Mamma Felice

Polenta friulana

Da sempre la Polenta è per eccellenza uno dei piatti tipici del Friuli.

ricette-tradizionali-friulane-la-polenta

Una volta cucinata, non viene mai sprecata: si può gustare anche giorni dopo averla fatta, basta abbrustolirla in forno o in padella, che il suo inconfondibile sapore torna a prendere vita.

Ingredienti:

  • 300 g di farina gialla di mais lasciata grezza
  • un litro di acqua
  • 1 cucchiaio di olio extravergine

In una ampia pentola portiamo a bollore il litro di acqua, saliamo abbondantemente e aggiungiamo il cucchiaio di olio; abbassiamo la fiamma e iniziamo a far cadere a pioggia la farina grezza, rimestiamo avendo cura che non si formino grumi.

Il composto inizialmente sarà morbido ma durante la cottura acquisirà consistenza.

La polenta sarà cotta dopo un’ora e solo quando la parte centrale si staccherà dai bordi attaccati alla pentola che formeranno le “croste di polenta “.

ricetta-frico-friuli-venezia-giulia-italia-tortilla-frittata-italiana

Ribaltiamo la polenta dura su un tagliere e serviamola calda tagliandola con un filo da cucito accompagnandola al Frico con patate e formaggio stagionato o alle saporite carni della terra friulana.

Curiosità: in tante regioni d’Italia, la polenta si mangia ‘concia’ con i formaggi (gorgonzola, fontina, toma, burro, parmigiano, stracchino…) in Valle d’Aosta e in Piemonte, ma anche con le carni: polenta e osei (con allodole, tordi, passeri o quaglie) a Bergamo, polenta con la salsiccia, polenta con i ciccioli nelle zone di Piacenza, e anche con le spuntature di maiale e le salsicce nel Lazio. In Emilia Romagna la polenta si mangia spesso con il ragù: preparate un ragù denso e saporito, aggiungete rosmarino e servitelo sopra un piatto di polenta fumante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.