Il rituale del lavarsi le mani secondo Maria Montessori

Pubblicato il 3 marzo 2016 da

rituale-lavarsi-le-mani-bambini-metodo-montessori

Il rituale del lavarsi le mani:

[…] vediamo che, quando il bambino impara a lavarsi le mani, lavarsele non è lo scopo, perché lo ripete più volte, anche quando ha le mani pulite, e continua, finché è soddisfatto il bisogno di questa attività. Il suo interesse è tutto interiore: agisce e costruisce sé stesso senza lasciare all’esterno alcuna traccia.
Maria Montessori, L’autoeducazione nelle scuole elementari. Garzanti, 1992

Lavarsi le mani da solo è una delle prime nozioni d’igiene che il bambino può imparare. L’interesse innato per l’acqua, e il fatto di vedere questo gesto ripetuto di frequente dalle persone intorno a lui, stimolerà sicuramente la sua curiosità.

Come trasformare il rituale di lavarsi le mani in un’attività Montessori

Disegno per imparare a lavarsi le mani

Trasformate questa attività in una sorta di piccola rappresentazione teatrale, con una sequenza ben precisa e sempre uguale:

  1. salire sullo scalino (aggrappandosi al lavabo se serve),
  2. aprire l’acqua del rubinetto facendo uscire un piccolo getto,
  3. bagnarsi le mani e richiudere l’acqua
  4. prendere il sapone, passarlo sulle mani, riporlo nel suo contenitore
  5. strofinare bene ogni dito, il palmo della mano e il dorso.
  6. riaprire il rubinetto, sciacquare le mani con cura,
  7. richiudere il rubinetto
  8. scendere dal gradino,
  9. prendere la salviettina, asciugare le mani e riporla al suo posto.

Mostrategli come fare lentamente, insistendo su ogni gesto e descrivendolo con parole semplici sussurrate dolcemente.

Per arrivare a compiere tutto il rituale in modo automatico ci vorrà tempo. Siate pazienti e non correggete i suoi gesti interrompendo l’azione. Mostrategli invece il gesto corretto facendo in modo che lo trovi interessante e voglia imitarvi.

Proponetegli di lavarsi le mani ogni volta che rientrate in casa e dopo mangiato.

Quando non ne ha voglia, mostrategli le vostre mani e dite: “Guarda come sono sporche. E le tue?”.
Invitatelo a guardare le sue mani mostrandogli che sono sporche. Capirà così lo scopo del gesto.

A volte, i bimbi vogliono lavarsi le mani di continuo: lasciatelo fare. Il suo scopo non è quello di avere le mani pulite, ma di apprendere in modo preciso la sequenza dei gesti attraverso la ripetizione, proprio come dice la Montessori.

Articolo a cura di Daniela Valente, autrice del libro: Come liberare il potenziale del vostro bambino. Manuale pratico di attività ispirate al metodo Montessori per i primi due anni e mezzo.
BLOG: http://www.montessori4you.it/



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.