Fiaba: La goccia d’acqua

Pubblicato il 13 maggio 2011 da • Ultima revisione: 15 ottobre 2012

fiabe per bambini

Pubblico con enorme piacere la nuova favola scritta da Caterina Falchi e illustrata da Anastasia Fogal. Grazie!!

Per leggere le altre favole, guardate la sezione Fiabe e Favolette.

LA GOCCIA D’ACQUA

Questa è la storia di una goccia d’acqua che un bel giorno, stanca della solita vitaccia monotona passata nel secchio per pulire i pavimenti di un ristorante , decise di iniziare a viaggiare per scoprire il mondo.
Fu così che la nostra piccola goccia si ritrovò in posti mai visti.
Un giorno si scoprì salata e vide quanto bello e profondo era il mare. Giocò con le onde e gli spruzzi dell’acqua che si rifrangeva sugli scogli, vide mille specie diverse di pesci colorati e si riposò sul bagnasciuga in compagnia di sassi, conchiglie e meduse spiaggiate.
Il sole però piano piano l’asciugò, la goccia perse tutto il suo sale e diventò ben presto una goccia d’acqua dolce in mezzo ad un lago.
Il panorama che godeva da laggiù era bellissimo, il lago era circondato da colline verdi e rigogliose mentre in lontananza si scorgevano le montagne più alte ricoperte di neve.
Anche qui però arrivò presto il sole che la fece evaporare.
Si ritrovò imprigionata in una nuvola grigia e minacciosa: si stava preparando un gran temporale!!
Ben presto la nostra goccia perse l’equilibrio e iniziò a cadere. Giù giu sempre più giù!!!
Era una goccia un po’ paurosa e mentre cadeva pensava: “Oddio! Chissà dove andrò a finire!” e cercava in ogni modo di aggrapparsi a qualcosa.
Riuscì ad afferrare le ciglia di una bambina ma si accorse che sul visino c’erano altre goccioline d’acqua come lei che però si facevano chiamare lacrime.
La bimba stava piangendo perché si era fatta male cadendo dalla bicicletta, ma ben presto le altre lacrime furono asciugate dal fazzoletto della mamma corsa a consolare la bambina.
La nostra goccia scoprì però che le lacrime potevano essere anche di gioia, non solo di dolore. Infatti in un meraviglioso giorno di sole si ritrovò vestita da lacrima sul viso di una graziosa giovane signora in bianco e si sentiva immensamente felice.
Era capitata sul viso di una giovane sposa che piangeva dalla felicità che stava provando in quel giorno.
Ma il viaggio della nostra goccia non era finito. Si ritrovò ben presto in una brutta pozzanghera fangosa e capì di essere arrivata in un posto di campagna dove non esistevano strade asfaltate ma soltanto campi arati e stradine bianche.
Ma pure stavolta arrivò l’amico sole che fece salire la nostra goccia verso il cielo trasformandola in vapore.
Goccia restò lassù per moltissimo tempo, le venne detto che si trovava sopra un grande paese chiamato Africa dove faceva troppo caldo per scendere, dove le gocce d’acqua non arrivavano mai. E da lassù si vedevano campi secchi, animali magri, capanne di paglia e fango e tanti bimbi bisognosi di cibo.
Si sentiva impotente e piangeva, più piangeva più diventava piena d’acqua e più pesante e iniziò a cadere di nuovo…
E si scoprì di nuovo salata, era tornata nel mare in mezzo a pesci e coralli.
Quante cose aveva visto la nostra goccia durante il suo viaggio, quante altre amiche gocce aveva incontrato, tante amiche con ciascuna compiti diversi ma ugualmente importanti.
E fu talmente felice di ricominciare il suo giro che tornò ancora per mille e mille volte sulle guance delle spose, sulle guance di bimbi, sulle foglie delle piante e nei laghetti di montagna. Il mondo attorno a lei era meraviglioso, ricco di tante cose da scoprire e amici da ritrovare.



Commenti

8 Commenti per “Fiaba: La goccia d’acqua”
  1. aspirantemamma

    mi sono pure commossa
    brave ragazze!

  2. che bella…grazie!! auguro a tutte di essere goccioline coraggiose e sensibili come quella della favola!!

  3. Guglielmo

    magari leggerne una la settimana, il lunedì, così tutto comincia con più amore e positività. Grazie Mammafelice

  4. Bellissima! E’ simile ad una che avevo letto, ma questa è molto più “delicata”… Grazie 1000 d’aver condiviso!
    Un abbraccio
    Silvia

  5. Anch’io ho “inventato” una storiella sul ciclo dell’acqua che ho raccontato cercando di animarla ad una festa di compleanno di una compagna di scuola del mio pupo. Se vi va di fare un giro http://suegiuperlapianura.blogspot.com/2010/11/la-storia-animata-del-mese-il-viaggio.html e raccontatemi pure le vostre impressioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.