Mamma Felice

Alimentazione e gravidanza

Pubblicato il 20 luglio 2012 da • Ultima revisione: 20 aprile 2015

alimentazione-corretta-sana-in-gravidanza

Una sfida, per me: parlare di alimentazione corretta in gravidanza, e di quali cibi non possono mancare sulla tavola. Ciò che mangiamo e beviamo mentre il nostro piccolo cresce dentro di noi può fare la differenza per entrambi. E’ dunque necessario prendersi cura di sé con un’alimentazione sana e bilanciata, stando attente al nostro corpo, senza che però la gravidanza diventi un’ossessione. Vivere la gravidanza con responsabilità, ma con serenità, insomma.


Mi piace parlare di alimentazione e gravidanza, proprio perché io sono stata un disastro su tutti i fronti: magari coinvolgervi nei miei dubbi, visto che questa volta abbiamo pediatri e nutrizionisti a nostra disposizione, può essere utile ad altre mamme affinché non ripetano i miei errori.

Diciamocelo: io so tutta la teoria, ma la pratica mi difetta assai.
La teoria è che in gravidanza bisogna mangiare sano, non bere (o bere poco), evitare troppi grassi e carboidrati e aumentare l’apporto di calcio, proteine e fibre.
L’aumento ponderale in gravidanza non dovrebbe superare i 10-12 chili, ma questo aumento deve tenere contro del peso iniziale, e non può essere lasciato al caso. In linea (molto) teorica, generalmente si consiglia un aumento ponderale di circa 10-12 kg per le donne normopeso, di massimo 8 kg per quelle in sovrappeso, fino a 14 kg per quello sottopeso.
Io a 14 ho smesso di contarli.
Cattiva ragazza.

Inizialmente sono partita bene: appena mi sono resa conto di essere incinta, ho iniziato a mangiare riso integrale e legumi, tutti i giorni. Dopo i primi tre giorni sul forum chiedevo se era normale avere problemi intestinali. E per fortuna che la mia amica Anna mi ha detto: Barbara, se mangi lenticchie tutti i giorni, mi pare pure normale che tu abbia un po’ di gonfiore.
In effetti. 🙂

Allora poca pasta o riso, alternati a legumi o carni bianche o pesce. E poi tanta frutta e verdura, che lavavo accuratamente dopo un ammollo in acqua e bicarbonato, visto che non avevo gli anticorpi della toxoplasmosi. Quindi fatto divieto anche di mangiare bresaola, salumi crudi, ma anche la mortadella… qui a Bologna, per dire, non mangiare la mortadella è un reato penale. Mi vergognavo ad andare in giro.
Poco caffè, niente alcool (lo so, detto da me fa una certa impressione, ma quella è l’unica cosa sana che ho fatto), e attenta alla bilancia.
Non volevo farmi trovare impreparata, e soprattutto non volevo farmi sgridare dalla ginecologa, che mi metteva una discreta paura col suo piglio dittatoriale.

Le nausee non mi aiutavano: i primi tre mesi di gravidanza, a forza di vomito e nausea, avevo perso 9 chili. Dopo un milione di diete senza successo, a saperlo che bastava restare incinta… ci avrei pensato prima! 😉
Le uniche cose che mi davano sollievo erano la coca cola ghiacciata bevuta a piccoli sorsi, il parmigiano e i crackers salati.

Finito il terzo mese, convinta di essermi liberata delle nausee, e pronta ad abbuffarmi di cotolette impanate, ho iniziato a stare male davvero (minaccia di aborto, ricovero, medicinali… brutti momenti), e sono stata costretta a letto per i sei mesi successivi: la deriva alimentare. Il frigo praticamente era come la sirena di Ulisse, e mi chiamava, mi chiamava… e io mi ci sono attaccata come una cozza, e ho veramente esagerato.
Tanto che, appunto, ho accumulato tanti chili che ancora oggi devo smaltire.

In particolare, la mia dieta consisteva in pizza di tutti i tipi e di tutti i generi (fresca, surgelata, alta, bassa, bianca, rossa, condita… ho reso l’idea?), gorgonzola piccante e salmone affumicato.
Va bene, il salmone affumicato contiene tanti Omega3, dicono, però magari mangiato con un’insalatina?

