Come realizzare una borsa estiva ai ferri prima parte

Pubblicato il 22 aprile 2014 da • Ultima revisione: 7 agosto 2014

Borsa in spago lavorata ai ferri circolari.

Questa borsa è lavorata con lo spago e questo modello l’ho già realizzato tempo addietro utilizzando i ferri semplici. Oggi vorrei riproporvela con ferri circolari, quelli che vi avevo fatto federe per la lavorazione dello scaldacollo.

La tecnica che ho usato allora, la continentale, qui non sono riuscita a metterla in pratica, la qualità del filato e la rigidità hanno complicato la lavorazione e ho fatto semplicemente 2 pannelli con punti a dritto e a rovescio. La tecnica classica adottata e applicata ai ferri circolari, cioè non lavorando a tubolare, ma 2 pezzi separati e da unire all’ultimo.

Con questo articolo e con il prossimo impareremo le basi della lavorazione a maglia che consente di lavorare con 2 strumenti diversi.

Prima di tutto bisogna montare i punti, avviare un numero di maglie per l’esecuzione desiderata.

Esistono diversi modi di avviature, ogni modo differisce poco dalle altre ed esistono:

  1. le avviature con 1 ferro (semplice, con filo doppio, a catenella);
  2. le avviature con due ferri (a maglia dritta);
  3. le avviature con 1 giro di andata e ritorno (a maglia doppia, con metà maglie, tubolare).

Io ne utilizzo sempre e solo una, quella semplice usando 1 ferro che si esegue così:

tenere il ferro destro son la mano destra , si deve srotolare dal gomitolo tanto filato per una lunghezza pari a tre volte la lunghezza-base che si vuole ottenere per l’inizio del lavoro. Con l’indice e il medio della mano sinistra, si forma col filato un anello, che si trattiene aperto per mezzo del pollice avendo cura di tenere verso di noi il filo proveniente dal gomitolo. Si infila il ferro nell’occhiello ottenuto, e con l’indice della mano destra si getta sul ferro il filo proveniente dal gomitolo, con un movimento da sotto in su e da sinistra verso destra. Si scavalca questo filo con l’occhiello ottenuto precedentemente, e, facendolo passare al di sotto della punta del ferro, si tira leggermente il filo di sinistra.

Si sarà così ottenuta la prima maglia. Si ripetono gli stessi movimenti (occhiello con mano sinistra, filo gettato con la destra ecc.) fino a ottenere il numero di maglie desiderato.

Per questo progetto occorrerà:

  • spago naturale grande, comprato dal ferramenta;
  • aghi circolari n°8;
  • forbici;
  • spago sottile e ago per cuciture.

Difficoltà: facile.

Tempo d’esecuzione: qualche ora.

Punti utilizzati: maglia a dritto e a rovescio.

ATTENZIONE: lo spago è una fibra naturale ma molto rigida e di non facile lavorazione. Proteggetevi le mani. Personalmente ho provveduto a mettere del nastro adesivo sull’indice della mano sinistra.

Avviare 27 maglie come descritto precedentemente, lavorare a dritto 20 righe, la riga successiva sempre a dritto per 9 maglie, chiudere 9 maglie e proseguire sino al termine della riga a dritto. Le maglie chiuse  serviranno per creare la maniglia (foro).

Proseguire lavorando le maglie che rimangono (9 a destra e 9 a sinistra ) in modo separato e alternando rovescio -dritto (maglia rasata) ogni riga per 3 volte.

Durante la lavorazione della terza riga riavviare i 9 punti centrali (chiusi in precedenza) e proseguire ancora per 3 righe lavorando a maglia rasata. Chiudere definitivamente il lavoro, accavallando le maglie.

Eseguire 2 pannelli identici, al termine chiudere i 3 lati dei pannelli con spago sottile e ago.

Per chi non sa eseguire la maglia dritta una breve lezione, per il rovescio l’appuntamento è per il post successivo.

Collage maglia a dritto

Foto 1: le maglie avviate si trovano sul ferro di sinistra, con il piccolo ferro di destra infilare la punta sotto l’occhiello del primo punto.

Foto 2: prendendo il filo utilizzando la mano destra far passare il filo tra gli aghi accavallati.

Foto 3: muovendo il ferro destro verso di noi, estrarre la maglia creata dal filo accavallato. Ecco il primo punto a maglia dritta. Proseguire e fare pratica eseguendo qualche riga.

Non tirate troppo, lo spago è di difficile lavorazione e non elastico.

Borsa in spago con i ferri circolari, dritto e rovescio.

Con questo punto, lavorare 20 righe, per il punto rovescio e la chiusura dei punto, ci vediamo domani!



Commenti

7 Commenti per “Come realizzare una borsa estiva ai ferri prima parte”
  1. questo progetto mi pice da morire!
    mi dici solo quanto spago ci vuole per una borsa di medie dimensioni? vado in ferramenta e quanto ne compro? grazie mille.

  2. Strepitosa… il materiale la rende bella, originale e anche resistente, immagino!!!
    Ma devo andare in pensione per avere il tempo da poter dedicare a imparare queste cose, santocielo??? allora mi ci vorrà parecchia pazienza… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.