Geografia per bambini: come fare una cartina dell’Italia

Pubblicato il 10 giugno 2014 da • Ultima revisione: 26 novembre 2015

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

Se siete alla ricerca di giochi didattici sulla geografia per i bambini, potete provare a realizzare con loro una cartina in pasta di sale dell’Italia o della vostra regione. Con l’avvicinarsi delle vacanze estive sarà più facile trovare il tempo per dedicarsi a giochi di geografia per coinvolgere i bambini nei viaggi, ma anche ripassare quanto hanno studiato durante l’anno scolastico.

 

Una attività creativa può stimolare molto la loro curiosità verso un argomento. Costruire una cartina tridimensionale è una attività semplice e divertente per affrontare lo studio con un approccio ludico. Noi abbiamo costruito la cartina della Lombardia, con la stessa tecnica potete realizzarne una della vostra regione, dell’Italia o di un continente che vi piace.

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

Occorrente:

  • una base di cartone rigido (le dimensioni non sono vincolanti, vi spiegherò come adattare il modello)
  • una cartina della regione che volete rappresentare (potete fotocopiarla dall’atlante, oppure stamparla da Google Maps)
  • matita
  • attrezzi per colorare: pennelli di dimensioni diverse per i particolari,
  • tempere (azzurro, bianco, verde, giallo e marrone)
  • necessario per la pasta di sale: farina, sale e acqua.

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

Io ho usato questa ricetta per la pasta di sale:
1 tazzina di farina
1 tazzina di sale
mezza tazza di acqua.

Scaldate l’acqua sul fuoco in un pentolino. Spegnete, aggiungete il sale e fatelo sciogliere, aggiungete la farina e mescolate bene fino ad avere un composto omogeneo che impasterete manualmente. Se volete potete aggiungere qualche goccia di colla vinilica.

Come procedere per realizzare la cartina in pasta di sale:

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

1- Disegnare il contorno della regione sul cartone. Ritagliate la fotocopia o stampa della vostra cartina. Se è più piccola di come vorreste realizzarla in pasta di sale, potete allargare il disegno tracciando delle linee parallele tra loro. In questo modo avrete tanti duplicati concentrici prima di arrivare al vostro. E’ un metodo un po’ empirico, ma può essere di grande aiuto per i bambini.

2- Stendere la pasta di sale. Il mio consiglio è di preparare poca pasta di sale per volta, per rendervi meglio conto di quanta ne servirà. Stendetela coprendo tutta la superficie. Con l’aiuto della cartina realizzate le montagne, il corso dei fiumi, i laghi e le pianure.

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

3- Lasciare asciugare a lungo. In base alle dimensioni e allo strato di pasta di sale, l’asciugatura potrebbe richiedere anche un paio di giorni. Se possibile, mettete la vostra cartina al sole. Non abbiate fretta: il colore steso su una base umida si stacca subito.

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

4- Colorare la cartina seguendo il vostro modello. Verde per le pianure, azzurri i corsi d’acqua, giallo e marrone per le montagne. Con l’aiuto del bianco e delle combinazioni di colori potete raggiungere tonalità intermedie che daranno un risultato migliore.

giochi-di-geografia-per-bambini-cartina-italia

5- La cartina è pronta. Se volete potete aggiungere delle bandierine in corrispondenza delle maggiori città, dei laghi o delle cime più alte.

Realizzare una cartina in pasta di sale è uno dei giochi geografici più semplici, che stimola l’osservazione, permette di ripassare nomi, luoghi e le caratteristiche del paesaggio.

Post a cura di La Scuola in Soffitta per Hedrin.



Commenti

18 Commenti per “Geografia per bambini: come fare una cartina dell’Italia”
  1. Questa idea è stupenda! Avendo in casa un geologo, da piccola mi sono dilettata talvolta in “giochi” simili… ma la cartina/plastico 3D è fantastico! Mi divertirei a farlo anche adesso :mrgreen:

    • Grazie! Se decidi di provarci facci avere una foto.
      Sono curiosa di questa infanzia con un geologo in casa: quali giochi ti proponeva?

      • Tantissime gite, innanzitutto. Ricerca di piccoli fossili (sulle alpi se ne trovano facilmente, soprattutto conchiglie). Visita di siti con fenomeni particolari, come sorgenti di acqua termale, fango che pare ribollire (tipo Salse di Nirano, nel modenese), vulcani attivi o spenti…

        Poi in casa mi divertivo moltissimo a visionare le foto aeree con lo strumento apposito, non ricordo come si chiama… è una specie di binocolo che permette di vedere le foto del suolo in modo tridimensionale. Per un bambino è una vera magia!
        mi divertivo a riprodurre anche carte geografiche utilizzando la carta da forno, super economica!

        E, infine, gli “esperimenti”… ricordo quando abbiamo sciolto le striature bianche di un sasso col Viakal per dimostrare che si trattava di calcare…

      • Che meraviglia! Mi segno la gita a Salse di Nirano che non conosco. Luoghi sulle alpi dove trovare fossili ne conosco pochi, solo qualcuno in Trentino ma ci sono troppe pietre per stare tranquilli (ho il terrore delle vipere)

      • Ricorda: per Salse di Nirano scarpe vecchissime o stivali di gomma! 8)

      • simona

        Grazie x l’idea.
        Abbiamo realizzato un bellissimo lavoro

  2. Che bella idea! Mio figlio è innamorato dell’ Italia in Miniatura sarà felicissimo di riprodurre il tutto in pasta di sale 🙂 Gran bel gioco per trascorrere i pomeriggi in casa al riparo dalle ore più torride

  3. Grandissima idea! Molto originale! 😀

  4. Un’idea davvero stupenda !!! Grazie

  5. da geografa non posso che apprezzare l’idea!!! 🙂

  6. molto carina…vista su twitter…ma mi stavo “cecando” qui di vede meglio,,,, 😆

  7. Salvo il post per quando Federico comincerà a studiare geografia!!!

  8. ma che bella. anche noi a scuola abbiamo fatto la cartina dell italia che ora usano in classe.in scala ridotta!:-) una soddisfazione per I ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.