Recensione Console Nintendo 3DS XL

Pubblicato il 9 luglio 2014 da • Ultima revisione: 7 gennaio 2015

recensione-console-nintendo-3DS-XL

Dafne a tre anni aveva già il suo primo computer: un vecchio portatile riciclato, con Ubuntu, con il quale ha giocato, ha imparato a leggere e a scrivere prima di andare a scuola; grazie a questo ha preso familiarità con il browser, l’utilizzo del mouse, e i concetti base dell’utilizzo delle interfacce.

Ultimamente, come tutti i bambini, aveva iniziato a chiedere di utilizzare anche i nostri smartphone, cosa che a noi non piaceva per molti motivi: quindi, quest’ultimo Natale, al suo sesto anno di età, abbiamo deciso di regalarle una console Nintendo, ovvero un dispositivo davvero adatto a giocare.
Era appena uscita la nuovissima Nintendo 2DS, e non abbiamo avuto dubbi: piccola, leggera, quasi indistruttibile, compatibile con tutti i giochi 3DS, più economica delle sorelle maggiori. Abbiamo preso anche una custodia morbida per poterla portare sempre dietro nella borsa della mamma.

A Dafne è piaciuta un sacco: i viaggi lunghi in macchina o le attese agli uffici scorrono più veloci anche per noi, perché lei ha modo di giocare e di non annoiarsi, e soprattutto i nostri telefoni sono liberi e disponibili. 😉

Dato che usiamo i telefoni per lavoro, non ci è possibile lasciarli usare alla bambina per giocare, per diversi motivi:

  • gli smartphone sono costosi e delicati, e il rischio che li danneggi non è da sottovalutare;
  • sono connessi alla rete senza alcun filtro, e non ci sentiamo tranquilli a farla navigare e rischiare di sottoscrivere abbonamenti a suonerie e servizi di informazione;
  • la batteria ha una durata limitata, e non è piacevole perdere una chiamata di lavoro perché lei è rimasta 1 ora a giocare e si è scaricata la batteria.

Credo che siano i problemi in cui si sono imbattuti tutti quelli che hanno figli dell’età di Dafne.
La console Nintendo li risolve tutti egregiamente, vediamo come:

  • è molto più robusta e resistente di uno smartphone, ed è molto meno costosa;
  • il collegamento alla rete è filtrato e controllabile, e non può sottoscrivere servizi di abbonamento anche se clicca alla rinfusa;
  • la batteria ha una durata maggiore, e non interagisce con quella dei nostri telefoni. 🙂

Inoltre è fatta apposta per giocare, quindi non bisogna districarsi tra menu e opzioni varie, ma è subito disponibile anche solo per pochi minuti.

Con il bundle 2DS + Animal Crossing e un paio di altri giochi regalati da zii e nonni, si è divertita per un bel po’ di mesi, e continua ad usarla, soprattutto quando siamo in giro, perché è leggera da portare dietro.

Recentemente Nintendo ci ha fatto provare la 3DS XL, la più grande delle console Nintendo: ha due display da quasi 5 pollici, più grandi di quelli della maggior parte degli smartphone. A Dafne è piaciuta moltissimo!

Abbiamo disattivato la funzionalità 3D tramite il filtro famiglia, come consigliato da Nintendo per i bambini di età inferiore o uguale ai 6 anni. Disabilitandola con il filtro famiglia i bambini non potranno attivarla neanche con l’apposita levetta.

Le funzionalità rispetto alla 2DS sono le stesse (eccetto che per la funzionalità 3D), i giochi utilizzabili anche, però il display più ampio rende sicuramente migliore l’esperienza di gioco. Ora la 3DS è la console che Dafne utilizza di più a casa, mentre la 2DS essendo più piccola e leggera è quella che ci portiamo sempre dietro.

Tutti i giochi si possono utilizzare su entrambe le console senza problemi, quindi la scelta è personalissima:

  • 2DS se si vuole una console leggera, robusta, ed economica, e se non si è interessati alle funzionalità 3D, oppure è per un bambino minore di 7 anni.
  • 3DS XL se si vuole una console aggiuntiva da tenere a casa, oppure per bambini maggiori di 7 anni (compresi i genitori).

Voi avete avuto modo di provarle? Cosa ne pensate?



Commenti

4 Commenti per “Recensione Console Nintendo 3DS XL”
  1. Nestore, non conosco per nulla il mondo Nintendo, mi illumini?
    Noi abbiamo un tablet Clementoni, scarichiamo i giochi free di Android.
    E’ una cosa simile? Ci sono giochi gratuiti Nintendo o l’acquisto è obbligatorio? Mi tenta molto per i viaggi…


    • immagine livello
      Primina

      Ci sono solo demo gratuite: i giochi si comprano nell’eshop (quelli scaricabili) oppure nei negozi di giochi o centri commerciali (le cartucce). Però non sono paragonabili ai “giochini” android gratuiti: sono veri e propri videogiochi, come quelli delle console o del pc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.