Motori di ricerca lavoro

Pubblicato il 10 febbraio 2009 da • Ultima revisione: 20 marzo 2015

Sulla rete esistono un sacco di motori di ricerca per il lavoro. Alcuni di questi sono davvero ben fatti e possono realmente aiutare nella ricerca di un lavoro. Altri sono da evitare come la peste, soprattutto quando si cerca un telelavoro e si trovano annunci del tipo: come guadagnare a casa senza sforzo, come guadagnare mille euro al mese facendo marketing on-line, oppure generando click, ecc… Insomma: inutile dire che bisogna stare attenti!

Ecco i migliori siti per la ricerca di lavoro:

http://www.jobrapido.it/
Ha una grafica scarna, ma è utilissimo e davvero ben fatto: è una specie di google dei siti di ricerca di lavoro, ovvero un motore di ricerca per il lavoro, in cui sono raccolti tutti gli annunci degli altri portali.

http://www.monster.it/
Il più diffuso e famoso portale di ricerca lavoro in tutto il mondo: oltre a pubblicare gli annunci di lavoro di aziende serie e offrire la possibilità di candidarsi direttamente online, dà la possibilità di usufruire di contenuti speciali, come ad esempio i consigli strategici per trovare un lavoro, o su come compilare un curriculum, o ancora affrontare un colloqui di lavoro.

http://www.infojobs.it/
Contiene molti annunci e offre la possibilità di candidarsi online per una posizione. Inserire un curriculum è per un’impresa ardua: prendetevi mezza giornata di ferie, per farlo, perchè ha un formato ASSURDO e un milione di informazioni richieste e bloccanti da inserire.

http://www.altiprofili.it/
Raccoglie annunci di alto profilo, per posizioni super qualificate.

Anche alcuni quotidiani offrono un servizio di annunci di lavoro:
– Il Corriere;
– La Repubblica;
TGFin;
– La Stampa.

Le agenzie interinali che propongono offerte online:
Adecco;
– LavoroPiù;
Manpower;
Temporary;
Obiettivo Lavoro;
– Generale Industrielle.

Sul telelavoro, manco a dirlo, non c’è nulla di serio (o comunque di aggiornato, visto che addirittura sui portali si telelavoro le ultime news risalgono al 2004). C’è un link interessante dell’INPS che spiega, per lo meno, che cos’è, qual è la Normativa e come contrattarlo: INPS Telelavoro. (Lasciate però perdere i link consigliati, che sono vecchi, oppure pieni di annunci ‘dubbi’).

Come si cerca un nuovo lavoro?
Occorre compilare un buon curriculum, sintetico, senza errori, mirato al tipo di annuncio a cui si risponde. I consigli per compilare il curriculum, si trovano in maniera approfontita sul Forum: Il curriculum vitae: modello e barbatrucchi.

La cosa migliore da fare, è quella di inviare pochi curricula alla volta, evitando di farsi prendere dalla smania di rispondere a tutte le offerte. Ancora meglio sarebbe stilare una propria lista di ‘preferenze’, reperendo le email delle aziende che più ci piacciono, e iniziare da quelle, annunciandosi con una bella lettera di presentazione.
Le email non vanno mai mandate nè di lunedì, nè di venerdì: sembra sciocco, ma il lunedì molte email vanno perse, perchè di solito la casella di posta è piena di spam e mail inutili… e si fa in fretta a cestinare. Il venerdì invece si rischia che vadano perse perchè si è già in aria di vacanza (per non parlare degli stabilimenti produttivi, in cui il venerdì pomeriggio di solito si sta a casa).
Cosa buona e giusta è quella dic rearsi una casella di posta elettronica seria: con nome.cognome, senza emoticon e immagini, con un buon sistema antispam (gmail, senza dubbio).

Come si cerca un telelavoro?
Innanzi tutto bisogna sapere cosa si può offrire.
E’ necessario avere tempo a disposizione per lavorare seriamente (e rapidamente): un telelavoro non è un hobby.
Bisogna poi poter garantire la propria presenza attivando un account skype, o fornendo un numero di telefono, o ancora munendosi di fax (il servizio fax si può fare facilmente online, senza bisogno di acquistare un apparecchio).
Bisogna avere una connessione ad internet sicura, possibilmente di tipo professionale (guai a restare senza telefono per una settimana!).

Detto questo, la cosa migliore da fare è pensare a ciò che si sa fare, e proporsi direttamente alle aziende: se si è capaci di scrivere e si ha una conoscenza approfondita su qualche argomento, ci si può proporre come scrittori freelance per i portali online; se si è veloci a digitare, ci si può proporre per la battitura di tesi, o per data entry; se si conosce bene una lingua straniera, ci si può proporre alle agenzie di traduzione o alle aziende di import-export per traduzioni ‘spot’; e così via…
Sicuramente i mestieri più facilmente gestibili come telelavoro, sono quelli di scrittori freelance, fotografi, grafici (soprattutto grafica web), realizzatori di siti web.  Ma nulla vieta di usare la propria creatività per proporre nuovi tipi di mestieri ‘online’!



Commenti

24 Commenti per “Motori di ricerca lavoro”
  1. Ciao vi suggerisco questo nuovo portale che in quest’ultimo anno ha dimostrato di avere sempre opportunità di lavoro SERIE!
    http://www.extrajob.it è gratuito sia per chi cerca sia per chi pubblica.
    Spero di aver fatto cosa buona e giusta in questo periodo difficile 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.