Il gioco dell’elastico

Pubblicato il 10 Giugno 2009 da • Ultima revisione: 7 Ottobre 2015

Giochi vintage per bambini moderni: saltare l’elastico.
Perché immagino (spero) che anche per voi l’elastico fosse il gioco più bello del mondo, da piccoli… io lo adoravo, lo adoravo!

Io e mia sorella giocavamo continuamente, ed essendo solo in due, legavamo l’elastico ovunque: agli alberi, alla ringhiera del balcone, alle sedie…

Naturalmente l’elastico era quello bianco, rubato direttamente dal cassetto di mia nonna, ovvero l’elastico biancho dei mutandoni di una volta :mrgreen:
Inutile dire che ne ho due matassine pronte per quando Dafne riuscirà a giocare con me ehheee

Materiali:
Elastico delle mutande allacciato con un nodino, in modo da avere un ‘cerchio’ unito.

Come si gioca:
Servono almeno 2-3 giocatori. Lo scopo è calpestare l’elastico, creando una propria sequenza di movimento, senza lasciarselo sfuggire, nè sbagliare mossa, fino ad altezze sconsiderate.
Due giocatori tengono l’elastico, mettendosi in mezzo ad esso e tenendolo allargato con il corpo. L’altro giocatore cerca di pestarlo e di completare il gioco.

Le altezze sono:
– caviglia: chi tiene l’elastico, lo fa passare attorno alle caviglie;
– polpaccio: l’elastico viene tenuto ad altezza polpaccio;
– ginocchio: l’elastico viene tenuto ad altezza ginocchio;
– coscia: l’elastico viene tenuto ad altezza coscia;
– sedere: l’elastico viene tenuto ad altezza dell’osso sacro;
– vita: l’elastico viene tenuto ad altezza della vita;
– ascelle: l’elastico viene tenuto sotto le ascelle;
– collo: l’elastico viene tenuto con il collo;
– braccia: l’elastico viene tenuto tra le mani, tenendo le braccia alzate e dritte.

Come si gioca?
La mia ‘pestata’ variava da una massima complicatezza a una minima. Si aggiungevano zigzag con le gambe, pestate doppie o singole, giri su se stesse… ma la pestata classica, quella che usavo io, si svolgeva così:

– entro con la destra nell’elastico;
– pesto gli elastici con entrambi i piedi;
– esco con la destra, mentre la sinistra resta dentro gli elastici;
– esco con la sinistra.

Lo scopo del gioco è riuscire a calpestare l’elastico fino alla fine, pena il passare il turno e iniziare daccapo. Umanamente è possibile pestare fino ad altezza ascelle (giuro che quando ero leggiadra ci riuscivo).
Il collo e le braccia si fanno in modo diverso.

Il collo: Con il mento, si cerca di afferrare il primo elastico, lo si tira giù, si ruota il corpo, si intreccia l’elastico, si ruota nuovamente e si esce, senza perdere l’aggancio del mento.

Braccia: Si entra da sotto, con le braccia tese, e si fa la ‘settimana’, saltando in alto e tenendo ben fermi gli elastici con le braccia, ruotandosi su se stesse ad ogni giorno della settimana che si pronuncia.

E voi? Ci giocavate?
Qual era la vostra entrata? :mrgreen:

Ma quanto è bello questo gioco? :mrgreen:



Commenti

55 Commenti per “Il gioco dell’elastico”
  1. Elisa

    Bello bello bello l’elastico … ma io “leggiadra non lo sono mai stata eheheh

  2. … anch’io anch’io con l’elastico, era il gioco preferito a ricreazione a scuola, ognuna di noi aveva il suo bell’elastichetto dei mutandoni della nonna in tasca (meglio averne in più che dimenticarselo :mrgreen: ). A casa ci giocavo con la sedia e mio fratello…. grazie che me l’hai riportato alla memoria, penso ne metterò in valigia un bel po’ (eventualmente, se me lo dimentico tolgo quello delle mutande… 😆 ). Buona giornata

