L’angolo del cucito e del crafting: con cosa cominciare?

Pubblicato il 15 ottobre 2009 da • Ultima revisione: 10 giugno 2015

Cosa serve a una ‘principiante’ per iniziare a cucire un po’ e per iniziare ad adoperarsi nel fai da te? Quali materiali creativi servono, per iniziare a cucire/creare qualcosa con le proprie mani?

Craft room, stanza creativa degli hobby per cucito e fai da te

Siccome da qualche anno sono un’eccellente principiante, ecco cosa – secondo me – serve per iniziare, ma senza spendere troppo: io cerco i miei materiali creativi sempre in offerta, o in luoghi in cui è facile reperire scampoli o prodotti convenienti.

Cucito creativo

Inutile spendere subito troppi soldi per comprare stoffe pregiate: meglio buttarsi sugli scampoli o sui vecchi vestiti che non ci vanno più bene e possono essere trasformati in altro.

Per esempio i body o i vestitini dei bimbi, quelli super usati che non possiamo regalare, vanno benissimo allo scopo. Oppure i vecchi maglioniBetz White è diventata una maga di questo tipo di riciclo. O ancora i vecchi asciugamani, che possono diventare bavaglini o pupazzetti morbidi.

Scampoli di stoffa, feltro e pannolenci

I migliori scampoli di stoffa io li trovo da Ikea: nel reparto stoffe, di solito c’è un cesto dove vengono venduti, già prezzati, dei ritagli che avanzano dai tagli errati della stoffa. Ci ho sempre fatto grandissimi affari, perché vengono venduti scontatissimi (1-3eur al pezzo).

In alternativa, esistono dei negozi (sono quasi degli spacci) che vendono proprio scampoli: per esempio Giesse Scampoli, o Ada Scampoli a Bologna, un negozietto vicino a casa mia. Insomma: cercate ‘scampoli’ sulle pagine gialle della vostra città.

materiali-creativi-per-il-fai-da-te-cosa-serve-per-iniziare

Anche il feltro e il pannolenci si trovano facilmente da Giesse Scampoli o negli altri negozi, ma anche online da Opitec.
Da Giesse sono abbastanza economici, ma non di alta qualità. Il feltro di alta qualità costa molto, quindi andateci piano!

Per iniziare, bastano 20-50 cm di feltro o pannolenci, magari in 3-4 colori. Spenderete circa 15-20eur.

Kit per il cucito

Quando avete la stoffa,  vi serve il necessario per iniziare a cucire: aghi di diverse misure, un puntaspilli con relativi spilli, delle forbici grandi per tagliare i pezzi di stoffa e delle forbici piccole per tagliare i fili, un metro da sarta.

Tutto questo lo trovate da Ikea in un kit fantastico che costa pochissimo, e che ha in dotazione le migliori forbici che io fino ad ora abbia trovato per i miei lavori di cucito: costa meno di 8 euro, e dura una vita.

stanza degli hobby

Poi servono i fili: dei rocchetti di filo bianco e nero, e una serie di rocchetti di filo colorato da rammendo. Si trovano ovunque: nel Negozio 99cent, spesso in offerta al LIDL, da Ikea, nei negozi di scampoli. Da Giesse quelli in poliestere costano pochissimo e si trovano in moltissimi colori.

Servono anche delle matassine da ricamo: io le compro da Giesse Scampoli e le pago 1eur ogni 3 matassine. Per ora in altri posti non le ho ancora trovate a questo prezzo economico: ogni tanto ci sono al LIDL, o magari in qualche supermercato, ma in questo caso non sono propriamente economiche.
Le matassine saranno utili per cucire il pannolenci col punto festone, ma anche per ricamare.

Bottoni e nastrini

Compro anche quelli da Giesse, a peso, e costano mi sembra 1eur l’etto: sono molto convenienti, dunque, anche se non sono bellissimi. Si tratta di bottoni piuttosto semplici e dai colori variabili.
I bei bottoni costano parecchio, ma ci sono dei negozi su Etsy dove si vendono a un buon prezzo, oppure da Opitec.

materiali-per-cucito-creativo-stanza-hobby-craft

Potrebbero servire anche dei nastrini di raso colorato o di pizzo: nel mio caso, visto che sono piuttosto costosi, io mi sono adattata a quelli che trovo al Leroy Merlin. Costano un tot al metro e per ora sono i più economici che ho trovato.

Riempimento sintetico:

Per creare dei softies, delle bambole o dei cuscini, io uso il riempimento sintetico venduto sfuso (sembrano batuffoli), che compro in grandi sacchetti al Leroy Merlin. Altrove non l’ho trovato…

Macchina da cucire:

Se ci si vuole buttare nel cucito, a un certo punto servirà la macchina da cucire. La mia, della Lervia, viene da un’offerta LIDL. è un modello molto ‘base’, senza fronzoli, e funziona un giorno sì e un giorno no, anche se lo considero un grandissimo acquisto, perché per quello che costa (80eur?), ci ho assolutamente guadagnato.

