Braccialetti e perline

Pubblicato il 31 luglio 2012 da • Ultima revisione: 7 agosto 2014

braccialetti di perline

Lo dico sempre: non ci sono mai abbastanza perline e brillantini, nella vita di una donna. Lo so che in questi anni si sono scatenati numerosi comitati contro i giochi di genere e contro tutto ciò che è pink, ma noi qui ce ne siamo sempre un po’ fregate, e siamo andate avanti per la nostra strada.

Così come il nostro motto della nostra avventura lavorativa con Crayola: abbiamo imparato a vivere creativamente, e questo ci basta per non avere paura di giocare un po’ con tutto.

Non mi sono mai sognata di comprare a Dafne la lavatrice giocattolo e il mini ferro da stiro (non lo uso nemmeno io, il ferro da stiro, perché dovrebbe giocarci?), ma abbiamo una bella cucina con tante pentole e cibi giocattolo, e tanti altri giochi che secondo me sono unisex: dipende sempre da che parte li vuoi guardare. I figli dei nostri amici giocano con la cucina esattamente come ci gioca Dafne, e quando sento un papà obiettare che ‘un maschio non deve giocare con la cucina‘ gli ricordo che anche gli uomini mangiano, e possono anche diventare chef.

Prospettive, insomma.

Poi, diciamolo, le differenze di genere ci sono. Perché negarle? 
A mia figlia piace giocare a truccarsi (mi ha ormai consumato tutti gli ombretti, soprattutto da quando c’è Clio in tv), e le piacciono i brillantini, e abbiamo passato la fase del rosa, e poi del viola, e poi del marrone… e non credo che il rosa l’abbia turbata più di tanto, né l’abbia resa una femminuccia che non sa chi è e cosa vuole nella vita (bastasse questo…).

Quindi in egual misura giochiamo alle costruzioni, alle capriole, a ‘costruire’ e ‘aggiustare’ le cose con un martelletto di legno spacca timpani, suoniamo il pianoforte, inventiamo storie e facciamo tanti disegni con i supereroi.

Starle vicino e giocare con lei mi ha proprio mostrato come siano evidenti certe inclinazioni di genere tra maschi e femmine, ma come non siano mai così nette, o totalizzanti, se noi sappiamo proporre anche delle alternative, ma soprattutto se il nostro modello familiare dice per davvero che mamma e papà sono uguali, e che sono intercambiabili.

Voglio dire: mio marito da piccolo, alle elementari, ha scelto di fare il laboratorio di maglia e tessitura, e io quest’inverno ho spalato la neve dall’auto senza fare una piega. Il modello siamo noi, noi donne, e il nostro modo di approcciarci alla famiglia, al lavoro, ai mariti.

L’altro giorno un’amica mi ha detto che dopo essere tornata da due settimane di ‘vacanza’ con il figlio piccolo, stanca e devastata dal dover gestire tutto da sola, e rientrata a casa e ha trovato il frigo vuoto, la casa in disordine e un marito che le chiedeva di lavargli i calzini, perché era rimasto senza. Oh, beh. Io mi sono sposata un uomo che fa dei braccialetti incredibili, e sa usare il telaio, ma vi assicuro che non ha mai avuto bisogno di me per lavare i suoi calzini.

Ma forse il segreto è proprio quello, chi lo sa?
Sposare un uomo che nella sua carriera di bambino abbia giocato anche con i giochi ‘da femmina’?

Noi, qui, ci divertiamo in egual misura. Litighiamo tutti e tre su chi deve attaccare le figurine sull’album, giochiamo con le costruzioni di legno, giochiamo con i colori, facciamo braccialetti e collane e quando pensiamo di comprare un nuovo gioco, inconsapevolmente ne scegliamo sempre uno che ci costringa alla creatività.

braccialetti di perline

Con i braccialetti della Crayola è stato lo stesso: la confezione si chiama Gioielli Glitter.
Erano deliziosi, Dafne ne ha voluto uno tutto per sé, e noi l’abbiamo aiutata a realizzarlo. Ricordo perfettamente il pomeriggio: eravamo entrambi in ufficio, un pomeriggio dopo la scuola, e ognuno di noi aveva qualche scadenza da portare a termine.

Così Dafne, in mezzo a noi due, ha realizzato il suo braccialetto chiedendo consiglio a uno e all’altra, e noi abbiamo partecipato insieme: io mi sono occupata del ciondolo decorato con la resina, e Nestore si è occupato della chiusura, visto che conosce i nodi dei marinai.

braccialetti di perline

La confezione è molto bella e le perline sono davvero meravigliose. Hanno bellissimi colori, hanno anche dei brillantini incastonati, e poi forme e texture differenti. Ci sono anche nere, e mi piace questa introduzione di colore, perché tiene conto anche di un colore che spesso non si vuole proporre ai bambini (chissà perché) e invece è assolutamente bellissimo (vabbè, io ho un marito ex dark, non faccio testo).

braccialetti di perline

In particolare, è divertente il Magic Gel: un botticino di un gel particolare, quasi una resina (assolutamente non tossica e non pericolosa), che permette di incastonare le perline all’interno dei ciondoli. In pratica: si riempie un ciondolo (che è cavo e trasparente) con le perline piccole, e lo si decora al fondo con un adesivo pretagliato, si versa il gel e si lascia asciugare.

