Erbazzone: la ricetta fotografata

Pubblicato il 1 marzo 2011 da • Ultima revisione: 7 agosto 2014

erbazzone

L’erbazzone è una torta salata tipica dell’Emilia Romagna: una torta preparata con un impasto veloce senza lievito e ripiena di bieta e spinaci, con qualche variazione carnivora, per chi la gradisce, ad esempio con l’aggiunta di mortadella o salsiccia. La cosa bella di questa torta salata è l’impasto della crosta: un impasto facilissimo, veloce ed economico, con pochissimi grassi, che va benissimo come sostituto della pasta sfoglia.

Da quando ho scoperto questo impasto, infatti, non compro più pasta sfoglia o pasta brisee confezionate. La crosta dell’erbazzone si presta infatti per qualsiasi torta salata, e ha il vantaggio di essere così veloce da preparare, che diventa una ricetta salvacena in pochissimi minuti.

erbazzone

Ingredienti per la base:
250gr di farina
50gr di olio circa
1 cucchiaio di aceto di mele o aceto bianco
sale e acqua quanto basta

erbazzone

Come si prepara la base: in un robot da cucina con le lame, versate la farina, il sale e l’olio. Aggiungere l’aceto, chiudete, e azionate il robot, versando a poco a poco l’acqua tiepida, finchè si formi una palla di impasto bella compatta e non molliccia (nel caso dovesse essere troppo morbida, aggiungete la farina necessaria a stenderla). Stendete la pasta con il mattarello e foderate la teglia. Potete usarla per qualunque preparazione, e sostituire la farina bianca con farina di farro o di kamut, farina integrale, ecc…

erbazzone

Ingredienti per il ripieno:
2 mazzi di bietole o bietole surgelate
spinaci surgelati a cubetti
1 uovo
2 cucchiai di parmigiano
2 cipolle dorate

Come si prepara il ripieno: pulite la verdura e tagliatela a pezzetti. Fate bollire biete e spinaci in acqua calda salata e scolateli molto bene. Tagliuzzateli con un coltello o delle forbici da cucina. Tritate le cipolle, fatele soffriggere in una padella con un po’ di olio, aggiungete le verdure e fate saltare tutto per qualche minuto, finchè le verdure risulteranno asciutte. Fate intiepidire.

erbazzone

Versate le verdure in una ciotola, aggiungete sale, parmigiano e uovo e mescolate il composto. Versate il ripieno sulla base della torta, ricoprite il tutto con una seconda sfoglia (se lo desiderate) e infornate a 180° per circa 30-35 minuti, fino a doratura.

erbazzone

Sulla superficie dell’erbazzone io faccio dei piccoli taglietti con i rebbi di una forchetta, spennello un po’ di olio e aggiungo qualche grano di sale grosso. L’erbazzone diventa spettacolare: la pasta risulta bella croccante all’esterno, e il ripieno morbido, ma compatto all’interno.

Potete aggiungere al ripieno anche pancetta, mortadella o prosciutto tritati, ricotta, provola… ma potete farlo con qualsiasi verdura: broccoli, cavolfiori, finocchi. Ieri sera ne abbiamo mangiata una versione con il cavolfiore che era semplciemente divina.



Commenti

73 Commenti per “Erbazzone: la ricetta fotografata”
  1. angela scrive:

    Sembra davvero invitante, stampo la ricetta e la provo sicuramente stasera o domani. Che bontà! :perte:

  2. Amalia scrive:

    che bontà, grazie per la ricetta :D

  3. Beta scrive:

    Buongiorno Ba, qui c’è il sole, e da te? :perte:
    Mi attira molto la ricetta di questa sfoglia (a parte l’aceto… è proprio indispensabile?), ma secondo te, se invece del robot uso la macchina del pane per l’impasto… ;)

  4. Quanto mi piace l’erbazzone. Non lo mangio più dai tempi in cui abitavo a Modena. Non ho mai pensato di farmelo da sola. Ma … adesso … quasi quasi, provo a seguire la tua ricetta …

    • Mamma Felice scrive:

