Mamma Felice

Come e quando devo pesare un neonato?

Pubblicato il 18 luglio 2012 da • Ultima revisione: 6 settembre 2014

quando-pesare-un-neonato-bilancia

A parte al momento della nascita, in passato era consuetudine che i bambini allattati al seno venissero pesati prima e dopo ogni poppata per permettere alla madre di rendersi conto di quanto latte avevano effettivamente mangiato.

In alcuni casi è tutt’ora una prassi consigliata ad esempio se il piccolo è nato prematuro o ha manifestato alcune lievi complicazioni che ne hanno limitato la crescita nelle prime settimane dopo la nascita.

Generalmente è il pediatra a stabilire se è necessario pesare il neonato in occasione delle poppate. Se, invece, non ci sono prescrizioni specifiche, i genitori possono ridurre lo stress evitando di imporsi rigide tabelle di marcia – tenendo anche conto che, di solito, al neonato non fa piacere il momento in cui viene pesato.

Può essere sufficiente pesare il neonato una volta alla settimana per i primi tempi, sempre con il pannolino pulito, a digiuno, magari al mattino e, se possibile, allo stesso orario. In questo modo si potranno annotare i dati riscontrati da fornire al pediatra con il quale considerare la crescita del piccolo nonché la frequenza successiva con cui pesarlo.

Nei primi tre mesi di vita deve crescere tra i 150 grammi e i 250 grammi a settimana. Mentre a 5 mesi dovrebbe essere il doppio del peso della nascita e all’anno il triplo.

Potete acquistare la bilancia in farmacia, dove a volte vengono anche noleggiate, o in un negozio di articoli per bambini e può essere digitale o manuale… ma se volete un nostro consiglio: non fatelo! 😉
La pesata settimanale spesso diventa una fonte di stress per la mamma, e può sortire effetti negativi sull’umore, in un periodo così delicato come il post partum. Di solito basta sapere che il bambino mangia, dorme, è vitale e non sonnolento, e sporca circa 5-7 pannolini al giorno. Questo ci dice che il bambino gode di piena salute! 🙂

Se però siete interessate ad approfondire l’argomento, ecco alcune indicazioni ‘tecniche’:

Le bilance digitali sono formate da un vassoio con un telo lavabile su cui mettere il bambino e la parte elettronica su cui viene appoggiato il vassoio. Alcune di queste hanno un doppio uso che permette di utilizzarle anche per pesare i bambini fino ai 20 kg.

La bilancia manuale non prevede il conteggio elettronico, ed è quella che usano di solito i pediatri in quanto, se usata correttamente, è molto precisa. Al posto del display elettronico ha una barra metallica dove scorrono i due pesi fino a quando grammi e chili non sono equilibrati. Il vassoio qui può essere fisso o mobile, e può essere utilizzata anche per uso alimentare.

Essendo entrambe affidabili e precise, la scelta dipende dalle vostre abitudini quanto da come vi trovare.

L’importante è vivere tutto con estrema serenità, affidandovi eventualmente ai suggerimenti del pediatra chiedendo consigli se non vi sentite sicure o se avete dubbi. E se la bilancia diventa un peso (scusate il gioco di parole), allora riportatela indietro e fidatevi del vostro istinto, del vostro pediatra… e del vostro bambino. 😉

Approfondimenti:
Mio figlio rigurgita spesso, è normale?
Come fare il bagnetto a un neonato?



Commenti

7 Commenti per “Come e quando devo pesare un neonato?”
  1. Eli

    la mia prima figlia la pesavo in continuazione, non avevo latte a sufficenza quindi per sapere quanta aggiunta le dovevo fare la poverina era sempre sulla bilancia….un martirio: praticamente l’ora del pasto non finiva mai. 😆 dal secondo figlio in poi ho imparato la lezione: ho buttato la bilancia.

  2. Legge n. 25 della mamma di famiglia numerosa: Il numero delle pesate del neonato, è inversamente proporzionale alla quantità di bambini presenti in casa.

    Della figlia n.1 conservo ancora il quaderno dove segnavo le varie fasi sonno – veglia ( per dimostrare alla pediatra che mia figlia non dormiva il numero di ore che c’era scritto nei manuali di puericultura!), e le varie pesate: diverse pesate al giorno.
    Con la figlia numero due le pesate avvenivano dalla pediatra una volta al mese ma in caso di necessità potevo sfoggiare una certa padronanza: sapevo perfettamente quanto pesava mia figlia.
    Le figlie n.3 e n.4, le povere gemelle hanno una madre che non ha mai saputo il loro peso! Nemmeno approssimato!

  3. Le pesate e SOPRATTUTTO la doppia pesata sono il MALE. Non credo che esista veramente un motivo per pesare così spesso o per fare doppie pesate. Se il bambino sta poco bene, ci penserà un operatore sanitario a pesarlo, ma di sicuro NON ogni giorno, ma al massimo settimanalmente.
    Cominciare a pesare troppo spesso è il modo migliore per abbandonare l’allattamento e passare al biberon esclusivo in poche settimane.
    Sono d’accordissimo con i due interventi precedenti… pesare non solo è inutile, ma deleterio.

    Tra l’altro la doppia pesata non ha assolutamente nessun senso, in quanto non sai quanto voglia mangiare il bambino. Magari ora ha mangiato 50, alla prossima poppata mangerà 25 e a quella dopo 200. Se uno deve controllare qualcosa, al massimo controlli che faccia pipì e poi ogni n settimane (se proprio devi) verrà pesato

    Mai, mai, MAI prendere una bilancia e se ve la regalano, BUTTATELA.

  4. la bilancia per neonati è uno dei ricordi peggiori dei primi tempi dell’allattamento, ora la butterei dalla finestra… non so se ho reso l’idea.

  5. Il rapporto con la bilancia è sempre stato “tosto”, sia che ci debba salire io, sia che ci debba mettere sopra la piccola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.