Avete presente le pietre di ambra con gli insetti all’interno? Ecco, più o meno qui è lo stesso, ma per fortuna all’interno del gioiello non ci sono insetti di duemila anni fa, ma perline colorate. 😉

braccialetti di perline

Nella confezione ci sono vari adesivi da utilizzare proprio per decorare i ciondoli, i quali sono di forma rotonda, a cuore, a fiore, a diamante, a stella… per tutti i gusti.

Infine non resta che realizzare il braccialetto, infilando le perle, a piacimento, sul cordino già a disposizione nella scatola, e inserendo tutti i charms che volete.

braccialetti di perline

E io ho un’idea. Tornando all’uomo dei calzini… ma perché non rifilate una bella scatola di perline a quegli uomini lì, gli uomini dei calzini, dicendogli di giocare con i figli, e di inventare qualcosa di creativo?

Insegnate agli uomini a vivere creativamente. Maschi e femmine esistono, ma non significa che esistano necessariamente ‘cose SOLO da maschi e SOLO da femmine’. E vi assicuro che gli uomini buoni esistono, quelli che caricano la lavastoviglie e stendono i panni appaiando le mollette per colore proprio come piace a te. Sono gli uomini che ci amano.

Scegliete sempre un uomo che vi ami, e la questione di genere non sarà un problema.



Commenti

30 Commenti per “Braccialetti e perline”
  1. No, ma voglio sperare che tu ne abbia anche uno per te, sono bellissimi!
    Purtroppo mio marito è esattamente come quello della tua amica: torniamo dalle ferie, il frigo è vuoto, la casa distrutta e lui si lamenta che non ha mutande pulite.

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (9 anni)

      Ovviamente ne ho anche più di uno! 😉
      Lo sai che per me la scusa di giocare con Dafne è solo un modo bieco e interessato per giocare con quello che piace anche a me… buuhahaaa

      Senti, ma… e bruciargli i calzini e dirgli di arrangiarsi, no? 😉

  2. Arianna

    Ciao, finalmente ho scoperto i famosi glitter che usa tua figlia e che io non riesco mai a trovare :).
    Buona giornata e grazie per i tuoi ottimi consigli :).

  3. angela

    Come mi piace questo post, mio marito è a metà tra Nestore e il marito di aspi, si arrangia, ed ha imparato nel corso degli anni, perché appena ci siamo sposati non metteva neanche i panni nella cesta, e di questo do la colpa a mia suocera, che ha sempre fatto “la schiava” il lavoro è stato duro, ma siamo sulla abbuona strada…e con i miei figli non faccio certo gli errori che ha fatto mia suocera…Sono d’accordo sul fatto che non esistono giochi per maschi e per femmine. Quando mio figlio maggiore era alle elementari la sua meravigliosa maestra di italiano aveva fatto fare un laboratorio di maglia ai maschietti e uno di bricolage alle femmine. Ti devo dire che era bravino e si erano divertiti molto!!!

  4. “Sposo” in pieno il tuo post, perchè ho sposato un “santo” che sa giocare con la Big Shot……

  5. Ho un compagno che da sempre fa tutto da se’, quando ‘chiede’ è esclusivamente per pigrizia e perché vuole essere coccolato ma confesso che quando gioca con la cucina di nostra figlia non capisco chi si diverta di più. Pensa che quando ricamo a punto croce lui mi finisce il punto scritto (forse dopo questa dichiarazione è meglio che rimanga anonima ;)) spero non legga…ci tiene alla sua aria da duro. Distrutta con un commento! 🙂 ciao

  6. Luca ha letto il post e ha detto…
    “mi sento in colpa …non faccio bracialetti”
    ma domenica mattina ha servito ad Ale un fantastico gelato di sabbia con aghi di pino e un tubo come cannuccia!!!
    per non dimenticare la pista per le macchinine in cartone che ha fatto! ecc ecc…insomma nn posso proprio lamentarmi e poi in casa quando ci si mette e tremilavolte meglio di me