      E’ davvero superveloce, questa pasta mi ha veramente stupita…

      • Proverò a impastarla con le mani, anziché con il robot, perché è abbastanza simile a un tipo di pasta che si fa al sud e che si impasta, appunto, con le mani. La differenza è che si usa il vino bianco al posto dell’aceto. Si riempie poi con salumi e formaggi (una cosa leggera …), non avevo mai pensato di poterla usare per fare un erbazzone. Ma nel week-end ci provo. Ti farò poi sapere …

  5. Ondaluna scrive:

    Che bello vedere Barbara al lavoro!
    Io dell’erbazzone non ho mai preparato la base, perché quando mi animano i buoni propositi, finisco col fare il ripieno su una base pronta, e così non è più erbazzone! :mrgreen:

  6. Lisa scrive:

    Uh! E’ praticamente la stessa pasta matta che uso sempre io per fare le torte salate. Ottima e vegana. :-)

  7. Sarah scrive:

    Mi ispira tantissimo!!!
    Anche se mi incuriosisce l’uso dell’aceto, riprendendo la domanda di Beta, ci vuole per forza?
    Ciao, Sarah

    • Mamma Felice scrive:

      Vedrai che non si sente come gusto, ma rende l’impasto elastico. Altrimenti si può provare col vino bianco, ma in quel caso ne serve circa mezzo bicchiere, e ovviamente la pasta resta differente…

  8. samuela scrive:

    Cara Barbara grazie per questa idea! Ti chiedo una cosa e se non ci metto l’aceto viene ugualmente? Non posso proprio sopportarlo! Ti auguro una giornata in cui splenda sempre il sole!

  9. Claudia scrive:

    Adoro le ricette che dai! Di sicuro lo proverò! Grazie :perte:

  10. Nunzia scrive:

    Spettacolareeee!! :D
    Lo proverò a fare sicuramente!
    Grazie

  11. polly scrive:

    io ogni tanto lo faccio e le mie figlie lo divorano! però una volta l’ho mangiato a Reggio ed era tutta un’altra cosa, secondo me dentro c’è anche il formaggio…e anche la crosta era unta e bisunta, una roba deliziosa… :heart:

    • Mamma Felice scrive:

      Credo che nella sfoglia originale ci sia lo strutto, ma io mi rifiuto: mi fa troppo senso…

      • polly scrive:

        dai, non dovevi dirmelo :mrgreen:
        e comunque c’è lo strutto anche nella piadina, mi pare…per non parlare dei ciccioli frolli, da quando ho saputo come li fanno faccio un po’ fatica a mandarli giù :mrgreen:

  12. mammamicia scrive:

    bellissima e credo buonissima, da provare quanto prima!!

  13. BarbaraSpeedy scrive:

    Mi intriga questa ricetta!!!! :mrgreen: E detto da me che sono una cuoca riluttante è già molto!!! :mrgreen:

  14. Anna scrive:

    E per chi non ha nè il robot e nè la macchina per il pane?
    Vado di olio di gomito!?Per quanto tempo devo impastarla!?
    Grazie…

  15. pagnottina80 scrive:

    dai che buono, anche io faccio sempre….quasi sempre…..quell’impasto, invece dell’aceto uso il vino bianco.
    ho giusto giusto delle biete che ho fatto cuocere e pure degli spinaci, ok stasera lo faccio.

  16. Silbietta scrive:

    Bellissima e pure buonissima Ba!
    Sai che io la pasta per la torta salata l’ho sempre fatto a casa?
    Prima usavo il burro (che mia mamma mi aveva insegnato così), poi ho sostituito con l’olio di semi.
    A parte l’aceto è uguale alla tua ricetta.
    Rimane più leggera (e non lascia il sapore di grasso in bocca) ed è veloce da fare hai ragione.
    L’altra sera avevo fame, non avevo voglia di cucinare (sara e il marito si erano presi la pizza). Avevo del radicchio al forno avanzato dalla sera prima.
    Ho preparato la base per la torta, ma un bel po’ di meno, quel tanto per fare una specie di raviolone (o di simil panzerotto) ho riempito col radicchio, cotto al microonde…è venuto buono…
    mi sa che quello sarà la mia ricetta per la cena dell’ultima ora da oggi in poi! :D

  17. mamma papera scrive:

    mamma mia 8O che spettacolo!!!

  18. solitaMente scrive:

    Wow! Questa dell’aceto che dona l’elasticità all’impasto non la sapevo proprio!!! Devo provare anche questa ricetta! … si si … ho giusto delle cicorie scaldate in frigo ad attendere un bell’impiego culinario per stasera!

  19. ChiccaGaia scrive:

    ..WOW…devo assolutamente provarlo!..ho un’amica che ha la casa vicino a Pontremoli,e da gggiovani,quando passavamo le vacanze da lei,ci facevamo delle scorpacciate potenti di erbazzone(tipo una “torta”che mangiavamo in due….ahahahahahahah

    …che bei tempiiiiiiii…lo rifarò in suo onore!!! ;)

  20. katia scrive:

    Ma che meraviglia ‘sta pasta… versatilissima….Grazie Barbara :rosa:
    La pasta con la ricotta la faccio spesso… ma uso quella salata (è dura e stagionata), faccio un sughino al pomodoro un po’ liquido e senza sale… uno spettacolo!!!!

  21. Daniela scrive:

    mi intriga parecchio – proverò… io che sono negata (e spaventata) dalla pasta fatta in casa… ma cosa si può aggiungere (in generale a tutte le torte/tortini/sformati) per dare un po’ di sapore se il marito rifiuta categoricamente ogni tipo di formaggio fuso o cmq cotto tranne la ricotta (normale, non salata)??
    grz

    • Mamma Felice scrive:

      Io formaggio non ne metto, a parte il parmigiano. Altrimenti fai prosciutto e funghi, o salsiccia e funghi, o zucca…

      • Daniela scrive:

        Ho visto solo ora la tua risposta – scusami.
        Nel frattempo, l’erbazzone l’ho fatto 2 volte senza parmigiano… ma era buonissimo lo stesso.
        Ieri sera l’ho fatto con le zucchine invece di bieta e spinaci… spettacolo! e la fan più grande è stata Elisa che ne ha voluta una seconda fetta immediatamente, stava anche per partire un capriccio…

  22. Paoletta scrive:

    non l’ho mai assaggiato, sembra proprio buono, lo proverò!

  23. Elisa scrive:

    Barbara tu stai creando un mostro , ho giusto della farina integrale e facendola in casa posso pure fare la dose ridotta , che il rotolo di sfoglia a volte è troppo x me e spesso mi scadeva in frigo … :cuore:

  24. aspirantemamma scrive:

    stacco qui e lo faccio :mrgreen:

  25. kosenrufu mama scrive:

    credo che sarà la cena di domani sera, che preparerò però domattina, verso le 8,30 da lasciare pronta per il resto della ciurma mentre io sarò in aeroporto…
    cime di rapa in frigo che attendono con gioia questa bella fine!
    un abbraccio

  26. Danila scrive:

    Che bello il tuo ERBAZZONE.FACILE E NUTRIENTE!

  27. kosenrufu mama scrive:

    E’ in forno……

  28. FrancescaV scrive:

    provero anch’io questo impasto, se poi dice che é veloce e non ci vuole il robot (che non ho), lo faccio sicuro :mrgreen:

  29. Ma che bella ricetta! La cosa che mi incuriosisce di più è l’aceto che la rende più leggera. Da provare al più presto!

  30. Laurasia scrive:

    provata Ba è strepitosa!!!
    Ci vuole un attimo a farla, ripiena di p.cotto e mozzarella, mamma mia davvero buona! grazie!

  31. Elisa scrive:

    Ba ho provato a farla con la farina integrale ma non viene bene , cioè non resta elastica e non si stende proprio , ho dovuto aggiungere farina bianca ma ancora rimaneva troppo dura , ci riprovo con solo farina bianca poi ti faccio sapere , secondo me l’integrale massimo al 50% non per il sapore che era buono ma è proprio un problema di consistenza … comunque non demordo e ritento

    • Mamma Felice scrive:

      ma che strano! io la faccio praticamente sempre integrale o di farro, e resta bene… ma non è che hai messo poca acqua?

