Visual food

Pubblicato il 17 novembre 2012 da • Ultima revisione: 10 novembre 2017

visual-food

Sapete già cos’è il visual food? E’ una tecnica di intaglio e particolare lavorazione degli alimenti, per creare decorazioni commestibili.

In Italia è stata Rita Loccisano a rendere il visual food davvero conosciuto, tanto che (lo sapevate?) ha anche una sua piccola trasmissione su SKY, sul canale 137 Easy Baby. Lo potete vedere alle ore 13, alle ore 18.15 e in replica alle ore 22.30. Io stasera me lo guardo, eh! 😉

Potete guardare i suoi video anche su Youtube, comunque, se non avete SKY. Così nessuno è scontento.

Con questa tecnica potete davvero realizzare qualunque cosa, con una caratteristica fondamentale: tutto è vero, nulla si butta. Non ci sono pezzi di polistirolo che sostengono il cibo, non ci sono bastoncini di pvc, basi di plastica, ecc… Solo frutta e verdure freschissime, da mangiare, ma anche salumi e formaggi, e pane, e qualche stuzzicadenti da tavola.

visual-food
E’ importante dirlo perché in questo modo Rita Loccisano ha sempre cercato di presentare il visual food: come una tecnica decorativa commestibile, che non spreca cibo e che non serve solo a scopo puramente decorativo.

Sembra difficile, ma non è così: se passate al Mondo Creativo e andate a visitare il suo stand, oppure se seguite uno dei suoi corsi, vedrete che il lavoro è molto semplice, e soprattutto non servono chissà quali attrezzi. Pochi, ma giusti, alcuni dei quali sicuramente sono già presenti in casa vostra, come il levatorsoli o il rigalimoni, o lo spelucchino.

visual-food
Potete frequentare i corsi di Visual Food Design consultando il catalogo corsi e contattando via email direttamente la crew di Rita.



Commenti

2 Commenti per “Visual food”
  1. ho fatto un corso una volta con il nido! troppo bello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.