Insomma: non mi ritengo un grande esempio di alimentazione sana in gravidanza (e nemmeno prima e dopo la gravidanza).

Sapevo tutto sulla teoria, avevo letto mille libri e mi informavo su Internet, ma la solitudine e il riposo forzato (e la mia scarsa volontà) hanno deviato ogni mia buona intenzione.

Oggi posso dire che ciò che mi mancava davvero era un sostegno concreto, magari qualcuno che mi desse indicazioni reali, qualcuno che mi desse un motivo per fare meglio.
Se tornassi indietro proverei a fare meglio… (ma la forza di volontà si può comprare a chili?).

E voi come ve la siete cavata? Quali sono gli alimenti che non sono mancati nella vostra gravidanza, o quelli che avreste dovuto evitare, ma… ?

Ho imparato che chiedere è meglio che ignorare il problema. Ma forse ci ho messo troppo tempo.
In questo e nei successivi post proverò a parlare dei miei problemi, dei miei dubbi, delle mie personali ‘rivincite’, se così possiamo chiamarle.
Mi sono sentita sola, e adesso mi fa piacere approfittare di questo posto virtuale per raccogliere i dubbi di tutte, per imparare qualcosa, tranquillizzarmi… ma anche riderci su tutte insieme!

In fondo son sempre Mammafelice, e quando non mi ci sento proprio… arriva il momento in cui più mi devo sforzare di esserlo!



Commenti

22 Commenti per “Alimentazione e gravidanza”
  1. Io in gravidanza presi 20 kg. Dopo il parto il primo anno persi 24 kg.
    Quando ero incinta mangiavo, mangiavo tanto, avevo tanta fame! mangiavo schifezze, cercavo di regolarmi, ma ci stavano, tutti i giorni mangiavo troppo.
    Poi dopo il parto e con l’allattamento cominciai a dimagrire e la mia fame si era diminuita alla metà (come prima di essere incinta).
    Così sono dimagrita 24 kg, e lì sono rimasta.
    Però lo sai Barbara io mangio pochino. Se avessi la fame che avevo quando ero incinta sicuramente non sarei dimagrita. Questo è ovvio.
    Deve essere molto dura aver fame e non poter mangiare per non ingrassare.

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (9 anni)

      Però dai, tu eri magra anche in gravidanza… stavi benissimo!
      Comunque secondo me tu hai ragione, perché se si mangia poco, e tutto, non ci sono problemi di peso.
      Ma l’allattamento ti ha fatta dimagrire?

  2. Elena

    Anche io non sono di norma una grande mangiona, ma in gravidanza ho sperimentato cosa significhi avere davvero degli attacchi di fame! L’essere attratta in modo irresistibile dal cibo era per me uno dei “sintomi” della gravidanza… E poi, anche se non ci ho mai creduto, mi sono ritrovata in preda alle classiche “voglie” (mi alzavo nel cuore della notte per mangiare funghetti sott’olio). Un tema che mi ha sempre incuriosito è sapere perché cambia il rapporto con il cibo in gravidanza… Se è vero che le “voglie” non esistono, perché questa predilezione per cibi che normalmente non mi interessavano?

  3. Lisa

    Dunque io pensavo di essere stata bravina, sono arrivata a + 13 kg ed essendo anche alta pensavo di essermela cavata contando di perdere con il parto un 8 kg e tenermene qualcuno di scorta per l’allattamento…peccato però che tra una cosa e l’altra a distanza di 3 anni dalla nascita di mio figlio sono ancora + 10 kg che non mi lasciano e che si sono zavorrati e che fatica per farli andare via….Comunque vorrei sapere da voi mamme o anche dagli esperti questa storia delle voglie, è proprio una mia curiosità. Esistono o noi mamme ce le creiamo. A me è successo di attaccarmi, e questo è proprio il verbo giusto, alle olive verdi e badate bene a me le olive non sono MAI piaciute. In gravidanza guai a non averle in casa sempre, almeno 6 al giorno me le dovevo proprio mangiare. Me le andavo a scegliere scrupolosamente nei mercatini, perchè dovevano essere verdi e con un sapore ben specifico. Le assaggiavo tutto finchè non trovavo proprio quelle e poi ne facevo una scorta. Se per caso finivano erano guai in casa….Una volta partorito tutto ciò è tornato come prima della gravidanza o meglio ora se capitano le mangio, prima mai fatto, ma di sicuro non le vado a cercare. Mamme ed esperti che dite ero posseduto da un bambino amante delle olive????

    • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
      Mamma Felice
      immagine livello
      Guru
      Mamma di Dafne (9 anni)

      Non ho mai capito se le voglie esistono davvero, oppure se sono una nostra percezione. Lo chiederò, così ci togliamo la curiosità.
      Ma ho sentito anche cose strane tipo voglie di mangiare gesso o amido: credo si chiami picacismo, ovvero il desiderio di cibi strani, che certe volte potrebbe essere sintomo di carenze alimentari… ma dobbiamo assolutamente informarci, perché non so se si tratti di una credenza popolare. Lo chiederò in chat a Settembre, quando potremo consultare gli specialisti.
      Grazie!!

  4. Io in gravidanza ho preso 12 kg.
    Non avevo voglie particolari, quelle le aveva mio marito!
    Ho mangiato molta frutta, verdura e pesce.
    Io i kg li ho presi dopo il parto!
    Penso per lo stress e gli ormoni!

  5. io di chili ne ho messi su circa 18-20 Kg in entrambe le gravidanze ….si insomma predico bene e razzolo male ;)Le mie voglie ? pizza, patatine, cocacola, crauti e salsicce… e vomitavo tutto il resto nei primi mesi…pazzesco!!!

  6. Io a +20kg ho smesso di pesarmi! E mancavano ancora 2 settimane al parto.
    Ho vissuto male questa cosa ma non per me…per il fatto che ogni volta che andavo dalla ginecologa per le visite non si parlava di come stava la bimba, se cresceva bene, ma solo della pesata della mucca Silvia 😐
    Ero gonfia, gonfissima di liquidi. Infatti ho perso 13kg col parto (la bimba poi era 3.750kg quindi non proprio un fuscello).
    E il resto dei kg se ne sono andati con l’allattamento e con la corsa (ho iniziato a correre quando la bimba aveva 3 mesi…anche per potermi ricavare dei momenti solo per me…) 😉

  7. Gabri MCC

    Io in gravidanza ho preso 13 kg….che grazie a Dio ho perso finito di allattare!!
    Nonostante sia vissuta tra gatti di tutti i generi ,non ho preso la toxo e così ho evitato tutti i cibi cosiddetti pericolosi!!! :oink: che pizza evitare certi salumi e i frutti di mare :argh:
    …vogliamo parlare della nausea????non riuscivo a mangiare nulla a colazione:per me una tristezza infinita,dato che è il pasto che preferisco…
    comunque è andata bene:non bevevo alcoolici in qt astemia e l’unica mia voglia non era alimentare(LO SCOOTER)!
    Che posso dire?NE E’ VALSA LA PENA!

  8. Claudia

    Io sono alla trentesima settimana della mia seconda gravidanza e finora ho preso…..quindici kg. Prometto molto bene, considerando che per la prima gravidanza ho preso poco più di venti kg!
    la mia alimentazione è piuttosto sregolata, nonostante io sia vegetariana da circa vent’anni, ma quando la fame mi piglia….non so resistere a niente.

  9. Luisa

    Sono alla 37°sett. della mia seconda gravidanza e sono lievitata di 11 chili…e per me sono davvero tanti visto che sono una persona attiva, che cerca sempre di fare movimento. Mi sono alimentata come sempre, tanta verdura e frutta. Non sono però riuscita a frenarmi sul pane…e qualche dolce. Poi sono stata costretta per motivi di salute a stare a riposo…Con la prima gravidanza avevo preso 10-11 chili che ho smaltito abbastanza in fretta. Speriamo anche questa volta perchè mi sento la versione femminile del Gabbibbo!

  10. Ale

    Ciao a tutti..io sono al secondo mese di gravidanza ed ho preso solo 1.5…al mattino muoio se non faccio colazione, nel resto della giornata tutto normale mangio come prima, a differenza che prima odiavo gli spaghetti in qualsiasi maniera ed oggi li desidero in bianco con grana…eppure le voglie esistono. ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.