Insieme alla macchina da cucire, serviranno dunque anche i rocchetti di filo colorato e le spolette aggiuntive.

Per dedicarsi allo scrap & craft

Questo è forse il settore dove si spende meno, perché qui si può riciclare alla grande. Le cose davvero costose sono le carte da scrapbooking, che di solito su internet costano dai 50cent ai 2eur l’una (misura 30×30), ma che hanno delle spese di spedizione pazzesche (8eur di spedizione per comprare 5eur di carte sono davvero troppi!)… e quindi o si fanno degli ordini cumulativi, oppure si paga e amen. Ma si trovano anche da Tiger, un negozietto che ha tantissimi oggetti carini a poco prezzo.

Io uso moltissimo cartoncino comune che decoro con la carta da pacchi: da Ikea ci sono dei rotoli di carta regali bellissimi, e li uso spesso al posto della carta pregiata per inventarmi qualcosa.

Cancelleria

Sulla cancelleria ci si può sbizzarrire nei supermercati.

materiali-creativi-per-il-fai-da-te-cosa-serve-per-iniziare-cancelleria
Sicuramente servono una colla vinilica, dei pennarelli e dei pastelli, penne colorate, cartoncini colorati (spesso si trovano in offerta al LIDL), fogli di carta, nastro adesivo... Io vado sempre al Carrefour, perché hanno un sacco di roba, ma credo che uno valga l’altro.
Se la trovate, è utile anche la gomma crepla, che costa pochissimo ed è utile per creare marionette o decorazioni in rilievo per i biglietti.

Per ‘plastificare‘, al Leroy Merlin si trovano dei rotoloni di carta adesiva trasparente che costano circa 8-9eur l’uno, ma sono molto lunghi. Perfetti per le carte tematiche! 😉

E poi scatole da riciclare, confezioni dei cereali, carta dei regali o delle uova di Pasqua… in questo caso vale tutto. Io ho due scatole piene di questi materiali, e ogni tanto trovo il modo di riciclarli a puntino.

E poi, in fondo ai cassetti delle nonne, sicuramente trovate altro!
Quanto vorrei andare a sbirciare nella credenza di Nonna Pina, per trovare qualche bel bottone vintage da usare per i miei ciapini!

Cos’altro aggiungereste?
Orsù, creatrici del web, dateci idee!



Commenti

102 Commenti per “L’angolo del cucito e del crafting: con cosa cominciare?”
  1. Cavolo quante info! allora…la macchna al lidl non me la compro piu’ perchè non ho capito se funzia oppure non funzia, quindi mi tengo la mia scassata 🙂 ho capito che voi da Giesse scampoli trovate un sacco di roba che nel mio non hanno proprio, porcaccia miseriaccia pero’ hanno alcune stoffine americane a 6 euro al mt. che come prezzo è ottimo, personalmente mi trovo molto bene anche al mercato dove trovo dei nastrini, bottoni, stoffe (non sempre) rocchetti di filo e anche delle lane da lavorare a ferri a poco, tipo 1 euro all’etto, e per le imbottiture utilizzo la lana dei materassi, è sprecata ma ne ho tanta.
    Mi sa che l’infila ago lo utilizzo solo io invece

  2. A casa mia ago e filo nn son mai mancati avendo mia mamma un laboratorio di confezioni
    Spesso da lei ho arraffato molte stoffine e vari nastrini che poi ho usato nei nidi dove ho lavorato, poi aimè nel tempo il target di produzione di mia mamma ha eliminato molto il colore dalla stoffa e i nastrini…insomma siamo ad esaurimento
    Io compro da opitec quando ci son le offerte, ho preso dei bottoncini molto carini ad esempio e varie fustellatrici in offerta.
    Le prime cotonine le ho prese a tutto un euro
    poi al lidl si, molte confezioni le prendo al lidl, mi sono accorta che spesso hanno alcune cose come quelle della opitec ma costano meno!
    Poi al brico ci sono gran fortinture di feltro e materiale ma costa, allora spesso vado su ebay e spendo molto meno
    Il mio ultimo sacchettino di bottoncini carini l’ho pagato zero euro, o meglio ho barattato qualcosa che a me nn serviva per un sacchetto di bottoni molto carucci 😛 (sempre sul sito zerorelativo)

  3. Karola

    …sono senza parole! Ora mi devo mettere sotto! Grazie Mammafelice e a tutte le altre 😀 😀 😀

