Le tavole tattili Montessori: liscio / ruvido

Pubblicato il 28 novembre 2008 da • Ultima revisione: 10 giugno 2015

Tra i tanti materiali montessoriani, ci sono delle tavolette di legno che insegnano ai bambini a comprendere la differenza di materiale, di consistenza, di temperatura… Ad esempio con associazioni: freddo/caldo, liscio/ruvido, duro-rigido/morbido-soffice-elastico.

montessori-tavole-tattili-per-stimolare-senso-del-tatto-liscio-ruvido

Lo stesso materiale utilizzato nelle tavolette liscio/ruvido verrà riproposto anche più in là nel tempo, nel metodo Montessori, quando si parlerà di lettere e numeri smerigliati (sandpaper numerals e sandpaper letters).

In quest’ultimo caso, il bambino dovrà seguire con il dito il contorno ruvido della lettera o del numero, iniziando dei veri e propri esercizi di pregrafismo (che vanno naturalmente guidati, in modo che il percorso delle dita sia uguale a quello che si fa con la penna quando si scrive quella determinata lettera o quel numero).

Tavole tattili liscio / ruvido: come sono fatte

tavole-tattili-ruvido-liscio-montessori

Possiamo creare – o acquistare, due tipi di tavolette tattili liscio / ruvido:

  • un set di tavolette di legno smerigliate, con un diverso grado di ruvidità (dietro possiamo segnare la gradazione, così da facilitare il controllo dell’errore)
  • delle tavolette rettangolari, sempre di legno, che hanno una mezza tavola liscia e una mezza ruvida, e poi una serie di strisce ruvide disposte in sequenza alternata, o in gradazione.

Tavolette fai da te

Per fare le tavole tattili liscio / ruvido io ho utilizzato un rettangolo di cartone spesso, che ho ricoperto per metà con il pannolenci beige (a destra), e per metà con della carta smerigliata (a sinistra – carta vetrata, P100) dello stesso colore.

Con la tavoletta di legno sarebbe meglio, perché così può anche essere messa in bocca (a patto di non incollare i materiali con colle pericolose… io ho usato semplicemente del nastro biadesivo).

E’ importante che i due materiali abbiano un colore uguale o simile, perché il senso da stimolare, in questo caso, è il tatto, e non la vista.

Chiaramente si possono acquistare già pronte, sia nella versione metà liscio-metà ruvido, sia con le strisce alternate, sia con le strisce in gradazione, dalla meno ruvida alla più ruvida: cosa che però si può riprodurre facilmente in casa, acquistando da soli i materiali (per la cronaca: da Castorama un pacco con vari fogli di carta vetrata mi è costato 1eur).

  • Altri materiali lisci: carta, carta per lucidi, plexiglass, lastre di vetro, piastrelle lucide, lastre di metallo, scampoli di pelliccia e nylon, velluto, pannolenci;
  • Altri materiali ruvidi: carta vetrata, feltro, pezzi di corteccia degli alberi, polistirolo, spugna per i piatti, carta crespa, tulle.

Tavole tattili freddo / caldo

Tra le altre tavole tattili, abbiamo per esempio quelle del freddo / caldo: sono tavolette di diversi tipi di materiale, che a contatto con la mano producono una diversa sensazione di freddo o di calco, come il ferro, il vetro, il marmo, il legno, il sughero e il feltro.

tavole-tattili-freddo-caldo-montessori

[Foto: Gonzaga Arredi]



Commenti

19 Commenti per “Le tavole tattili Montessori: liscio / ruvido”
  1. Ciao Mammafelice… ho scoperto da poco questo tuo bellissimo blog. Complimenti davvero.
    Sono mamma e pedagogista e ti ringrazio per i mille suggerimenti ed idee che dai (e mi hai dato). Continua così!
    P.S.
    Io per evitare che mangino le tavolette tattili di solito le inserisco in cornicette di legno – togliendo il vetro, naturalmente ;-). e’ un metodo facile, economico ed anche sicuro!

  2. Mamma Felice (Mappano) - Ariete
    Mamma Felice
    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (10 anni)

    Grazie, Paola, non ci avevo proprio pensato! Ho ancora le cornicette che ho preso all’Ikea per i telai delle allacciature, ed effettivamente vanno benissimo. Se avrai altri suggerimenti saranno bene accetti. Grazie ancora!

