Design del Riuso

Pubblicato il 5 ottobre 2015 da

Riciclare non è solo un modo per non sprecare, o per risparmiare: è anche l’occasione per fare arte contemporanea.

design-del-riuso

Una creatività che produce bellezza consapevole, e riqualifica la materia come strumento per sperimentare, e per raccontare le storie delle persone che hanno posseduto quei vecchi oggetti.

Che è poi l’idea di Massimo Sirelli, giovane designer italiano di Catanzaro, che ha iniziato riciclando gli oggetti nascosti nei cassetti della mamma, e poi scovandoli nelle bancarelle polverose dei mercatini, per progettare un movimento di amore per le cose e il design, sfociato in un piano di ‘adozioni’ artistiche: Adotta un Robot, è intatti il suo piano per ridare la vita agli oggetti in un grande progetto di Design del Riuso.

La prima Casa Adozioni di Robot da compagnia al mondo, dove trovano casa:

i Robottini Orfani del progresso industriale, del consumismo, del merchandising, dei retro computer e della tecnologia in disuso.

E’ bellissima l’idea di prendere le cose dai garage, dalla tavernetta della nonna, dalle cantine… e reinventarsi un modo di celebrare quegli oggetti in chiave moderna, visto che sono stati, in passato, importanti per qualcuno.

design-del-riuso

Se lo avessi saputo prima, avrei tenuto quei macinini di caffè di mia nonna. O avrei frugato meglio nel cassetto del cucito, con tutte quelle vecchie scatole di latta dei biscotti un po’ ammaccate, con dentro tante cianfrusaglie magiche che un giorno speravo di ereditare. Chissà poi perché.

Vorrei essere capace di vedere le storie dentro le cose, per scoprirne l’anima. Da piccola ero molto animista: la lucina notturna era un amico simpatico dal nasone verde e gli occhietti piccoli piccoli; un triangolo di carta da parati strappato era una signora distinta ed elegante con un largo cappello a falde; la riga sullo scalino era il ciuffo di un anziano brontolone, che ruggiva ogni volta che ci camminavo sopra.

Oggi vorrei avere ancora con me qualcuno di questi oggetti del ricordo, per riabilitarli, riportarli nella mia vita, o semplicemente, per cimentarmi nel riuso creativo.

Un riuso che sa di poesia, insomma. E che potete seguire da vicino, se partecipate al Concorso Galleria del Sapore Cirio.

design-del-riuso
Massimo Sirelli, infatti, è uno dei ‘premi’ del Concorso Galleria del Sapore Cirio: terrà un workshop creativo a Torino, in un weekend torinese dedicato all’arte, alla creatività, alla cucina e alla città che ora ospita anche noi.

design-del-riuso

Fino al 25 ottobre potete partecipare, ed è gratis: scattate da una a tre fotografie artistiche, con i seguenti elementi:

  • tre ingredienti al massimo, di cui uno – obbligatoriamente – sia un pomodoro crudo;
  • un oggetto che vi riporta alla memoria un’emozione;
  • la storia dell’oggetto e il ricordo che evoca in voi, in massimo 300 caratteri.

Caricate le foto sul sito Cirio fino al 25 Ottobre 2015 sul sito: www.cirio.it/concorso-galleria-del-sapore

design-del-riuso
Cosa si vince: un super weekend a Torino tra arte e cucina! Comprensivo di un tour di Torino, un workshop creativo insieme a Massimo Sirelli, un pranzo con showcooking di Giovanni Naviglia di FoodLab, il tutto con un pernottamento a 4 stelle. Per scoprirne di più clicca su: www.cirio.it

Frugate nei cassetti di casa, in garage, nel ripostiglio della nonna: alla ricerca di quell’oggetto che da bambini vi emozionava, o di un ricordo che porta ancora il profumo e la voce e la presenza di coloro che ne hanno fatto uso.

C’è sempre una memoria felice pronta a rivivere, in ognuno di noi.

===

Concorso valido dal 10 Settembre all’08 Novembre 2015 (caricamento dal 10 Settembre al 25 Ottobre e voting dal 26 Ottobre all’08 Novembre). Assegnazione entro il 13 Novembre 2015. Montepremi pari a € 2.968,17 (i.e.). Regolamento su: www.cirio.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.