Senza pannolino

Pubblicato il 26 novembre 2013 da • Ultima revisione: 7 agosto 2014

senza-pannolino.jpg

Ho la libreria piena di libri, comprati negli anni: si va dalla classica enciclopedia dei nomi con la quale ho scelto i nomi dei due figli, a libri di ricette per lo svezzamento, a quello comprato dopo poco la nascita del secondogenito sull’educazione “senza pannolino”. Allora la cosa mi incuriosì tantissimo, lessi in giro in qualche forum e comprai questo libro in cui questa donna raccontava le magie del figlio che a pochi mesi faceva tutto nel vasino.

Poi si sa che i figli, specie i secondi sono un terreno fertile e perfetto per le sperimentazioni, ed allora ti ritrovi a provare ad educare tuo figlio all’uso del vasino quando ha quattro mesi, scoprendo che la cosa funziona pure!

Ho iniziato quasi per gioco: dopo aver letto il libro ho deciso che avrei voluto provare; in fondo quando una cosa riesce a qualcuno magari è fattibile pure con tuo figlio no? Ed allora via il pannolino e dopo le poppate tutti in bagno a provare a fare la pipì. Voi magari non ci crederete, ma con un po’ di rodaggio la cosa funzionava davvero, e non ho dovuto pulire chissà quante pipì.

Si era instaurata una sorta di studio delle espressioni facciali e spesso riuscivo a capire quando era ora di fare qualcosa, dopo un mesetto ero arrivata ad usare un solo pannolino in tutto il giorno, usandolo durante i sonnellini. In realtà non esistono regole, a parte una buona comunicazione madre-figlio ed il fatto che i bambini abbiano degli orari aiuta molto. Aiuta molto il fatto di non usare i pannolini usa e getta, così da capire subito quando i bambini si bagnano e non farli abituare all’idea che sia normale rimanere sporchi di pipì.

Ovviamente tralascerò di raccontare la parte in cui i nonni del bambino hanno iniziato a preoccuparsi per questa mia fissazione barbara e senza senso, e vi dirò perché invece ho deciso di smettere. La cosa funzionava, ed avevo letto anche un po’ di testimonianze nei vari forum, ma obiettivamente è faticosa e impegnativa, specialmente se il bambino va lasciato ad altre persone. Bisogna iniziare e sapere che la cosa durerà qualche mese e che poi verso l’anno si potrà provare ad eliminare del tutto il pannolino.

Io ho iniziato nella fase woodstock del mio essere madre, e mi piaceva il fatto che fosse una cosa che le donne africane e asiatiche praticano senza problemi, ma ho deciso che non faceva per me, ho deciso che occorreva troppo impegno a fronte di una conquista che non mi interessava, e che comunque con un po’ d’impegno il pannolino si può levare comunque intorno ai due anni, però di questa esperienza mi resta il legame con mio figlio e l’emozione che mi dava capire i suoi segnali.

Mi resta il fatto che è bello a volte uscire dai propri schemi mentali e provare altro, scoprire che in fondo è anche divertente essere una madre diversa dai nostri stessi schemi mentali.

Per chi fosse curioso, io ho trovato illuminante il libro di Laurie Boucke “senza pannolino, come educare al vasino sin dai primi mesi di vita”, edizioni AAM terranuova.

 



Commenti

2 Commenti per “Senza pannolino”
  1. Anche io ho letto vari articoli sui bimbi senza pannolino.
    E incuriosita ho provato, con successo, a usare il vasino già a partire dall’anno circa di età, per entrambe le figlie. Concentrandomi solo sulla cacca però. E per entrambe è andata bene. Senza estremismi e senza affanni, anche perché le bimbe stanno molto tempo a scuola o coi nonni, che però collaborano con piacere. Entrambe si sono abituate in fretta e con entusiasmo, e mi hanno fatto capire fin da subito quando dovevano fare la cacca. La seconda addirittura, che ha 17 mesi e non dice una parola, ricorre a siparietti comicissimi per farci capire. Oppure si siede direttamente sul vasino e spinge 😆
    Quando a due anni ho tolto alla grande il pannolino anche per la pipì, andare sul wc o sul vasino era così naturale per lei che dopo i primi 2-3 giorni non ci sono più stati incidenti.
    Si può fare.

  2. Antonella

    Ciao, quello che hai fatto è bellissimo x 3motivi: 1ascoltare e capure il tuo cucciolo, entrare in empatia con lui; 2 togliere quella plastica dal culetto; 3aiutare un po ‘ il pianeta. Fatto sta che la società moderna (vedi i nonni cm hanno reagito) e i ritmi di lavoro remano contro noi mamme controcorrente. Ame è successo di dover leggere libri e libri sull’alimentazione naturale, i benefici dell’allattamento al seno prolungato ecc alla fine ne esci sfinita! X i pannolini, cm divi tu, dovendoli lasciare al nido nn ci ho neanche provato .Ma le mamme casalinghe dovrebbero farlo x amore dei propri cuccioli. Saluti Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.