  3. …nooooooo! l’elastico………!!! :mrgreen:
    Io però non facevo quella sequenza lì: mi ricordo ancora la cantilena:
    “entro
    fuori
    entro
    pesto
    entro
    fuori
    annodo
    caramella”!!!
    … entravo da destra da fuori, ‘annodo’ era un giro su se stessi con le caviglie arrotolate nell’elastico e poi con la ‘caramella’ si saltava e si dovevano liberare entrambe le caviglie senza capitombolare! Da basso era facile ma più saliva e più avevamo le ginocchia grattugiate…
    ah, che bei tempi!
    Grazie mammafelice! questo è un meraviglioso antidolorificomagnifico! posso metterlo nella raccolta, questo post, eh? dai dai dai?

  4. … insieme a quello su Mimì Ayuara? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  5. Ah, che bello il gioco dell’elastico, mi piace ancora adesso ma non è il caso…però ho un sacco di elastico, un pò di rotoli, ne volete??

  6. bello il gioco dell’elastico, io però non ne ho un bel ricordo: ero un po’ impedita, per cui le mie amichette non aspettavano altro che facessi i miei primi errori perchè poi toccava a loro… praticamente io non giocavo mai 🙁 tristezza…
    poi però me lo attaccavo in casa sulle gambe di 2 sedie, così potevo fare come mi pareva! 😆

  7. a forza di leggervi mi sorge un dubbio atroce: ma che razza di infanzia ho passato?

    per fortuna che le cose le imparo qui…

  8. io nn giocavo mai troppo impeditA

  9. 😀
    ehm, mentre mettevo a posto delle pratiche, a proposito di elastici e gommini, mi è venuto in mente che il gruppone di bimbi del mio paese d’estate si scatenava in guerre a colpi di fucili a gommini… c’era tutta una preparazione per preparare il fucile che sparava i gommini più lontano, c’era chi li decorava (tipo scrapbooking, eh eh!) con gli adesivi e le immagini di soldatini etc e chi li dipingeva a tempera… quanti ‘livididagommino’ che hanno avuto le mie gambette da bimba! :mrgreen:
    e voi ci giocavate mai?

  10. bello io ci gioco a scuola però noi nelle braccia diciamo i mesi 😀 ;p
    p.s.dv si può comprare se nn si trova l’elastico dll mutande 😕 😕 😕 😕 no xkè l’ho cercato in capo al mondo ma nn l’ho trovato

  11. Bello l’elastico, anch’io giocavo sempre con le mie due amichette.
    I nostri livelli erano caviglia, ginocchio, vita, ascelle, collo (che io mi ricordi). Per ogni livello bisognava fare 10 mosse corrispondenti ai numeri da 1 a 10. Qualcuno me lo ricordo.
    1: un salto a piedi uniti in mezzo agli elastici e poi fuori.
    2: pestare un elastico con un piede, l’altro con l’altro piede e poi saltare fuori.
    3: con un salto pestare contemporaneamente un elastico con un piede e l’altro con l’altro piede, poi un altro salto invertendo, poi un terzo salto invertendo e poi fuori.
    4 o 9: un saltino sul primo elastico con un piede sopra e uno sotto l’elastico e poi viceversa con l’altro elastico e poi un salto fuori.
    7: mi tengo l’elastico alla mia destra, entro con la dx, entro con la sx, esco con la dx e rientro con la dx, esco con la sx e rientro con la sx, esco con la dx ed esco definitivamente anche con la sx in modo da avere l’elastico a sinistra.
    Per gli altri ci devo pensare, alcuni erano di saltelli a piedi uniti su un elastico e poi sull’altro e poi all’indietro sul primo elastico… mi scervello un attimo, poi in caso vi aggiorno 🙂
    ciao