  7. ps bellissime queste perline sapevo le ordinavo ieri su amazon…per me 😛

  8. Casa mia pullula di perline (queste però ci mancano, bisognerà rimediare ad una prossima ricorrenza), ma anche di mattoncini lego e di una sacco di cose dalla cucina..all’officina. L’altro giorno bimba ha passato quasi un’intero pomeriggio a giocare con vecchie macchinine mie e di suo padre, dopo essersi truccata seguendo i consigli di Clio! Per quanto riguarda marito, lui si diverte un sacco a creare con bimba, come si diverte a creare in cucina (peccato abbia poco tempo, ma cerca di ritagliarsi il maggior numero di spazi possibili e lo adoro per questo). E’ in grado di far tutto da solo, ma è di base un tantino disordinato.. Sto tentando la terapia dell’orgoglio di genitore e, quando bimba non sente, gli faccio notare che non può dire a bimba che deve tenere in ordine casa se poi lui sparpaglia quello che capita qua e là 🙂

  9. A me, mamma di figlio maschio, la risposta da dare in questi casi me l’ha insegnata la mamma (insegnane di scuola elementare) di una mia amica: stiamo facendo un esercizio di manualità fine!
    Questa risposta va bene per la cucina e per tutti quei giochi che potrebbero sembrare “da femmina”.
    E’ da un po’ che medito di comprare il kit per fare le collane … quasi quasi!!!

  10. Anche noi adoriamo le perline. Queste le abbiamo già preso due volte, e se rimangono e finisce il cordino usiamo lo scubidù. Sarah riceve ordinazioni dalle sue amiche di scuola.E allora abbiamo semplificato mischiando le perline dell’ikea. 🙂
    non diciamolo forte, ma pure io approfitto della sua età per prendere i giochi che piacciono a me…

  11. Il mio il mio! Mio marito fa la lavatrice, carica la lavastoviglie così come lo faccio io, a chi viene prima l’idea prima lo fa…le mollette appaiate no ma quelle io neanche le metto 😉 . Sono d’accordo con te su ogni singola parola…dovrei far leggere il tuo post ai miei genitori che sembra che sono io a costringerlo a fare i lavori forzati!
    Non li conoscevo questi braccialetti, bellissimi!

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (9 anni)

      Mi chiedo come mai i lavori forzati siano sempre per gli uomini, ma mai per le donne, come se per noi fosse ‘normale’ fare tutto. Meno male che noi ci siamo fatte un po’ più furbe. 8)

  12. Ah ecco, con la resina mi hai convinta… che qui la cerco la cerco e non la trovo :mrgreen: , domani vado alla ricerca di “gioielli glitter”
    Ah, e a proposito, io voglio vedere una foto di Nex dark, al prossimo giro a BO 😉 … sapevatelo!!!!

  13. Claudia-cipi

    Lo voglio anche io il kit dei braccialetti con la finta-resina!!!
    No, ok, mi ripiglio, ho già troppi progetti in corso.

    Sono d’accordo su tutto il discorso.
    Il problema è che mi sono scelta un uomo che all’inizio sembrava pensare come me, ma poi si è rivelato decisamente “vecchio stampo”.
    Lo sto recuperando per quanto è possibile, ma l’esempio purtroppo è quello che è e io più di così non riesco a fare.

    Stavo pensando di fare delle foto dei bimbi da conservare per mostrarle alle future nuore (o generi, si sa mai nella vita) per dimostrare che io l’impegno ce l’ho messo tutto, se poi i figli hanno deviato dai miei insegnamenti forse non è colpa mia. 😀

    Però il braccialetto brillantato o i vestiti rosa ai miei figli non glieli faccio mettere, a meno che non sia per gioco in casa. La gente in giro lo sappiamo come è e i miei figli sono sensibili alle critiche, preferisco evitare.

  14. mi piace come riesci sempre ad affrontare temi di grande importanza partendo dalle cose più piccole e semplici come dei “banali” braccialetti.
    è vero, siamo NOI con il nostro comportamento il miglior esempio che le nostre figlie possono avere!

    io cercavo proprio delle perline, a Sofia è presa la fissa, ma non sapevo quali prendere, ecco questo post capita proprio a fagiUolo! 😉
    già messe nel carrello di amazon!

    😀

  15. Pat

    Uhhhhhhhhhhhh le voglio!!! E io non sono una da braccialettini glitterati,ma l’idea di farli mi piace un sacco! Quando ho visto la prima foto ho pensato li aveste comprati già fatti!

    Ho già in mente una bambina che adorerebbe riceverlo come regalo

  16. Bellissimo questo post soprattutto per una mamma come me che sta aspettando che un Piccolo Ometto venga fuori verso la metà di Settembre. La penso proprio come te su femmine e maschi e su come educarli giocando … Mi sono sempre detta che se avessi avuto un figlio maschio gli avrei insegnato a fare tutto e di tutto proprio per dare modo a lui di essere una persona “intercambiabile” e capace di amare a 360 gradi! Vedremo più in là negli anni come andrà con questi miei buoni propositi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.