Mamma Felice

Come fare il bagnetto a un neonato?

Pubblicato il 15 giugno 2012 da • Ultima revisione: 6 settembre 2014

bagnetto-neonato-bambino

Può capire che le neo mamme di ritorno a casa con il piccolo, si sentano consigliare di evitare il bagnetto finché il moncone del cordone ombelicale non si è staccato completamente.

In realtà l’acqua non comporta alcuna controindicazione anche nei primissimi giorni di vita dei neonati, il moncone del cordone ombelicale bagnandosi impiegherà più tempo per essiccarsi dunque per staccarsi.

La temperatura ideale dell’acqua è intorno ai 35°-37°, per verificarla sono acquistabili (e facilmente reperibili) dei termometri appositi, altrimenti è sufficiente toccare l’acqua con il gomito (non con la mano che è molto meno sensibile al calore).

È importante evitare al bambino sbalzi di temperatura, quindi anche la stanza in cui si attrezza il bagnetto deve essere piuttosto calda, intorno ai 22°.

Per immergere il bambino in sicurezza e lavarlo comodamente esistono apposite sedute dove il neonato resta in posizione semi eretta al sicuro da eventuali movimenti improvvisi. In ogni caso l’importante è assicurarsi di sorreggere testa, collo e parte superiore della schiena, in modo che il piccolo si senta al sicuro anche in caso di imprevisti o schizzi.

La sola acqua è in genere sufficiente per detergere la pelle dei neonati, eventualmente si può utilizzare un detergente neutro, anche per la testa e i capelli. Consultatevi con il pediatra o chiedete consiglio in farmacia, specialmente per i primi mesi di vita di vostro figlio.

Sono da evitare:

  • saponi profumati e che fanno molta schiuma; 
  • l’uso della spugna è sconsigliato, perchè se non accuratamente lavata e asciugata può diventare un ricettacolo di batteri.

Per la maggior parte dei neonati il bagnetto è un momento rilassante e piacevole e può quindi diventare un appuntamento quotidiano; tuttavia alcuni bambini non amano questo momento, in questo caso basta fare il bagnetto una o due volte alla settimana e continuare a lavare accuratamente il bambino ad ogni cambio di pannolino.

Dopo il bagno il neonato va asciugato accuratamente, specialmente nelle ‘pieghe’ (ascelle, inguine, dietro le orecchie) con un telo morbido tamponando, senza strofinare.

Terminato il bagnetto è possibile idratare la pelle dei piccoli con olii appositi o essenze calmanti – particolarmente indicate se dopo prevedete un riposino.

Non dimenticate che ogni bambino è diverso e unico, imparerete a conoscere ciò che gli piace e ciò che non gli va, e potrete così adeguare anche il rito del bagnetto alle sue necessità magari coccolandolo, insegnandogli i giochi nell’acqua o con altri accorgimenti che saprete scoprire senza imporre standard assoluti.

Approfondimenti
Che prodotti usare per il bagnetto?



Commenti

2 Commenti per “Come fare il bagnetto a un neonato?”

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.