  4. Oddio che bel post e ODDIO quanti commenti avete scritto??? Ci vuole una vita a leggerli tutti ma sono interessantissimi :mrgreen:
    Posso aggiungere qualche suggerimento personale?
    Per la macchina da cucire io mi trovo benissimo con quelle piccoline di note marche che si trovano adesso, sembrano quasi dei giocattoli perchè sono minuscole e leggerissime (e si ripongono in un batter d’occhio) ma vanno alla grande, io ne ho due una della janome ed una della Vigorelli, la prima 75 euro circa dal concessionario Janome e l’altra 39 euro all’ipercoop, sono IDENTICHE cambia solo la scitta della marca sopra. Usano spolette standard così si possono comprare quelle dei set già completi con rocchetto e spoletta già pronta dello stesso colore in 20-30 colori assortiti (LIDL).
    Per le stoffe io compro moltissimo al mercato (qui non c’è nè GS scampoli nè altri negozi del genere, i pochi che provano ad aprire chiudono subito, è una landa desolata!) e soprattutto riciclo TUTTO e compro anche abiti usati a bassissimo prezzo (1-3 euro) per riciclare stoffe e bottoni 😉
    Il ditale lo uso solo se è indispensabile ma lo trovo una grande invenzione…
    Sia per il cucito che per lo scrap e per il craft in generale riciclo praticamente qualsiasi cosa, ormai ho l’occhio molto allenato.

    • mi stavo giusto chiedendo come andassero le micro-macchine per cucire, che mi ispirano molto per le dimensioni
      mi sono innamorata della cucciola del lidl, che era in offerta tempo fa a 20-30 euro (non ricordo di preciso) e ne ho vista una simile da dmail sempre sui 20-30 euro, e sarebbe una spesa affrontabile, magari come regalo di Natale… se mi dici che funzionano bene ci faccio un pensierino serio.

      • Mamma Felice (Mappano) - Ariete
        Mamma Felice
        immagine livello
        Guru
        Mamma di Dafne (9 anni)

        Mi è venuto in mente che un’altra cosa indispensabile è il ferro da stiro!
        Solo che è una rottura tutte le volte prendere il ferro grande e tirare fuori l’asse, e pensavo quasi quasi a un ferro piccolino da viaggio, giusto per dare le pieghe ai tessuti e preparare gli orli…

      • io il ferro l’ho usato pochissime volte
        vero che aiuta, ma come dici tu ce ne vorrebbe uno piccino, veloce da usare

      • invoglia anche me l’avevo vista una volta sola in un negozio e poi da dmail…
        mia mamma ha quelle professionali in laboratorio ma se mi vece approciarmi ad una macchina da cuciresviene 😛

      • Quella da DMAIL l’ho vista ma mi sembra una schifezzuola, lasciatela perdere e sceglietene una di marca, la Vigorelli è ottima (identica alla Janome) e si chiama SEW PETITE e va alla grande. Quella su dmail mi sembra davvero un giocattolo e costa uguale o quasi…

  5. uh dimenticavo: anch’io come imbottiture usa spesso imbottiture riciclate oppure i collant tagliati a pezzettini o striscioline e per fare i softies uso stoffe riciclate da maglioni e cose simili, il cagnolino che c’è sul blog l’ho fatto così 😉

  6. Grazie per questo bel post. Davvero utile per me che ho iniziato da poco a cucire e mi piace un sacco. Mi attira molto l’idea di cercare di riciclare il più possibile stoffe e materale vario già disponibile in casa. Pratico il riciclo già nei materiale che utilizzo con l’uncinetto e il cucito offre ulteriori opportunità.
    Dal numero di commenti vedo che il tuo post è stato gradito da tante!
    ciao
    Barbara

  7. E dopo 80 commenti, cos’altro posso aggiungere che non sia stato detto?
    Un brava ci sta sempre bene!
    E te lo meriti tutto 🙂

    Ciao e buona serata, elena°*°

  8. katy

    salve non so se può interessare e se se può essere veramente conveniente…ma io ho trovato molto utile il cuscino dell’ikea (il più economico 2Euro), col quale ci riempio le bamboline per mia figlia, il risultato per me è perfetto…posso dirvi solo provateci e giudicate voi…grazie per la fantasia condivisa…..

  9. evelin

    un oggetto utile che può servire se si vuole fare scrap è il righello con il taglierino incorporato (non so se mi sono spiegata bene) che casualmente è in offerta da domani a lidl a soli 8 € . se penso che ieri sono stata ad Abilmente (wooooooooooooooowwwwwwwwwwww! mi girava la testa! 🙄 ) e ne ho visti a partire da 13.50€!. quindi viva LIDL! 😉

  10. Proprio oggi sto pensado all’acquisto di una macchina da cucire. Visto che il post è di qualche anno fa, mi dici come è andata a finire con la macchina della Lidl. Perché anche io vorrei spendere poco, ma poi ho paura di non riuscire a farne niente!
    Grazie!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.