero aiutare tutti voi a trovare il vostro equilibrio, a darvi la possibilità di sperimentare qualcosa di diverso, magari di più funzionale…credo ci sia solo la necessità di comprendere cosa porti questa bimba a comportarsi in questo modo…Vi auguro un giorno di potervi trovare!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *