Idee fai da te giochi in ospedale

Pubblicato il 17 luglio 2012 da • Ultima revisione: 20 marzo 2015

Giochi per bambini in ospedale matercarte.com

Se i bambini devono passare del tempo in ospedale è molto importante che possano ritagliarsi piccoli spazi per dedicarsi al gioco, o comunque ad attività ludiche.

Il gioco li aiuta ad elaborare la nuova situazione che devono affrontare, ma anche a comunicare le loro emozioni, socializzare liberandosi dalle tensioni e distraendosi.

Ci avete chiesto alcune idee fai da te, giochi divertenti da proporre ai bambini tenendo conto dell’ambiente in cui si trovano e della necessità di rispettare gli altri degenti.

Abbiamo iniziato proponendovi uno dei disegni da scaricare per carte da gioco di Parolè con cui potrete fare tante attività coi vostri figli. Parolè nasce nel 2010 dalla passione e l’amore di due mamme che decidono di realizzare giochi di carte innovative ed educative, sia per bambini piccoli quanto in età scolare con particolare cura per lo sviluppo cognitivo ed emotivo grazie all’esperienza di educatori e professionisti che collaborano.

Eccovi altre proposte:

idee per giochi fai da te in ospedaleidee per giochi fai da te in ospedale

01. Memory su dischi di legno | 02. Carte da gioco inventa storie
03. I libri-giornalini con stickers, peanuts, adesivi
04. Gli origami | 05. La dama  | 06. I puzzle

Per maggiori dettagli sulle idee che vi ho proposto, basta cliccare sulle didascalie.

Tenete conto che i suggerimenti sono pensati per essere adattabili e personalizzabili alle esigenze del reparto e del bambino, ad esempio il memory che ho rintracciato su Etsy, può essere realizzato anche in cartoncini di cartone, vi basterà portare con voi dei pennarelli magari lavabili in modo che se i bambini sporcano un tavolo o le lenzuola del letto basterà un lavaggio per togliere tutto: in questo modo potrete coinvolgere i piccoli pazienti nella preparazione del gioco, lasciando disegnare a loro le forme degli animali o di altri personaggi da usare nel gioco.

Come già anticipato, anche le carte da gioco sono un’ottima idea adatta per la degenza ospedaliera: se temete che i bambini possano pasticciare troppo nel realizzarle, portatele voi già pronte, usando stampe scaricabili come quelle di Mater, o dei loro cartoni e personaggi preferiti ma anche disegnando ambienti, oggetti e luoghi che possono stimolare la loro fantasia. Vi consiglio di prepararne almeno una cinquantina in modo che ci possano giocare più bambini insieme, prendendo una carta a testa e inventando una storia che nascerà proprio dall’immagine nella carta e dalla loro fantasia!

Un’altra soluzione estremamente flessibile e varia sono i libri con stickers, peanuts e adesivi: io vi ho proposto ‘Gioca con Snoopy’, Dalai editore, di cui abbiamo parlato su Trashic, ma ne esistono di molti tipi e con tutti i personaggi preferiti dei bambini, dai super eroi ai cartoni animati o i protagonisti dei fumetti. Il bello di questi libri è che sono scomponibili, i bambini possono seguire le immagini o – se già sono in grado – leggere, poi decidere di usare i vari pezzi che trovano all’interno come adesivi, stickers a tema e peanuts che comporranno e inseriranno a piacere. Si possono usare tranquillamente dal letto d’ospedale senza sporcare, al massimo dovrete raccogliere alcune carte e pezzi inutilizzati.

Sebbene meno noti alle ultime generazioni e ormai poco considerati come giochi, anche gli origami possono intrattenere i piccoli in un ambiente come l’ospedale dove lo spazio a disposizione per giocare è poco, ed è preferibile non fare troppa confusione e baccano anche nelle strutture dove è prevista una sala apposita in reparto. Io vi ho proposto un’idea da Etsy, ma potete organizzarvi come preferite, se avete ad esempio un vecchio libro dove sono spiegati i passaggi delle principali forme realizzabili potete munirvi di fogli colorati, forbici e tanti sorrisi.

Rispetto ai puzzle segnalo che potrebbero essere considerati poco adatti perché, di solito, richiedono un certo spazio. Tenendo conto però che l’idea è distrarre i bambini con un’attività ‘mordi e fuggi’ da fare e rifare ogni volta che è possibile, il puzzle andrà un po’ reinventato spiegando ai piccoli che, ad esempio, se ne possono fare alcune parti per imparare, usando come base di appoggio il cartone della scatola o il tavolino mobile per la colazione che spesso si trovano in dotazione nei letti degli ospedali. Sicuramente sono consigliati puzzle non troppo grandi, per i più piccoli vanno benissimo quelli realizzati con i cubi.

Infine non dimenticate che anche un libro adatto all’età del bambino può essere un modo per far passare del tempo ai piccoli costretti a restare in ospedale: potreste leggerne alcune pagine voi, poi proporre ai vostri figli di raccontarvi la storia, cosa è piaciuto, farli lavorare con la fantasia.

Ci sono molte associazioni che aiutano i bambini e le loro famiglie nel periodo di degenza ospedaliera, vi segnaliamo Piccoli Grandi Cuori onlus, fondata nel 1997 per aiutare i bambini ricoverati nel reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e dell’Età Evolutiva del Policlinico Universitario S. Orsola-Malpighi a Bologna.



Commenti

6 Commenti per “Idee fai da te giochi in ospedale”
  1. mi servirà a settembre forse per fortuna per poco

  2. Io ho avuto mia figlia 20 giorni in ospedale e non’ostante la situazione difficile e dolorosa in quell’occasione abbiamo creato molti giochi fai hand made che ancora conserviamo. Avevamo una piccola valigetta con colla, forbici, cartoncini, pennarelli e timbrini che tiravamo fuori quando l’umore andava giu 🙁 . Se ci ripenso mi viene di dire l’infinita forza di una mamma 😉

  3. Kikka

    io ho il diabete e mi fanno i controlli molto spesso, vorrei qualcosa da fare mentre sono qui. help me?

  4. cicci

    io sn in ospedale da un po di giorni e nn so proprio cs fare per nn annoiarmi aiutatemi 🙁 😯

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.