    • elly

      Questo pomeriggio ho rispolverato il vecchio gioco dell’elastico per insegnarlo a mia figlia e alle sue tre amiche!!! Un vero successone! Altro che videogiochi, tv o quant’altro.
      Io giocavo a “modo svizzero” ma non ricordo tutte le mosse… sono disperata.
      Per ora crrispondono tutte alle tue. Ti prego aiutami!!!
      Ciao

      • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
        Mamma Felice
        immagine livello
        Guru
        Mamma di Dafne (13 anni)

        Io il modo svizzero proprio non lo conosco, Elly, mi spiace… potreste inventarvi le vostre mosse con un po’ di fantasia, che dici?

      • Paola

        anche io giocavo con il “modo svizzero” e poi i numeri da 1 a 10…il livello braccia aveva i giorni della settimana ma proprio non riesco a ricordare altro che l’entrata del modo svizzero 🙄
        ciao

      • Jenny


        Ciao a tutte sono capitata ora sulla vostra discussione e leggendovi ho rispolverato i tempi della ricreazione durante la quale facevamo gare di bravura al gioco dell’elastico.
        Il Modo Svizzero
        ricordo i 10 numeri ma nn precisamente l’ordine degli ultimi.
        Sto insegnandolo a mia figlia, se avete domande o suggerimenti scrivetemi jenny.cavarra@yahoo.it

        Buone cose a tutte!
        Ciao Jenny

    • Viola


      Ciao a tutte.
      Vivo in Danimarca ora ed ho una bimba alla quale vorrei insegnare il gioco dell’elastico. Ho letto il mese. di Giulide con i vari punti… ma mi piacerebbe tanto ritrovarli tutti!!
      AIUTATEMI!!!!
      Ciao a tutte le fans dell’elastico!!!

  12. Sarah

    Sempre a proposito dell’elastico e dei vuoti di memoria causa la vecchiaia.
    Non vorrei fare un misto di vari giochi, ma oltre a pestare l’estastico e a saltare non c’era anche una canzoncina da ripetere?
    Qual è? Anche le miei amiche si ricordano di una filastrocca
    ma non sanno più qual è.

    Buoni giochi a tutti

  13. annalisa


    quali erano le varie mosse ??

  14. Wow ma che tuffo nel passato!!! Io adoravo l’elastico!!!

  15. bargycat

    ciao,che bei tempi,passavo intere giornate a giocarci.Se qualcuno si ricorda tutte le mosse ben venga .grazie ciao

  16. Isadora

    Ciao a tutte,sono arrivata qui perché sto cercando di organizzare dei giochi per la festa di compleanno di mia figlia Nina e mi é venuto in mente anche l’elastico; non riuscivo a smettere da piccola ci giocavo intere giornate,troppo bello!Però non mi ricordo le mosse,vuoto assoluto!Non é che ci sono dei video per riguardarlo da qualche parte???
    se vi vengono in mente altri giochi semplici di gruppo oltre la corda e la gara coi sacchi sono tutta orecchie!!!ciao :mrgreen: :argh:

  17. dori

    😕 Buongiorno a tutte… stavo cercando di ricordare le regole per insegnare il gioco a mia figlia: oggi abbiamo comprato un “elastico” da gioco (sì, proprio così… non si ruba più alla mamma perché le mutande non hanno più gli elastici da cambiare!!! :mrgreen: )

    grazie per i consigli!

  18. mammafrancy

    mi è venuta la lacrimuccia; la mia nonna…e io da bambina. Che bello!!!Ora vado a chiedere a mia sorella e mia cugina se hanno voglia di giocare.CIAO e grazie per avermi fatto fare questo tuffo nel passato

  19. fati

    che bello!!!!!!!!!!!!!!!!!

  20. marty

    sono una ragazza di 25 anni e vorrei capire come cavolo si gioca…aiutooo l’unica cosa ke ho capito è ke 2 persone devono tenere l’elastico con i piedi… ma poi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *