Menù di Pasqua 2011

Pubblicato il 21 aprile 2011 da • Ultima revisione: 17 novembre 2017

Un nuovo menù per Pasqua, che ho selezionato dopo un’attenta ricerca su TasteSpotting, scegliendo le ricette d’oltreoceano che mi piacevano di più per un menù non-vegetariano. Le ho ovviamente riadattate, in alcuni casi, in base agli ingredienti italiani e ai nostri metodi di cottura, aggiungendo qualche particolare di mia invenzione… non sono riuscita a non metterci qualche pezzettodi me. 😉
In ogni caso ho scelto ricette facili, poco costose e con molte verdure: anche se si mangia la carne, è bello inserire nei piatti le verdure di stagione, soprattutto con questo bel caldo e queste belle giornate di sole. E poi: perchè stare ore e ore in cucina? Meglio qualcosa di veloce e buono, che costi poca fatica, e che regali tanto tempo libero da passare in buona compagnia!

antipasti-pasqua

Mojito alle fragole: si schiacciano al mortaio le fragole con lo zucchero di canna e la menta fresca, si aggiungono rum acqua tonica e ghiaccio tritato, e si serve tutto con foglie di menta fresca a guarnizione;
Tartine ai pomodori: si prepara una pasta per pizza con farina integrale e si stende in piccole teglie individuali. Si affetta un porro e lo si fa cuocere in pentola, aggiungendo un uovo a fine cottura e mescolando bene. Si versa il composto di uova nelle tortine, si aggiungono i pomodorini tagliati a metà, si aggiunge il formaggio di capra tagliato a tocchetti, e si aggiusta con sale, pepe e timo fresco. Cottura in forno fino a doratura.
Focaccia grigliata agli asparagi: si pelano gli asparagi e si tagliano sottilmente con la mandolina, e li si cuoce in padella con olio e aglio per una ventina di minuti. Si prepara una pasta per focaccia o pizza, la si divide in tante piccole porzioni, che vanno stese sottilmente con il mattarello. Si cuoce la pizza da ambo i lati su una griglia o piastra calda. Si aggiungono mozzarella e pecorino a scaglie, gli asparagi cotti, e si continua la cottura finchè il formaggio si scioglie.

primo-piatto-pasqua

Gnocchi al forno: si prepara una salsa di pomodoro abbastanza densa, con olio e aglio e basilico fresco. Si cuocciono gli gnocchi e si scolano, si adagiano in una pirofila da forno e li si cosparge con la salsa di pomodoro, del basilico fresco, della buona mozzarella e parmigiano grattato, facendoli gratinare per alcuni minuti;
Spaghetti spinaci e salsiccia: si taglia la salsiccia a pezzetti e si cuoce con olio e aglio in una larga padella. Mentre cuoce la pasta, si aggiungono anche gli spinacini freschi tagliati grossolanamente, e si prosegue la cottura, mantecando eventualmente con poca acqua di cottura della pasta. Ottimo con del pecorino a scaglie servito sopra al naturale.
Pennette ai carciofi: pulire e tagliare i carciofi a spicchi, sbollentarli velocemente e ripassarli in padella con una cipolla e uno spicchio di aglio. Aggiungere i pomodorini tagliati a metà, un cucchiaio di capperi e mantecare con l’acqua di cottura della pasta. Scolare le pennette, farle saltare in padella con il sugo ai carciofi e aggiungere prezzemolo fresco tritato e parmigiano a scaglie.

secondi-piatti-pasqua

Pollo arrosto aglio e limone: in una teglia da forno, far soffriggere l’aglio con olio, succo di limone, buccia di limone tritata, timo, vino bianco, sale e pepe. Aggiungere il pollo lavato e bene asciutto, farlo rosolare da tutti i lati e inserire delle fette di limone tra i pezzetti di carne. Aggiungere qualche fiocchetto di burro e infornare per 40-45 minuti, o fino a termine della cottura, girando il pollo e irrorandolo con altro vino bianco, se necessario.
Spiedini di salsiccia e gamberetti: nel bicchiere del frullatore, miscelare olio, aglio, timo, paprika, aceto di mele, sale, pepe e peperoncino, per ottenere una salsina liquida e speziata da usare anche come condimento finale. Preparare gli spiedini alternando tocchetti di salsiccia, gamberetti, pomodorini tagliati a metà, spicchi di cipolla di Tropea e peperoni verdi. Immergere gli spiedini nella salsa e farli macerare per un paio di ore, poi cuocerli sulla griglia e servirli con altra salsina da versare sopra.
Filetti di salmone grigliati: in una ciotola, mescolare zucchero di canna, succo di limone, vino bianco, sale e pepe. Immergere il salmone in questa marinata e lasciarlo riposare per circa un’ora. Scolare il salmone, versare la marinata in una padella o su una piastra, aggiungere il burro e far restringere. Aggiungere il salmone e cuocerlo rapidamente da ambo i lati e servirlo caldo.

contorno-pasqua

Asparagi con pinoli e uvetta: pulire gli asparagi e sbollentarli due minuti in acqua salata. In una padella, far tostare una cipolla rossa con pinoli, olio e aglio. Aggiungere l’uvetta ammollata e strizzata, del succo di arancia, del miele e della buccia di arancia grattugiata. Aggiungere gli asparagi, farli scottare in questa marinata e servire caldo.
Insalata di uova sode: rassodare le uova, tagliarle a pezzetti e lasciarne una intera da parte per la salsa. Tritare l’uovo lasciato da parte, e aggiungere olio, senape, paprika, sale e pepe, ed eventualmente un cucchiaio di maionese. Aggiungere prezzemolo fresco o erba cipollina tagliuzzata con le forbici, e mescolare bene il tutto. Servire su un letto di insalata.
Insalata di pisellini novelli: Pulire i bacelli dei piselli, eliminare i filamenti e farli bollire in acqua salata finchè siano morbidi. In una padella, far soffriggere una cipolla con olio di oliva e farla caramellizzare. Preparare l’insalata: tagliare metà dei piselli a julienne, lasciando l’altra intera. Aggiungere la cipolla caramellata, le mandorle a pezzetti, le foglioline di menta fresca, e condire con una miscela di olio, sale, limone e buccia di limone tritata.



Commenti

31 Commenti per “Menù di Pasqua 2011”
  1. spiedini di gamberi e salsiccia?! uao che azzardo…Io quest’anno, proprio per fare downshifting 😆 ho deciso di preparare il vitello tonnato: non vedo l’ora!

  2. Ho fameeeeeee!! :mrgreen:
    Io per dolce preparerei una sana crostata con la marmellata di mirtilli o di more.

  3. ciao barbara! non riesco a inserire il link… perchè?! mannaggia… ho pubblicato proprio ieri un post su canestelli e meringhe, gnam!

  4. Federica

    Ciao, è la prima volta che scrivo….Ti seguo da un po’, sono rimasta inebriata da tanta fantasia e tanti colori! Proverò sicuramente qualche ricettina…Nonostante io sia quasi totalmente impedita, ho creato un piccolo blog anche io,dedicato al mio bimbo: pipoletto.blogspot.com
    Se ti va, dai un’occhiata!

  5. Rispondo qui sotto che non posso più replicare sopra:

    Si con la ricotta (di mucca o pecora a scelta).
    Uno strato di ricotta e sopra uno di marmellata di more: è qualcosa da morire per la goduria!!
    Non c’è dolce che possa competere

  6. Opto per il salmone grigliato e l’insalata di uova… consegni a domicilio? Ahahha… Grazie e auguri. 🙂

  7. Una mia amica fa la marmellata di rosa canina..molto delicata e particolare:
    Ti do la ricetta:

    Marmellata di bacche di rosa canina
    Ingredienti
    1 Kg di polpa di bacche di rosa canina
    600 g di zucchero
    buccia di limone
    1/2 litro di vino bianco

    Procedimento
    Togliere il gambo alle bacche, lavarle bene sotto l’acqua corrente dprivandole del pelo interno, metterle in una pentola, coperte col vino, bollire e cuocerle a fuoco molto moderato per circa 45 minuti.
    Scolarle e passarle con un setaccio.
    Rimetterle sul fuoco aggiungendo poca acqua bollente e far cuocere per circa 15 minuti. Ripassarle di nuovo al setaccio, pesare la polpa ottenuta e per ogni kg di polpa aggiungere 600 g o più di zucchero. Far cuocere per un altra mezz’ora e qualche minuto prima di toglierla dal fuoco, unire la buccia del limone.
    Metterli nei vasetti sterilizzati
    Chiudeteli subito con la marmellata ancora calda, capovolgere i vasetti per qualche ora e conservate in luogo asciutto e buio fino al momento dell’uso.

    Non è difficile fare la marmellata..lei per esempio non usa mai la pectina ma ci mette una mela che è naturale e fa lo stesso effetto.
    Bisogna solo sterilizzare bene i vasetti e tenerli capovolti per un po’ con la marmellata dentro.
    E poi non conservare per anni ma consumare entro qualche mese.

  8. angela

    Mi sono arrivati proprio stamane i piselli da Bioexpress, ma la ricetta comporta l’uso dei bacelli, ho capito bene Ba??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.