  3. cose così semplici e così istruttive, menomale che ci sono i tuoi post ad illuminarmi su tanti aspetti a cui forse non farei caso…
    p.s: non c’entra con questo post, ma stamattina mi è capitato di leggere qui: http://www.bebeblog.it/post/308/packtoozi-sistema-di-organizzazione-per-uscire-senza-impazzire – e mi sei subito venuta in mente, secondo me riusciresti a fare qualcosa di molto bello, rimbalzo la palla perchè io non sono capace di farla a mano mentre l’idea mi sembra molto carina!

  4. Ciao, curioso spesso nel tuo blog ma non ho mai il tempo per leggere con calma i tanti suggerimenti…mi chiedevo da che periodo si possono usare le tavole tattili e quelle tematiche che hai messo qui sulla destra.

  5. Mamma Felice (Mappano) - Ariete
    Mamma Felice
    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (10 anni)

    Grazie Lila, è una genialata! Mi hai dato un bellissimo spunto per parlare del ‘kit di sopravvivenza’ mammesco, per uscire con un bambino piccolo 🙂

  6. Mamma Felice (Mappano) - Ariete
    Mamma Felice
    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (10 anni)

    Laura, in teoria questi materiali vanno proposti quando è il bambino a sentirne l’esigenza, in pratica, per entrambe le cose che hai chiesto, stiamo nella fascia intorno ai 2-6 anni, ovvero nel passaggio dalla prescrittura alla scrittura.

    Le carte tematiche puoi ‘tirarle fuori’ quando inizia l’esigenza di conoscere nuove parole o consolidare le parole che sono state già apprese.
    Ad esempio quando il bambino impara a riconoscere alcune lettere dell’alfabeto (ad esempio l’iniziale del suo nome, la M di mamma, ecc…), gli si possono proporre le carte fonetiche e le sandpapers letters.
    O quando inizia ad appassionarsi agli animali, o ai colori, o agli oggetti della casa, si può aiutare la sua scoperta con le carte tematiche che riguardano questi argomenti.

    Diciamo, in generale, che il metodo consiste non in un superpotenziamento delle capacità dei bambini (ovvero non come mezzo per farli diventare dei geni), ma come accompagnamento allo sviluppo libero del bambino, che scopre le cose con i suoi tempi (e con la nostra guida) e ha bisogno di un ‘facilitatore’ e non un ‘potenziatore’.

    Si capisce o son stata contorta? Oggi avrei bisogno di un facilitatore pure io ahhaaa 🙂

  7. sammy

    ciao…sono molto interessanti le tavole tattili…e sai cosa mi e’ venuto in mente??
    si potrebbero rilegare a libro??

    ciao e ancora complimenti per il tuo blog.

    Ps:ho visto le foto di Dafne …e’ davvero dolcissima…e bellissima!

  8. Mamma Felice (Mappano) - Ariete
    Mamma Felice
    immagine livello
    Guru
    Mamma di Dafne (10 anni)

    Devo assolutamente aggiornare il blog con le nuove foto… proprio stamattina le guardavo ed è davvero impressionante vedere i cambiamenti che ha fatto, e come è diventata una Persona. Questo mi sconvolge sempre: abbiamo creato una Persona. E’ da togliere il fiato. Vero, Sammy?

  9. sammy

    eh si!!!…e pian piano te ne renderai sempre piu’ conto!!!

    un abbraccio!
    Sammy

  10. Si capisce. Grazie della spiegazione 🙂

  11. sempre interessantissimi i tuoi post, dovrò salvarli tutti per un domani mi sa;) bacio

  12. Ciao, anche io ho una piccola idea sulla felicità e mi fa piacere condividerla con te. Ti leggo sempre 😉

  13. I revel within the submit. Significantly cheers all over again. Wonderful.

  14. E molto interessante mio figlio che in prima stano facendo tutto un lavoro su ruvido liscio caldo freddo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti registri gratis a Mammafelice puoi inserire foto nei commenti, inserire gli annunci di nascita, le date di compleanno, partecipare alla chat delle mamme e al forum.