Creare un anello con i tappi

Pubblicato il 15 maggio 2013 da • Ultima revisione: 7 agosto 2014

anello con i tappi a strappo indossato

Quando ho iniziato questo lavoro, l’ho fatto per necessità, devo essere sincera.

Ho iniziato perché non potevo permettermi di comprare materiali per creare qualcosa di carino, le misere finanze non lo consentivano, poi ho preso consapevolezza del problema ambientale e mi sono appassionata.

Oltre a questa presa di coscienza  e al problema finanziario si è aggiunto anche quello di utilizzare il riciclo per lavorare con i bambini e permettergli di avere strumenti sin dalla più tenera età per comprendere quello che li circonda, come difendere la madre Terra e il rispetto di quello che li circonda.

Tengo e riciclo di tutto, amo qualsiasi cosa, vi faccio un esempio, ho cambiato i gommini dei tergicristalli della mia macchinina e li ho tenuti, non ho ancora avuto un’ispirazione decente ma li ho riposti in luogo sicuro dove nessuno li veda e me li possa buttarli via.

Tengono compagnia a tante altre cose che sono messe da parte in attesa di un’idea che li possa far rivivere. La cosa più difficile è creare cose decenti. Le ispirazioni sono tantissime, ma poi fare qualcosa di carino, di utile e che non comporti altro dispendio di denaro è complicatissimo.

Il mio lavoro devo ammettere è difficile, sempre al confine del banale, dell’orrido e dell’inutile.

Un’idea può essere semplice ma non accattivante, oppure geniale ma mal interpretata, o ancor peggio solamente brutta.

Di cose non degne di essere realizzate e fatte vedere  ne ho create tante in questi anni, ma ci provo, l’unico “pregio” che devo ammettere di avere è quello di provarci sempre e comunque. I risultati non sono sempre ottimi, o meglio, a volte penso di aver fatto una cosa decente e invece scopro di aver sbagliato il modo, i mezzi, e i tempi. Oppure succede l’esatto contrario.

Quello che mi è sempre piaciuto è lavorare con i bambini. Con loro qualsiasi cosa si faccia è gioia, il loro entusiasmo è veramente la linfa di vitale, e hanno il pregio non secondario di non emettere sentenze definitive ma parziali.

Vedono al di la dell’occhio dell’adulto, dicono quello che pensano ma coscienti che l’argomento che si tratta è interessante e sono recettivi all’inverosimile.

I primi a giocare con me sono i miei figli, quelli grandi un po’ meno per ovvi motivi, ma con quelli piccolini ci divertiamo un mondo. Mettevo da parte da qualche tempo dei tappi ermetici con la linguetta, per intenderci quelli che hanno come chiusura le bottiglie di olio o di latte. Qualcuno l’ho usato per fare un ciondolo un po’ strano, e gli altri sono stati utilizzati in un pomeriggio di noia da me e Emma.

Vediamo com’ è andata.

occorrente anello con coperchio del latte e perline

Occorrente:

  • tappini ermetici con linguetta
  • colla resistente e pennello
  • perline o paillettes

collage procedimento anello

Il procedimento è semplice e intuitivo, mettere molta colla sul tappino e immergerlo nelle perline.

Girare il tappino e togliere l’eccedenza di perline.

anelli con coperchio di plastica e perline

Lasciare asciugare e indossare.

Ho tentato anche un’azzardo con le paillettes.

anello con paillettes

Non mi aspettavo che ci fossero due occhietti che mi guardassero, che casualità!

Ecco cosa mi piace del mio lavoro, a volte vedo delle cose che mai avrei visto, a volte interpreto regole che mai avrei preso in considerazione e questo solo guardano da un’altra angolazione un oggetto.

Le creazioni di oggi non saranno il massimo, le troverete banali, instabili e senza senso, lo so, ma quegli attimi seppur brevi di vita con i miei figli non me li porterà via nessuno e rimarranno sempre nel mio cuore.

Questa è la cosa importante.



Commenti

15 Commenti per “Creare un anello con i tappi”
  1. Laura, sai che questo post potrei averlo scritto anche io in tanti punti? 😛
    Poi io non sono brava come te e non ne ho fatto un lavoro… ma ho tenuto cose…che…..! Tanto volte anche io presa dall’ispirazione ho creato cose che poi mi hanno lasciata perplessa! Pero’ amo quella scintilla che si scatena in me in certi momenti 🙂
    Sai questo tuo post casca a fagiulooo come si sul dire, sto preparando un centro estivo e sto raccogliendo spunti! grazie 🙂

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (9 anni)

      Quella sensazione la provo anche io, ma a volte la perdo. Perdo la voglia di scoprire e sperimentare, e di darmi da fare.
      Invece la creatività è proprio una dote da coltivare, soprattutto quando si pensa di non averne abbastanza!

      • Anche io a volte la vedo allontanarsi e succede proprio quando sono piu’ stanca e ne avrei piu’ bisogno! Invece poi quando mi butto a pesce in alcune attività…rinasco

      • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
        Mamma Felice
        immagine livello
        Guru
        Mamma di Dafne (9 anni)

        Io è da quando ho fatto il trasloco che ho come l’impressione di non avere più idee creative 🙁
        Non mi piace, è una brutta sensazione. Perché invece lo so che mi farebbe bene pasticciare un po’ con le mani. Eppure la mia scrivania del craft è tutta in disordine e anche se ho comprato materiali bellissimi, non ho ancora avuto il coraggio di usarli. Forse mi ci vorrebbe un compito preciso. O forse un paio di amiche con cui fare qualcosa.

      • Si a me son proprio servite queste due cose…
        uno scopo : vedi preparare materiale da vendere al mercatino della materna
        e farlo a volte con qualche amica!
        Mi son ritrovata spesso a sbuffare infatti, mentre liberavo il tavolo da pranzo (non ho una stanza pro-ciapini)
        Tu in giardino per esempio potresti lavorare benissimo 🙂

      • ps finite le scuole, durante le vacanze organizzero’ uno swap…magari ti vien voglia di partecipare :;)


      • immagine livello
        Visionaria

        No, Barbara , non mi dire così 🙁
        Vedrai che è un momento e poi passa. Di mesi sabbatici dove ho accantonato tutto ne ho passati tanti, gli ultimi appena prima di aprire il blog. Mi chiedevo perchè lo facessi, per chi e soprattutto a che fine. Domande tantissime, risposte poche, ma fatto sta che ho ripreso a creare forse con più stimoli. Non mi chiedere come ho fatto, forse è stato naturale , forse ero solo troppo stanca in quel periodo per trovare il tempo a paciugare con qualcosa.
        Un abbraccio

    • Grazie Bietolina, è un po’ che volevo scrivere questo post sull’importanza non di quello che si crea, ma lo spirito e con chi lo si fa. E’ un po’ come fare l’amore o si fa sesso tanto per fare oppure quando si ama è qualcosa di più . Per me l’importante è fare l’amore bene( per quanto mi è possibile) e con chi dico io 😉

      Grazie per le belle parole.

  2. l’idea è carina e simpatica, nonché semplice da far realizzare anche ai bambini. Ma non ho capito che tappi devo usare. Dove li trovo quelli con la linguetta? ciao

  3. bellissimo a me poi piace fare queste cose mi piace tanto!!! se trovo gli oggetti li faccio!!!!http://www.mammafelice.it/wp-includes/images/smilies/cuoricini.gif

  4. bellissimo a me poi piace fare queste cose mi piace tanto!!! se trovo gli oggetti li faccio!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.