Centrotavola di Natale

Pubblicato il 23 dicembre 2013 da • Ultima revisione: 17 novembre 2014

centrotavola-natale.jpg

Ho cercato un po’ di idee per creare un bel centrotavola di Natale. Quest’anno sono indecisa: faccio un centrotavola ‘mangereccio’, oppure un centrotavola classico, magari con rami di abete o palline di Natale?

Da una parte ho sempre preferito il centrotavola mangereccio (e te pareva), perché così alla fine del pranzo di Natale il centrotavola viene anche utilizzato da tutti: per esempio se arricchito da mandarini, o noci e nocciole, o anche frutta secca come datteri, mango e papaia essiccati, e così via. Che ne dite?

Dall’altra parte non mi spiacerebbe un bel centrotavola classico, magari con delle belle candele accese e magari qualche bastoncino di cannella, bucce di arancia, chiodi di garofano: una serie di spezie che riempiano la stanza di ‘profumo di Natale’.

Ma con una bambina che non sta seduta un momento sulla sedia, non so: ho un po’ paura degli incidenti collaterali. L’importante comunque è che sia bellissimo e di effetto.


Oggi ne ho raccolta una carrellata, per trovare qualche spunto utile insieme a voi. Voi quali preferite?

Mi piace molto l’idea di arricchire la tavola di Natale con candele accese: rende tutto molto romantico e caldo. Bisogna scegliere dei porta candela particolari, in tema con la tavola e con i suoi colori. Argento, rosso, blu, bianco… c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Sono molto belli i vasetti di alluminio o di vetro: l’importante è che siano forati o trasparenti, in modo che i giochi di luce possano passare anche dai lati del porta candela, creando una bella luce sulla tavola.
Si può completare il tutto con rami veri di pino o di abete, che profumeranno moltissimo la casa e gli ambienti, e anche con la neve finta e alcune palline di natale glitterate.

Attenzione ai bambini: le candele non vanno mai lasciate incustodite sul tavolo, né alla loro portata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra i miei centrotavola preferiti c’è sempre quello edibile, ovvero pieno di cose buone da mangiare. Potrebbero essere biscotti di Natale, o anche crackers al sesamo e al papavero, o focaccine, o anche frutta secca.

Tirate fuori dalla credenza quella vecchia scatola di latta tanto carina che avete conservato per usarla ‘in giorni migliori’: basta foderarla con carta da pacchi a pallini, o anche carta velina di vari colori, sempre abbinati alla tavola.
La scatola di latta servirà anche a conservare al meglio i biscotti o i crackers, senza farli diventare molli: potrete così cucinarli anche due giorni prima di Natale, conservandoli ben chiusi.

Altra idea simpatica per il centrotavola di Natale: un piccolo cestino con neve finta e palline dell’albero di Natale a forma di funghetti colorati. Decorate la tavola anche con rami di abete, ghiande o persino il muschio avanzato dal Presepe. Potreste persino poggiare delle statuine di Babbo Natale e di Elfi su un vassoio di argento (o in plexiglass) e creare una sorta di villaggio di Babbo Natale, con tanto di casine a forma di funghi.

 centrotavola-natale

Le palline avanzate dall’albero di Natale stracolmo non si buttano mai, ed è un peccato nasconderle di nuovo nella scatola degli addobbi di Natale. Scegliamo le più belle e mettiamole su un piccolo vassoio in centro alla tavola, aggiungendo qualche pigna raccolta in strada e pulita.

Per rendere ancora più magica l’atmosfera, possiamo dipingere le pigne di bianco con una bomboletta spray, oppure decorarle con un po’ di colla glitter in cima.
Una bella lanterna colorata completerà l’effetto d’insieme. Vi piace?

Invece di scatole e cestini, possiamo utilizzare anche materiali poveri, come sacchi di iuta o di corda, anche legati a mano. Prendiamo lo scampolo di stoffa, riempiamolo con un po’ di carta sul fondo (per dare sostanza e sostegno alla iuta) e poi decoriamo il centrotavola con rami di pino o di altre piante invernali, e tanti bastoncini di zucchero o lecca lecca.