      • Elisa scrive:

        no no proprio non stava insieme , pero devo dire che è una farina molto grezza , infatti anche x la pizza ne uso metà integrale e metà bianca altrimenti non diventa elastica

  32. MammaViò scrive:

    uhm…quando la mangiavo a Cesena pensavo che fosse super complicata…invece con le tue spiegazioni sembra facile!! Voglio provare!!

  33. Giorgia scrive:

    Grazie!!!!!!!
    Provata ed è venuta buonissima. Io facevo la torta di verdura senza aceto (e senza copertura), ieri l’ho provata con un cucchiaio di aceto (che assolutamente non si sente) e chiusa ed è venuta un capolavoro!!!
    Giorgia

  34. Claudia scrive:

    ciao MF, ieri ho fatto l’erbazzone, senza uovo ma con la mortadella, buono, ma buono…grazie per queste ricette :heart:

  35. Mammatrafficona scrive:

    Chissà che buona fatta con le erbette spontanee che arriveranno tra poco nei prati e nei campi!

  36. isabella scrive:

    grazie mille mi fa tornare a casa vivo in Belgio, per completare mi manca un dettaglio
    come devo trattare la teglia prima di foderarla con la pasta _-_
    Grazie
    Isabella :D

  37. nonna lella scrive:

    :perte: questa è una ricetta che tutte le nonne devono conoscere grazie la faro per Pasqua a tutta la famiglia !

  38. romina scrive:

    ciao!
    ho fatto questa ricetta ieri sera e la rifarò senz’altro spesso.
    PRatica, economica, veloce e genuina e garantisce un risultato davvero ottimo.
    Ti ringrazio davvero molto: i miei bambini hanno apprezzato davvero tantissimo e considerato che il piccolo è di gusti DAVVERO difficili, consideralo un tuo personale successo!
    grazie, grazie, grazie.
    Buona serata
    Romina

  39. giovanna scrive:

    Ciao, ispirata dalla tua ricetta ho fatto la pasta e cotto le bietole. Adesso dovrei stendere l’impasto, ma mi è sorto un dubbio: non sarà un po’ poca? Per la tua fantastica teglia con copertura che dosi hai usato?

  40. micol scrive:

    ciao, ma che tipo di olio bisogna usare?
    buon anno!

  41. Paolaandol scrive:

    Ciao Mamma Felice!
    ho letto la tua ricetta e sembra fantastica…solo che provandola…la pasta non e venuta esattamente come la tua…era molto appicicaticcia e non compatta…forse perche non ho il robot da cucina? o forse ho messo troppa acqua? a quanto corrisponde 50g d’olio…
    chiedo disperatamente il tuo aiuto perche adoro l’erbazzone e vivendo in Australia vorrei poterlo fare!!
    grazie!!
    ciao ciao :perte:

    • Mamma Felice scrive:

      Ciao, secondo me devi incorporare l’acqua un po’ per volta e metterne anche meno. Probabilmente c’è una differenza tra le farine, o di umidità. Di olio mettine almeno 3 cucchiai.

  42. RobyGiup scrive:

    Mi piace questo impasto, rapidissimo da fare! L’ho provato ieri sera (con un ripieno diverso: cipolla di tropea, stracchino e pesto) però mi sa che ho messo troppa farina integrale, la pasta era un po’ difficile da stendere ed è rimasta un pochino dura. Ma riproverò a breve! ;)

  43. littlecooker scrive:

    A me quest’impasto è sfogliato quando l’ho cotto nel forno a gas, mai in quello elettrico. Forse dipende dalla temperatura più alta? Baci :perte:

Commenti

Scrivi un nuovo commento oppure clicca su 'replica' se vuoi rispondere a un commento precedente.

:D :? :| 8O :roll: :( ;) 8) :lol: :mrgreen: :heart: :oops: :piango: :occhioni: :fiu: :perte: :scus: :oink: :rosa: :fortuna: :cuore: :gift: :ape: :argh: more »