Mamma Felice

Quale dieta dopo il parto?

Pubblicato il 20 marzo 2012 da • Ultima revisione: 6 agosto 2014

L’attività fisica anche regolare non è sufficiente per riacquistare lo stato di prima della gravidanza. E’ fondamentale un’alimentazione adeguata.

Nei giorni successivi al parto, la donna si muove poco e un’alimentazione eccessiva è sconsigliata perché potrebbe creare difficoltà nello svuotamento dell’intestino e creare le emorroidi.

Man mano che passano i giorni,  la dieta può diventare più ricca di proteine, di vitamine e sali minerali, soprattutto in caso di allattamento.

Ricordatevi che la mamma accumula all’inizio della gravidanza circa 4 kg di riserva di grasso, che viene utilizzato nell’allattamento.

Per qualunque dieta è indispensabile chiedere consiglio al medico curante.

  • E’ importante bere molto, evitando bevande gassate, aperitivi e liquori. Bere il vino moderatamente ai pasti.
  • Non abusare del caffè, evitare cibi piccanti, molto salati e con salse grasse.
  • Non devono mancare nella dieta carne e pesce alla griglia o lessati, verdure fresche di stagione e non dimenticatevi il latte e i formaggi contenenti calcio e fosforo.
  • E’ importante anche il consumo di frutta fresca perché contiene molte vitamine.

Evitare medicinali presi senza consultare il medico.

E non vi preoccupate che in poco tempo riprenderete il peso ideale e quello che conta è che stiate bene con voi stesse.

Approfondimenti
Come organizzare il frigorifero

Link utili
PianetaDonna: Ho partorito da 6 mesi, come sgonfiare la pancia?
PianetaMamma: Il segreto per dimagrire dopo il parto di Jessica Alba



Commenti

6 Commenti per “Quale dieta dopo il parto?”
  1. Personalmente credo che sia sempre auspicabile avere una dieta quanto più possibile variata, con molta frutta e verdura di stagione, e possibilmente biologica. Considerato anche che la mamma produce latte per il suo bambino sarebbe bello utilizzare “materie prime” buone e sane.
    Nel consumo di vino – che non mi sembra per niente indispensabile – occorre tener presente che in poco tempo l’alcool si concentra nel latte materno e passa al bimbo. Io l’ho sempre evitato.
    Non stressiamoci con le diete: il nostro corpo pian piano tornerà alle sue forme originarie! 🙂

  2. Aspetto il mio quarto porcellino, e già mi angoscio a pensare a tutti i sacrifici che dovrò fare per riprendere una forma…diciamo…umana. (e non cetacea)
    Ma scrivo per un altro motivo. Ti prego, mamma felice, no. Questo non me lo dovevi fare. Pubblicare queste foto di mamme-modelle in estasi (quella cone le pere-mele in mano non si capisce se ha un orgasmo o vede la Madonna-con tutto il rispetto per la Madonna-) non glie la posso fà a guardarle. E’ uno dei motivi per cui mi sono sempre rifiutata di comprare QUELLE riviste, con le foto della partoriente che fa yoga col viso truccato mentre ha le doglie. Insomma, quelle foto lì, dai.
    Vogli vedere una foto di una panzona (come me ora) che ingurgita tre etti di spaghetti aglio olio e peperoncino. Oppure che sale sulla bilancia e piange.
    😉
    (Con simpatia, eh?)

  3. That’s a wise answer to a tricky quetoisn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.