Alla fine del pasto gli ospiti potranno ‘smontare’ il cestino assaggiando i bastoncini di zucchero, o portandoli a casa come ricordo.

 centrotavola-natale

Per restare sul classico, possiamo creare un centrotavola elegantissimo usando il melograno: puliamolo bene all’esterno e facciamo una composizione mista, alternando frutti chiusi e frutti aperti.

Il bel colore rosso del melograno spiccherà sui rami di abete e sulla tovaglia. E i commensali potranno anche assaggiarlo, o addirittura usarlo come ingrediente per completare i propri piatti, se avete in mente di servire un risotto allo champagne o una insalata invernale.

La mela è il frutto invernale per eccellenza: usiamola per riscaldare l’ambiente. Basterà lavare per bene le mele rosse (o anche quelle verdi, se volete dare un tocco più colorato alla tavola, e meno tradizionale) e poi lucidarle molto bene con un tovagliolo. Mettete un fiocchetto sul picciolo, per renderle ancora più invitanti. Se laviamo le mele, i commensali potranno mangiarle a fine pasto, e quindi saranno anche utili!

Aggiungiamo qualche stecca di cannella legata con dello spago o cordino, anche in modo molto rustico, e anche bacche di anice stellato e decorazioni natalizie.
Basterà poggiare tutto su una tovaglietta o centrino di feltro, per ottenere un bellissimo centrotavola natalizio.

 centrotavola-natale

E se come centrotavola proponessimo una casetta di biscotti e marzapane? Ce ne sono alcune in kit già pronti, quindi facili da assemblare e decorare. Oppure potete creare voi le basi di biscotto e poi ‘incollarle’ tra loro con la glassa di zucchero o con il cioccolato fuso, lasciando che si attacchino le parti quando la glassa solidifica.

Si può decorare la casetta con caramelle, lecca lecca, caramelline e perline edibili. Potreste addirittura metterci una candelina all’interno, per illuminarla. E a fine pasto diventa un dolce da mangiare tutti insieme!

 centrotavola-natale

In un bel piatto da portata, possiamo mettere biscotti glassati, pigne, bacche di cannella, ma soprattutto frutta secca e in guscio: noci, nocciole, noccioline, mandorle: in questo modo il centrotavola di Natale non andrà sprecato, e potrà essere letteralmente assaggiato dagli ospiti a fine pasto, quando si bevono l’amaro o il caffè oppure si inizia una bella partita a carte o la tombolata.

Per completare, provate ad inserire anche dei bei mandarini: piacerà a tutti mangiare un mandarino fresco che tolga la pesantezza del pranzo in modo dolce e profumato.

 centrotavola-natale

Come centrotavola natalizio potrebbero andare benissimo anche i pensieri felici.
Procuriamoci un vasetto di vetro trasparente, e riempiamolo di biglietti scritti a mano, dove avremo riportato pensieri felici o auguri speciali, o pensieri fortunati.

A fine pasto sarà divertente per tutti pescare nel vasetto per scegliere il proprio pensiero, e leggerlo ad alta voce: sarà un bello spunto di gioia, ma anche di riflessione.



Commenti

8 Commenti per “Centrotavola di Natale”
  1. bellissimo questo post sembra uscito da una rivista 😛

  2. La casetta, io voglio la casetta!!!! 😀
    Deciso, me la farò, ma per il capodanno, che ora siamo un po’ tardi…
    Un abbraccione!

  3. Matite e Pennelli

    Ciao, mi piace molto l’idea del sacco di iuta e i bastoncini di zucchero!! Grazie per questi spunti originali, mi sono iscritta come tua follower per non perdere nessuna delle tue proposte interessantissime! Ti auguro di trascorrere un sereno Natale con tutti i tuoi cari!

  4. chiarac

    Mela e stecche di cannella! Mi sembra già di sentire il profumo! Buon Natale Barbara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.